Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

12 settembre 2007

La UE e' una dittatura

Liberta' di circolazione di uomini (leggi "talebani") e merci (leggi "esplosivi"): questa e' l'Unione Europea. Se i cittadini non gradissero gli uni o le altre dovrebbero, appunto, "circolare" altrove, essendo agli europei autoctoni vietato di manifestare il proprio dissenso.

La Russia di Putin? Un paradiso in confronto alla UE. Eppure ce l'hanno menato e stramenato con le luxurie e i cappati fermati a Mosca (quindi in uno stato estero) qualche tempo fa insieme ad altri attivisti "gay" che volevano solo conferire con il sindaco della capitale russa per convincerlo del fatto che "gay" e' bello, soprattutto, "giusto". Tra pope benedicenti giovanotti che lanciavano uova alla combriccola e poliziotti sghignazzanti tutto si e' risolto senza nemmeno un ferito, ma sembrava fosse venuto giu' il mondo.

Andiamo a Bruxelles (quindi nell'Europa stessa): una manifestazione indetta dal SIOE e sponsorizzata online da quasi 11.000 cittadini europei, nonche' da oltre 100.000 cittadini belgi, francesi, italiani, tedeschi, inglesi, olandesi, danesi ed altri ancora, "contro l'islamizzazione dell'Europa" e' stata vietata: da chi? Dal sindaco della pseudo-capitale UE, certamente all'insaputa del n-europarlamento che e' situato a pochi metri dal luogo prescelto... ma alcuni manifestanti hanno ignorato il divieto ed hanno sfilato ugualmente: pacificamente, come annunciato e senza l'abbigliamento da guerriglia urbana che abitualmente indossano molti "pacifisti" in situazioni analoghe, ai quali, per altro, non viene mai impedito di "circolare": di "manifestare", ne' di devastare intere citta'. Risultato? Tre eurodeputati fermati (meglio "sequestrati") per ore senza alcuna possibilita' di conferire con l'esterno, piu' altre 150 persone buttate negli scantinati della polizia municipale; qualche contuso ed un ricovero ospedaliero. Al momento nessuna nota diplomatica e' stata inviata dalla social-liberale Italia al social-liberale Belgio a causa dell'arresto di un suo parlamentare: chissa' perche'... (pare che la Farnesina abbia inoltrata una protesta formale, ma non c'e' ancora conferma ufficiale). La UE, evidentemente, era in trasferta altrove e i suoi funzionari intenti a misurare gli ortaggi per "armonizzare" l'agricoltura comunitaria. Dei "diritti" la UE se ne occupa solo quando sono quelli altrui: dentro e fuori dal proprio territorio, ma quando si tratta di quelli degli europei (quelli veri, non le patacche) finge di nulla e delega il mantenimento dell'ordine pubblico ad un oscuro sindaco del Belgio. Sarebbe solo comico se non esistessero iniziative concrete volte a reprimere sempre piu' in modo "legale" il dissenso degli autoctoni, mentre i bombaroli col caffetano girano, anzi, "circolano" indisturbati sul territorio europeo a selezionare eventuali obiettivi strategici; mentre governi di destra e sinistra sembrano piu' preoccupati a costruire moschee per gli alieni che case per gli autoctoni.

Le tanto osannate "ascese" di due politici cosiddetti "di destra" alla testa delle due locomotive europee, non hanno cambiato di una virgola la situazione in Europa, nella quale stranieri di tutte le razze e culture "circolano", se possibile, anche piu' di prima. E dobbiamo solo ringraziare la fortuna se ferrovie, metropolitane ed aeroporti non sono ancora stati nuovamente bombardati, essendo la costituenda polizia europea (nella quale hanno trovato impiego molti disoccupati di KGB e STASI) occupata a monitorare le xenofobie, antisemitismi, omofobie e antiislamismi dei cittadini autoctoni (id est quelli che in Europa sono nati e che in Europa hanno radici secolari).

