Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

19 febbraio 2010

Forse non ci siamo capiti

Chi ha votato per il "centro-destra" e, particolarmente, per Lega Nord, lo ha fatto soprattutto perche' la "destra" - che si e' invece rivelata poco meno che una sinistra moderata - risolvesse la questione immigratoria. Con una certa dose di ingenuita', gli elettori, hanno sperato che si potesse tornare indietro; bloccare gli "inevitabili" flussi migratori in entrata, e favorire quelli in uscita. Invece, pare che anche il "miglior ministro della Lega", Maroni, sia intenzionato a trovare una soluzione "geniale" per gestire una societa' multiculturale che, per altro, in Italia non entusiasma nessuno e nessuno vuole: ne' a destra, ne' a sinistra, con pochissime, anche se sovrastimate eccezioni. L'azione di governo del Ministro leghista sarebbe dunque interamente volta a stroncare la "clandestinita'" e la criminalita' organizzata che la sfrutta; particolarmente, quell'immigrazione che va sotto il nome di "extracomunitaria".

Peccato che i fatti piu' recenti dimostrino come la destabilizzazione degli Stati nazionali che i cosiddetti "illuminati" dai doppi e tripli cognomi, hanno tanto fortemente voluta, sia dovuta proprio alla migrazione "comunitaria" e "regolare". Abbiamo importato dai Balcani ferocissimi killer che hanno internazionalizzata la criminalita' autoctona e sterminati centinaia di italiani indifesi; abbiamo incrementato la consistenza di "comunita'", come gli zingari, la cui utilita' all'economia nazionale rimane un oggetto misterioso da oltre 5 secoli; abbiamo inglobato curiose e variopinte comunita' che sembrano non voler rinunciare ai loro altrettanto curiosi e variopinti costumi, anche quando questi confliggono con le nostre leggi.

E i nostri "rappresentanti"? Ci ammoniscono ad ogni giorno, con tono che rasenta l'insulto, su come l'immigrazione sia necessaria in quanto noi italiani non abbiamo voglia di fare un cazzo; e in ragione di questo ci ritroviamo a "competere" con gli stranieri per lavori squalificanti pagati un terzo dello stipendio di anche solo 15 anni fa e senza alcuna garanzia sindacale. Strapaghiamo una classe dirigente che non si sente minimamente legata a noi, il popolo, dal sacro vincolo della rappresentanza; anzi... che sembra piu' interessata a "rappresentare" le istanze di sconosciute e lontane elites di potere, che sanno bene come farsi obbedire senza dover sborsare nemmeno un soldo. Siamo fino costretti a pagarci la forca alla quale saremo appesi, per la venerazione che proviamo per tutto cio' che e' "democratico", meglio: "moderno". La "modernita'" e' infatti quella meta irraggiungibile per conseguire la quale e' stato demonizzato e accantonato qualunque elemntare principio di prudenza.

Ed ecco cosi' esposti alcuni argomenti che dovrebbero essere sufficienti ad avviare un "sereno dibattito" su quale "arricchimento" ci abbia portato questo "inevitabile" e "spontaneo" fenomeno. A quelli che di noi sono ancora sopravvissuti alle "magnifiche e progressive sorti" del Nuovo Ordine Mondiale, iniziato nel 1789 ed ormai quasi interamente realizzato.

Invece niente: la soluzione prospettata dall' "identitario" Maroni e', ne' piu' e ne' meno, quella adottata a Singapore e Hong Kong oltre 80 anni fa: disperdere le diverse comunita' allogene sul territorio. Il che non e' poi altro se non la via statunitense al melting pot. E lo si puo' fino capire... questo e' il massimo dell' "identita'" che i vincitori hanno concesso ai vinti.

Melting pot e societa' multiculturale si discutono accanitamente negli ambienti leghisti, ma poi li si accettano cosi' come sono. E sfido io... e' o non e', l'immigrazione, un fenomeno "inevitabile"?

Ne' sembrano bastare le lezioni che le "risorse" ci danno ormai sempre piu' spesso, quando distruggono le pubbliche e private proprieta'; oppure quando si appropriano di interi quartieri delle nostre citta'. Come a Milano, dove sotto alla casa che fu di G. Manzoni c'e' una specie di suk off limits per gli italiani e le Forze dell'Ordine.

E non bastano nemmeno le grida: "Italiani, vi ammazzeremo tutti", scandite da tali cortesissimi, oltreche' "inevitabili" ospiti, mentre marciano minacciosamente in quelli che una volta furono i nostri quartieri.

Anche i leghisti cominciano a dubitare del loro "centralismo democratico", oltre che della evidente sopravvalutazione del Ministro Maroni. A Radio Padania uno speaker tenta di rassicurare il leghista perplesso sul fatto che gli uomini che la Lega ha messo nel governo siano tra i migliori disponibili. Il che e', con tutta probabilita' vero... ma la domanda dovrebbe essere la seguente: saranno essi in grado di invertire la tendenza o si limiteranno a "governarla" come fanno oggi? Se infatti fosse questo il caso, il pur ottimo Maroni andrebbe sostituito con il certo migliore Fini... Ubi major, minor cessat, dicevano i celti... o erano i latini?
 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.