Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

17 febbraio 2008

Un mondo di pazzi

Un banalissimo esempio dello stress post-moderno. Quando gli e' possibile il sauro se ne va ad allenarsi sui monti dietro a casa sua. Zaino di 15 kg anfibi e maglietta con ogni tempo: che piova o no, tanto quando si suda il freddo non lo si sente. Dislivello di circa 500 mt per una distanza massima di 15 km. Salita di passo veloce per poco piu' di un'oretta, e rientro di corsa per meno della meta' del tempo. Una gitarella un po' piu' faticosa del solito jogging quotidiano, o del piu' diffuso stepping, ma l'abitudine viene da un duro addestramento militare che, per altro, era incomparabilmente piu' faticoso. E' una forma di masochismo diffusa, ma un po' piu' umana rispetto al fare cigolare carrucole in quelle specie di stie per polli d'allevamento che sono oggi le palestre. Soprattutto insegna a fare qualcosa che potrebbe tornare presto utile in caso le comodita' del mondo moderno venissero meno, ovverosia: camminare. E tra boschi di conifere e macchia mediterranea, l'incrociare qualche rara automobile, l'incontrare animali domestici, selvatici e da pascolo rende la fatica molto piu' sopportabile, salvo quando, all'ultimo chilometro, il mondo torni ad essere il manicomio di tutti i giorni.

Allora puo' capitare che per una ripida strada carrozzabile larga appena per farvi passare un'utilitaria, il viandante in discesa si trovi improvvisamente di fronte ad un'auto che s'inerpica stracolma di individui di sesso femminile dall'indole isterica che, fra insulti e grida, si rifiutino di cedergli il passo retrocedendo solo per qualche metro - e poi si dice della parita' tra i sessi e dell'abilita' odierna delle "donne al volante"... - Come del resto imporrebbe il codice della strada. Naturalmente, se l'incontro/scontro non avesse presa la connotazione della disfida di Barletta, al discendente non sarebbe pesato molto il trasformarsi in risalente e tornare su, fino al primo slargo della strada, pur di evitare grane inutili. Invece no. Dall'interno del veicolo infernale esce una vocina inviperita che sibila: "ma perche' non ci passi sopra?". Idea luminosa che al conducente pare piu' semplice che non una difficile retromarcia. Al che, il pedone si prepara a mollare la pesante zavorra e zompare lestamente sul cofano dell'auto, e magari superarla con due balzi, onde non ritrovarsi schiacciato tra le pareti di pietra aguzza che costeggiano la strada. Ma prima la minaccia di ricorrere alla forza pubblica, accolta con soddisfazione anche dalle menadi inscatolate che evidentemente si sentono dalla parte della ragione. Pero', per sicurezza, alla prima sballata di frizione si fa come previsto. Uno zompo o due e si supera l'ostacolo. Infatti l'accelerazione arriva, ma all'ultimo momento s'intuisce che si tratta di un maldestro tentativo di manovra per retrocedere. La Medusa si e' ammansita, ma solo per poco. Una volta superato l'ostacolo per la via piu' naturale ricominciano le grida e gli strombazzamenti che si perdono insieme alle sgommate del veicolo in salita. Ancora incredulo, l'affaticato viandante si rivolge ad un poliziotto - che forse ha smarrita la strada della caserma - un cento metri piu' sotto. Il Pubblico Ufficiale minimizza, al solito, ma ammette che se il racconto corrispondesse al vero si tratterebbe di tentato omicidio. Hai detto niente... Ma siccome i testimoni sono tutti dall'altra parte non lo si puo' provare, pertanto, e' meglio lasciare perdere. E come no, ma alla prossima volta nello zaino ci si mettera' anche il Remington a pompa regolarmente detenuto per la caccia. Due o tre kg in piu' con le munizioni. A mali estremi, estremi rimedi. E poi c'e' l'indulto. :-)
 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.