Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

22 novembre 2009

E' peggio "stronzo" o "traditore"?

L'uomo nuovo nel nuovo mondo governato dal nuovo ordine, non si stupirebbe nemmeno piu' se domani dovesse essere inquisito da un qualche tribunale situato in un anfratto qualsiasi del globo, in quanto "stronzo". La fantasia mostrata dagli invisibili che governano la Terra e' cosi' imprevedibile che ogni cosa e' ormai ritenuta possibile. Il Mondo libero mette in galera chi nega che sia mai avvenuto lo sterminio ebraico, mentre conferisce il Nobel a chi nega l'esistenza storica di Gesu' Cristo; fa portare in commissariato i bimbi inglesi di 6 (sei) anni che non vogliono parlare con i bimbi stranieri in quanto non ne capiscono la lingua; ci vorrebbe imporre di sostituire "mamma e papa'" con i piu' generici "genitore A e genitore B"... Perche' mai non potrebbe metterci in gattabuia in quanto "stronzi"?

Ma limitiamoci, anche se a malincuore, al pollaio delle nostre sempre piu' irrilevanti istituzioni politiche nazionali; nelle quali, chi dovrebbe tacere per dovere istituzionale, lancia invece continui messaggi e ammonimenti, particolarmente, magnificando le meraviglie del nuovo ordine globale e stigmatizzando la pretesa xenofobia degli italiani. Almeno due delle piu' importanti cariche dello Stato, parrebbero considerare lo Stato stesso -- e la Nazione che l'ha creato -- un'entita' provvisoria in eterno divenire; riterrebbero che l'identita' degli italiani sia sufficientemente garantita da un semplice pezzo di carta; troverebbero assolutamente normale che il Popolo italiano possa -- e debba -- essere "rinforzato" da qualche milionata di stranieri mobilitati dal nuovo ordine mondiale per salvare l'Italia da se' stessa. Va rilevato che le piu' alte cariche dello Stato godono della piu' totale immunita' penale, con la sola eccezione dell'Alto Tradimento, per il quale reato, la nostra Giurisdizione prevede ancora la pena dell'ergastolo. Lascerei a chi legge l'esaminare, per semplice accademia, semmai le esternazioni di almeno due dei tre tromboni di Stato possano essere ricondotte, o meno, alla fattispecie di reato di cui sopra.

Ma torniamo al reato di "stronzo", visto che quello di Alto Tradimento sembra essere stato depenalizzato nottetempo, come del resto, il furto, l'omicidio, etc. che abbiano per oggetto il patrimonio, o la vita, dei "vecchi" italiani; in quanto per quelli "nuovi" sembra funzionare tutto come, e peggio, di prima.

Il Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica, in uno dei suoi soliti slanci garantisti, in uno dei suoi soliti tours di autopromozione politica presso una scuola statale frequentata in gran parte da studenti stranieri, e stranieri naturalizzati italiani, ha trovato ancora il modo di fare parlare di se', dando di "stronzo" a chi ritiene che gli stranieri siano "diversi" dagli italiani. Giudizio senza appello, questo, condiviso dal circo mediatico e dalle istituzioni "italiane" tutti.

Si sa, infatti, che al mondo tutti gli uomini sono uguali. Resta pero' da definire un fatto trascurabile: se tutti sono uguali, in che consiste la differenza tra il Popolo italiano e gli altri popoli? Che intende dire la Costituzione, che all' Art. 1 dei Principi generali prescrive che la "Sovranita' appartiene al Popolo"? Intende il popolo della Terra, l'intera Umanita', o qualcos'altro? E se si riferisce, come presumibile, all'Italia, intende chi vi risiede, chi vi nasce, o chi vi e' radicato da tempo? La Costituzione non lo dice; semplicemente perche' nel momento in cui fu redatta nessuno avrebbe mai immaginato la deriva culturale odierna. Pur non essendo mai stati gli italiani "razzisti", avevano ancora l'impressione di essere "diversi" dagli altri popoli. Pur avendo archiviata la parentesi fascista, i Padri costituenti, ritenevano che l'eredita' risorgimentale fosse ancora legittima nella nuova Italia antifascista. Ma, evidentemente, peccarono di ingenuita'. Infatti, il Risorgimento e' "razzista" fino al midollo. Nell'inno nazionale si ineggia a Roma, alla sua eredita' vittoriosa e al sangue degli eredi dei latini... Avrebbero dovuto intuire che con l'accettare il piano Marshall, dalle, mani del plenipotenziario della "finanza internazionale" Jean Monnet, le cessioni di Sovranita' non avrebbero avuto mai piu' fine.

Goffredo Mameli era dunque uno stronzo; stronzo era pure Garibaldi; e i suoi epigoni facciano molta attenzione d'ora in avanti.
 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.