Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

20 settembre 2008

Italiani bastardi

Ormai ci siamo quasi. L'ennesima (non e' la prima) vendetta della Camorra scopre finalmente la vera natura del fronte. Cio' che normalmente sarebbe stato solo l'affermazione dell'unica giustizia ancora sopravvivente in alcune zone del Meridione d'Italia (quella della criminalita' organizzata), diventa scontro etnico. Per la verita', le organizzazioni criminali italiane che si spartiscono il territorio non si formalizzano molto per il colore della pelle di adepti o concorrenti: basta che rispettino le loro regole. Fino i nostri criminali non sono razzisti. Chi, invece, all'identita' etnica bada moltissimo e' la galassia di organizzazioni criminali straniere che stanno velocemente erodendo il potere di quelle autoctone. Dopo il consolidamento della criminalita' organizzata balcanica, e' ora la volta di quella centro-africana. Mentre la prima e' passata quasi inosservata grazie al mimetismo etnico (ad esempio gli albanesi sono "ariani" purissimi), per ignorare la seconda bisogna essere totalmente ciechi. Infatti i criminali africani, che ciechi non sono, "vedono" che gli autori del regolamento di conti, che ha visto recentemente soccombere alcuni dei loro nel casertano, sono "bianchi". "Vedono" che sui giubbotti antiproiettile da questi indossati c'e' scritto "Carabinieri" e "Polizia". Vedono cio' che "devono" vedere. E gli italiani onesti cosa "vedono" quando non si barricano in casa per sfuggire alla furia degli uni o degli altri? Niente, perche' non sono razzisti per loro sfortuna. E proprio grazie a questa civilissima prerogativa soccomberanno sotto i colpi di quelli che dell'orgoglio etnico fanno la propria bandiera. In questo sporco gioco anche la Camorra e' vittima di interessi, se possibile, ancora piu' sporchi. Da sempre la destabilizzazione di ogni tessuto sociale passa attraverso il gioco della divisione politica; e quella etnica e' il grado estremo di frammentazione: quello che assicura il massimo livello dello scontro. Dopo anni di propaganda antirazzista tesa a far digerire l'indigeribile agli autoctoni: l'invasione della propria terra da moltitudini di ogni specie, e' venuto ora il tempo del razzismo, per raccogliere i frutti di una strategia di lungo termine perseguita con pazienza e tenacia. Ormai e' tardi per qualunque risposta "istituzionale": il cittadino comune deve imparare rapidamente come ripararsi dai molteplici disastri imminenti facendo affidamento sulle sue proprie forze e riscoprendo un tipo di solidarieta' antica: quella stessa che e' la forza di chi ha invaso la sua terra. Chi sogna rimpatrii forzati e repulisti generali operati da uno Stato ormai agonizzante s'illude. O saranno i cittadini stessi, in un improbabile scatto di orgoglio nazionale, a provvedere, oppure il loro destino sara' segnato per sempre. Nell'un caso come nell'altro, la strategia di chi ha provocato questa sorta di competizione darwiniana, avra' avuto successo.

6 commenti:

Massimo ha detto...

Bentornato.
Ho appena scritto anche io sull'argomento.
Come al solito continuo ad essere più ottimista. Ma, prima o poi ci sarà la reazione a questa invasione !

Nessie ha detto...

Sauro is Back again? Bentornato allora. Hai tolto le foglie secche al tuo blog? :-)
Il progetto di "banlieuesation" delle nostre città è fomentato da due importanti direttrici:
1) la richiesta di manodopera da parte della criminalità organizzata (mafia, camorra, 'ndrangheta, racket della prostituzione, contrabbando di droga ecc.)

2) la richiesta di forza-lavoro a bassi costi da parte di Confindustria, sindacati, associazioni di piccola e media industria ecc.

Ho messo insieme le due cose (la penetrazione illegale e quella "legale") perché ambedue hanno effetti catastrofici: "la banlieuesation" (periferizzazione) dei nostri centri urbani. Con tutto quel che ne consegue: che basterà qualsiasi scintilla a innescare sommosse, tumulti e incendi, modello Saint Dénis a Parigi.

Intano leggiti questo link, che è un po' lunghetto, ma ne vale la pena:
http://italia.etleboro.com/?read=12321
Titolo: l'Europa degli Idioti

Lo PseudoSauro ha detto...

Massimo: io credo che se una reazione ci sara', prima dovra' scorrere parecchio sangue (il nostro). Ora vengo a leggere da te.

Nessie: ormai si sa da dove ci viene il problema. Non ci resta che di affrontarlo senza contare troppo sulle istituzioni.

Mi scuso in anticipo se non potro' gestire i commenti che molto di rado.

Anonimo ha detto...

infatti la camorra ce li ha portati e ce li amministra pure. lo stato non esite. hogwood

Anonimo ha detto...

Si tratta di regolamento di conti tra delinquenti bianchi che assoldano delinquenti neri. Non capisco perché la Repubblica delle banane si metta ad accreditare una camorra "razzista" solo perché accoppa neri esattamente come accoppava, e accoppa, bianchi. Si sono inventanti addirittura il tiro al piccione sul povero negro pur di impietosirci. Dello sfascio che hanno fatto questi "angeli negri" per le città dove rubano, spacciano e hanno il racket della prostituzione, invece tutti zitti e mosca. Non so chi mi faccia più schifo in tutta questa storia. Lorenzo

Anti-italian soldier ha detto...

Primo gli albanesi non sono ariani e non appartengono neanche al genere umano. voi italiani non siete assolutamente ariani ma siete semiti perché avete lo stesso comportamento degli ebrei. siete persone infide e skifose da eliminare

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.