Che vuoi che sia se un sindaco mette in galera tre parlamentari a meno di cento metri da un parlamento? A Bruxelles quasi la meta' della popolazione e' musulmana... sfido io che il manifestare contro l'islamizzazione dell'Europa non sia consigliabile... Chi lo voleva capire l'ha gia' capito da un pezzo: La UE e' davvero l'Eurabia di Bat ye Or e Oriana Fallaci: l'EURSS di Vladimir Bukovskij, e le due entita' si evidenziano e si compenetrano soprattutto di fronte all'aumento del dissenso. La UE e' costruita contro i suoi stessi cittadini che vengono ormai arrestati solo per reati di opinione, mentre gli stranieri, naturalizzati o meno ch'essi siano, non lo sono nemmeno se colti a preparare attentati, anche se qualche polizia nazionale (fortunatamente) fatica ad allinearsi al tradimento degli ignari cittadini perpetrato da anni a loro insaputa dai loro governanti, va detto per onesta', di "destra" come di sinistra, non differenziandosi poi molto la politica dell'una da quella dell'altra, essendo la maggior parte delle nazioni europee governate da liberali e socialisti, quando non dagli uni e dagli altri insieme. Paradossalmente si auspica la reislamizzazione della Turchia, e la sua entrata in UE, piuttosto che l'arbitrato dei militari voluto da Ataturk, in quanto "non democratico". Quest'idea malata di democrazia favorisce ovunque la proliferazione di teocrazie islamiche: fino dove l'Islam non ha mai avute radici storiche, come in Europa. Non restano che due alternative per quelli che non sono stati anestetizzati dal calcio e dalle altre distrazioni collettive: la resistenza o l'espatrio.


Dalla consaura Nessie una testimonianza sulla piccola manifestazione che si e' tenuta a Milano davanti al palazzo UE.

41 commenti:

Massimo ha detto...

Non ho, vista l'ora, ancora letto i quotidiani di oggi. Spero (ma non ci conto) che la violenza islamofila di cui sono state vittime, nell'anniversario dell'11/9, quanti volevano manifestare contro l'invasione musulmana in europa abbia avuto un risalto a nove colonne in prima pagina.
In europa ci sono già, purtroppo, le quinte colonne che si candidano a dhimmi del futuro.
Ma lo sapevamo già, a cominciare dagli stracci arcobaleno e dalle occupazioni di strade in occasione della liberazione dell'Iraq nel 2003.

Anonimo ha detto...

bravissimo !!! sappiamo cosa è la sinistra ma la destra non esiste più. Carlo

dr. Schwarzy ha detto...

Mi è piaciuta quella delle « patacche » Io sono ebreo percio' israeliano e la penso nello stesso modo. L ' italiano che si trsferisce in Congo non diventerà mai congolese per gli autoctoni quindi...

Nessie ha detto...

Post illuminante che dovrebbe essere linkato da tutte le redazioni di quei giornali che oggi dedicano poche righe al caso : vergogna, vergogna e ancora vergogna! L'Eurabia è qua e si finge di non accorgersene...

Elly ha detto...

Potevano almeno inventarsi una balla migliore le menti illuminate dei figli di allah di bruxelles.

Elly ha detto...

Orcatrota e ti posto un altro commento postato a sua volta nel mio blog:

Un commentatore mi scrive questo (ma tu lo sapevi già immagino quale è il disegno criminale degli islamici): Questo è quello che è scritto nel mio libro di Geografia Economico-Politica:

"Nel settembre 1990 il direttore dell'istituto islamico, un'organizzazione integralista musulmana britannica, Kalim Siddiqui presentò un programma che prevedeva la creazione di uno stato islamico all'interno di quello britannico. Vi era prevista una struttura politica non territoriale, con un parlamento formato da una camera alta per i musulmani più ricchi e influenti e una camera bassa di 200 deputati eletti dai musulmani comuni. Lo scopo è quello di promuovere la creazione della ricchezza tra i musulmani e convertire questa ricchezza in potere."Non vi è islam senza potere", sosteneva il testo, in linea con il corano, che non fa distinzione tra sfera politica e religiosa.
La prima sessione del parlamento musulmano britannico si aperse a Londra nei primi di gennaio del 1992 con un incitamento alla disubbidienza civile. Kalim Siddiqui chiese ai musulmani britannici di contrastare, e se necessario sfidare, ogni politica e ogni legge che essi considerino contraria ai propri interessi. Altri interventi nel dibattito hanno sostenuto che l'inaugurazione del parlamento sta a sottolineare l'inizio di una nuova era nella quale la comunità islamica britannica non accetterà più le "vessazioni" che ha finora subito. Secondo Siddiqui, la comunità musulmana, dovrà diventare un esempio di moralità.

