Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

22 gennaio 2008

Apogei ed ipogei economici



Ovvero Die Weimarer Republik
« (...) Sicché le stesse Banche Centrali sono rimaste esposte alle forze dirompenti di una finanza globale ormai incontrollabile dagli Stati. (...)
Se i cittadini, però, pensano di essere ancora i veri sovrani e di essere soggetti politici di una democrazia, e non sudditi di una bancocrazia, sono solo dei poveri illusi.»

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Il caso di Weimar era parecchio diverso. Esisteva ancora la sovranita' monetaria, tanto è vero che stampavano soldi giorno e notte. Non mi pare un buon esempio.

Lo PseudoSauro ha detto...

Anonimo: (un nick?) e' verissimo, ma chiediti "perche'" la banca centrale dovette stampare moneta all'inverosimile. La risposta e': per lo stesso motivo attuale, ovvero, per fronteggiare la speculazione (siamo negli anni '20, ben prima del crack del 1929). E a cosa mirava la speculazione? Comprare tutto a poco prezzo: esattamente come oggi. E chi si voleva comprare (e poi si e' comprata) la Germania (ma anche l'Europa) con 4 soldi? Meglio non dirlo, se no ci mettono ai ferri. Il risultato e' identico, anzi, ora e' pure peggio, perche' mancando la sovranita' monetaria, non c'e' alcun paracadute. Ma non va dimenticato che la finanza e' al servizio della politica: una politica internazionale: il cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale.

Amschel Rothschild nel 1773 (notare l'anno e le rivoluzioni che sono seguite di li' a poco): "mi si consenta di emettere e controllare la moneta di una nazione e non mi preoccuperò affatto di chi emana le leggi".

E, di grazia, che cosa sarebbe accaduto con l'euro? Oppure con l'abolizione del gold standard da parte di Nixon? Mentre prima esistevano i pure deboli diaframmi nazionali post Ia GM, ora non c'e' piu' nulla.

Lo PseudoSauro ha detto...

P.S.
guarda il caso, la Repubblica di Weimar e' unanimemente considerata un tentativo d'instaurare il liberalesimo in Germania. Bandiera e simboli erano gli stessi di oggi.

Quindi, perche' l'economia tedesca funziona? Perche' non e' nelle mani dei tedeschi, se no avremmo il deja vu.

Anonimo ha detto...

Letto il link indicato. Ma giuro che quell'Ermanno B. non sono io. :-) ma un omonimo. Oltretutto mi sfuggono i riferimenti tecnici ed economici di tutto questo bailamme. Capisco malapena quelli politici e ovviamente, che tutto questo ambaradan si chiama bancocrazia. Per cui i nostri governanti sono mascheroni allegorici di cartapestA da carnevale di Viareggio. Ma questo lo sanno anche i bambini.In pochi però hanno scritto che ieri l'altro 20 gennai, c'è stato l'11 settembre dei mercati finanziari e delle borse e che il 2008 sarà l'annus horribilis della recessione, peggio di quella del 29. Cioè l'hanno scritto, ma non hanno scritto che un paese conciato come il nostro non può che finire in serie Z. Del resto c'è già.
Ermanno

Lo PseudoSauro ha detto...

Ermanno: i nostri "esperti finanziari" sono sorridenti ed ottimisti. Quelli vicini al PD, addirittura magnificano le sorti dell'Italia prodiana... invece quelli anglosassoni hanno musi lunghi e parlano apertamente di recessione, alcuni, addirittura di default... e' comprensibile che Berlusconi non voglia andare al governo in queste condizioni, mentre non lo e' la pervicacia con cui Prodi rimane come cozza allo scoglio.. In ogni caso, anche se si tratta poco piu' di figuranti, ci si augura che facciano meno danni possibili.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nell'attesa dell'uomo della provvidenza... che non c'e' :-)

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.