La civilizzazione occidentale - ha aggiunto - è il "grande malato del mondo moderno" e solo l'islam può trovare il rimedio. Lo sceicco Omar Bakri Muhammad, fondatore dello Hizb al-Tahrir (partito di liberazione islamico) con base a Londra, ha detto in un intervista "Il popolo americano deve rivedere la propria politica estera o si vedrà a casa i propri figli in una bara...."
L'esistenza di Israele è un crimine. Israele deve essere eliminata. Il nostro dovere è lavorare per instaurare uno stato islamico in ogni parte del mondo, anche in Gran Bretagna."

Lo PseudoSauro ha detto...

Grazie a tutti. Appena possibile rispondo per esteso. Vorrei solo fare notare la foto nella quale si nota l'arresto anomalo di De Winter. Chiunque abbia un minimo di esperienza sa che il tappare la bocca al fermato e' un atto gravissimo che nessuna polizia puo' permettersi, tantomeno in uno stato pseudo-democratico. I nazisti arrestati in Israele hanno ricevuta una sorte migliore e, soprattutto, hanno commesso reati materiali, non di pensiero. Si sappia che anche la nostra classe dirigente ci ha lasciati soli e non si speri in un grande cambiamento quando mai la pseudo-destra tornasse al governo. Se non lo si crede, si leggano i giornali di entrambi gli schieramenti: fino quelli di sinistra sono piu' duri dei loro omologhi di destra.

Anonimo ha detto...

Per indole, sono poco propenso ad appoggiare incondizionatamente tutto quello che altri scrivono, specie se non conosco di persona i relatori, ma in questo caso la tentazione è davvero forte. Davvero forte.

Be', facciamo così, mi limiterò a dire che Pseudo ha di nuovo toccato un punto dolente esprimendo parecchi concetti pienamente condivisibili.

Aldo ha detto...

Ho toppato. Il commento precedente è il mio e risulta "anonimo" perché ho dimenticato di inserire i dati. Chiedo scusa.

Lo PseudoSauro ha detto...

Massimo: piu' che di dhimmi io preferirei kapo, che e' molto piu' azzeccato. Ma non ti sembra sospetto che nessun partito importante dei rispettivi paesi membri abbia ritenuto di mandare una delegazione, di firmare la petizione? Solo i piccoli partiti identitari l'hanno fatto. Ebbene: quelli sono la Destra.

Carlo: una destra non puo' esistere almeno dalla fine della IIa GM.

Dr. Schwarzy: piu' che ebreo io avrei detto che eri un ariano... male: in Israele non curate abbastanza la razza. :-) Dici benissimo: immaginino i nostri utopisti se nello Zambia un bianco potrebbe essere considerato come un autoctono. Questa me la segno.

Nessie: sembra che la cosa non interessi nessuno. Sara' per la presenza di Borghezio che e' antipatico a tutti. Questa e' la cura socialista, e la risposta liberale e' sempre la solita: nessuna. E poi s'interrogano se il liberismo sia di destra o sinistra. Se non sei frocio e magari bianco latte non c'e' nemmeno un liberale che ti si fila, alla facciaccia di Voltaire.

Elly: Bruxelles e' una cittadina di circa 160.000 abitanti, dei quali oltre la meta' sono immigrati freschi. Naturalmente i talebani stanno anche nel consiglio municipale in una misura (se non sbaglio) di 7 a 11. Direi che e' abbastanza chiaro. Poi c'e' Freddie Thielemans che e' socialista. Piu' chiaro di cosi'... Allora: la pseudo-capitale del pseudo-stato europeo e' governata da una maggioranza di talebani. Possiamo pensare che questo sia il modello desiderato per la UE?

Lo PseudoSauro ha detto...

P.S.
purtroppo conoscevo gia' la tua fonte. Se non vedono le scimitarre non ci credono. E poi somigliano tanto alle falci. :-)

Lo PseudoSauro ha detto...

Aldo: nessuno ha la verita' in tasca, ma chi ha occhi per vedere, veda. Comunque non ci si deve preoccupare piu' di tanto. Il problema vero e' il fascismo e Mussolini e' alle Bahamas con Hitler a tramare il suo ritorno. Questi ci salvano, dai retta a me.

marnie ha detto...

La brutalità con cui la polizia belga ha soppresso la nascente manifestazione pacifica è inaccettabile. L'Eurabia avanza galoppante alle nostre porte e la gran parte della popolazione europea assiste silenziosa e inerme. Cosa pensano i finti ciechi e sordi di casa nostra e fuori, che l'avanzamento dell'Eurabia li renderà più liberi, più ricchi , più potenti e più felici? Nessuna sollevazione di sdegno ha suscitato, mentre alcuni quotidiani hanno dato notizia allo stesso modo e tono delle previsioni meteorologiche. Sembra scomparso tra i più il senso dell'amor proprio e l’ istintiva difesa della propria libertà e della propria identità? Alle nostre sentinelle, (fasulle) disponibili, accoglienti e concilianti con lo straniero islamico, auguro di provare per primi sulla propria pelle l’effetto e le conseguenze della tolleranza elargita in abbondanza.

Lo PseudoSauro ha detto...

Marnie: io ricordo spesso e volentieri un libro di V. Bukovskij, intitolato: "URSS dall'utopia al disastro". Ebbene, il disastro l'abbiamo sotto il naso da tempo anche qui e vale poco l'evidenziare la politica degli utopisti che si rifanno ad idee piuttosto condivise in mezzo mondo. Serve solo opporsi, quindi, premere sulla parte politica che dovrebbe avere una posizione alternativa. Ma io continuo a non vedere alcuna reazione da parte della pseudo-destra europea: solo flebili e incoerenti risposte a qualcuno degli effetti della politica degli avversari, oppure, al terrorismo, che e' solo una parte della strategia di colonizzazione. Come sempre, alla gente che si fa arrestare nel modo visibile in foto, va la riconoscenza di chi sa valutare l'eroismo per cio' che e' davvero, unitamente al disprezzo per chi, pavidamente, non si degna nemmeno di segnalare l'accaduto. In questa fattispecie la pavidita' e' fino peggio della protervia della controparte e verra' il momento per giudicare e punire tanto l'una come l'altra. Noi abbiamo pazienza e fiducia.

marnie ha detto...

Pseudo Sauro: in quali mani siamo se quelli che governano mezzo mondo fanno gli struzzi per convenienza o per ideologia e non si rendono conto di mettere in pericolo l’incolumità e la libertà dei popoli che governano? Che squallore! Che desolazione! In che modo opporsi al loro andazzo? Non è solo la destra europea assente e distratta dal grave problema dell’invasione islamica, ma anche quella di casa nostra! Neanche un vagito ha emesso in questo grave episodio, come in altre situazioni analoghe. In Parlamento abbiamo una destra di nome non di fatto. Strada facendo, ha rinunciato alla sua vera identità. Nel frattempo, la nostra casta politica governativa, è molto occupata a mantenere potere e privilegi personali, ignorando i diritti dei cittadini che li ha mandati lì. La posizione alternativa in Italia, su questo grave problema, l’ha assunta e sostenuta sempre e solo la Lega Nord, Borghezio in prima fila, come si è visto, isolata dalle altre parti politiche nostrane, per tornaconti di bottega, per viltà o per arroganza. Onore e merito alla L.N. che fa la sentinella all’invasione islamica.

Simone da Roma ha detto...

Caro Sauro stavolta non concordo affatto.
tanto per cominciare una manifestazione non autorizzata normalmente viene repressa. Chi la ha repressa è il sindaco di Bruxelles che deve rendere conto ai cittadini di Bruxelles ed ai propri elettori, non all'UE o a Borghezio che tra l'altro è uno a favore delle autonomie (quando convengono a lui)e dovrebbe complimentarsi con il sindaco della città belga avendo agito da "padrone in casa propria" in barba all'Italia, la Francia, la UE, l'ONU...
La destra conservatrice (ipocrita al pari della sx progressista) è tutta "law & order" e "tolleranza zero" quando si tratta degli altri (in particolar modo con i cd. extracomunitari) poi si lamenta perché la polizia si dimentica per strada qualche diritto di qualche eurodeputatucolo? Ma dai!
La popolazione belga non è affatto mezza musulmana ma al 50% di origine straniera. Tra gli stranieri "invasori" ci sono anche gli italiani (tanti, tantissimi). Il prode Sarkozy è figlio di emigranti. Tutta l'America è figlia di emigranti. Film da vedere o rivedere: Pane e cioccolata.
Poi per me si possono pure rispedire gli immigrati a casa loro ma poi chi glielo spiega agli imprenditori (piccoli e medi) del Veneto e della Lombardia, che votano LN e FI che devono assumere un "autoctono" con stipendio "di mercato" (facciamo 3000€ mensili)?
Infine chiariamo un punto fondamentale dove sono gli europei autoctoni? Fino a prova contraria proveniamo tutti da popoli nomadi appartenti ad una medesima cultura: la cultura indoeuropea. Mi risulta che i baschi e forse i sardi siano invece autoctoni. Ce ne ritorniamo tutti in Iran, in siberia o in afghanistan?
Pensare prima di parlare altrimenti sì che veniamo assimilati a certi imam...

Aldo ha detto...

Simone: "Fino a prova contraria proveniamo tutti da popoli nomadi appartenti ad una medesima cultura: la cultura indoeuropea."

Scusa se mi permetto, ma con la stessa logica potremmo andare ancora un po' più indietro, e scoprire che i nostri antenati erano piccoli primati che girovagavano per le savane rubacchiando qua e là di che vivere. Dovremmo dunque tornare a vivere nelle savane mangiando germogli, scavando radici e cacciando insetti e topolini? Anche volendo, ci sarebbero savane a sufficienza per tutti?

Forse il passare del tempo cambia un po' le cose, e converrebbe tenerne conto. Ma la mia, sia chiaro, è solo l'opinione d'un paranoico che conta come il due di picche a briscola.

Lo PseudoSauro ha detto...

Simone: andiamo per ordine. Come uomo di destra tu ti riconosci nello Stato e nel patto che i cittadini stipulano fra di loro: giusto? Bene: noi siamo italiani e contemporaneamente europei, ma mentre esiste una carta costituzionale italiana, non ne esiste una europea che i cittadini abbiano sottoscritto: giusto? Nonostante cio' un superstato privo dei requisiti per esserlo batte moneta e ne riserva la proprieta' ad un istituto finanziario (un abominio giuridico), da disposizioni su tutte le materie che normalmente sarebbero di pertinenza nazionale: giusto? E non scendo ulteriormente nel dettaglio in quanto mi pare di aver ampiamente dimostrato che questo non e' uno Stato ne' legittimo ne' democratico, mancandone ogni presupposto giuridico. Ma fingiamo che lo sia. Un numero legalmente sufficiente di cittadini chiede alla UE di manifestare nella capitale del superstato e chi risponde? Il sindaco della capitale del Belgio... mentre dallo pseudo-parlamento europeo non esce nemmeno un fiato. Ti pare una cosa naturale? Credi davvero che il sindaco di Brussels agisca autonomamente? Ma ammettiamo anche questo, anche se siamo gia' sulla luna. Che farebbe un sindaco in tale circostanza? Proporrebbe ai manifestanti un'altra data. L'ha fatto? No. Ergo: non e' che si vieta una manifestazione contro l'islamizzazione in data 11 settembre: si vieta ai cittadini europei di manifestare nell'intera fattispecie. Ricapitolando: un sindaco di una cittadina di 160.000 abitanti (di cui la meta' sono musulmani) fa le veci della UE? Non e' ancora sufficientemente chiaro? Guarda da te le modalita' del fermo, compresa la mano sulla bocca di De Winter che, ti ricordo, e' considerato dal plenipotenziario socialista "feccia di destra". Sei ancora sicuro di essere di destra?

Quanto ai ceppi etnici e razziali non ce ne puo' fregare di meno: l'autodeterminazione attuale viene da una costituzione voluta dai cittadini italiani, che in Italia sono nati, non avendo avuto l'Italia colonie, se non per un brevissimo periodo di tempo, ne' avendo mai praticato lo schiavismo come tutte le altre piu' importanti nazioni europee. Pertanto cio' che s'intende a proposito dell'immigrazione attuale non trova alcun riscontro nel patto tra cittadini e Stato. A me parrebbe sufficiente cosi', ma aggiungerei che il concetto di Nazione (requisito indispensabile per definire un cittadino "di destra") e' palesemente violato e se non vale piu' il concetto di Nazione sono illegittimi sia lo Stato italiano che il superstato europeo. E potrei andare avanti per giorni elencando i requisiti, o la mancanza dei medesimi, che rendono grottesca questa situazione. Credo che il mio titolo sia azzeccato: La Ue e' una dittatura. Punto. Se la cosa ti piace: affari tuoi, ma non c'e' una destra vera in Europa che sia del tuo avviso. Non e' che contrapponendo al terzomondismo di sinistra le teorie eurasiane, si migliora di molto la situazione: noi si perde comunque la sovranita'.

Lo PseudoSauro ha detto...

Marnie: quelli andranno avanti e le recenti prediche di Amato (che non ha mai parlato cosi' tanto a memoria d'uomo) sono dello stesso tenore. Vanno avanti loro e andremo avanti anche noi.

Lo PseudoSauro ha detto...

Aldo: io ho fatto notare a Simone che il concetto di Nazione e' ancora valido, perlomeno sulla carta. Esiste L'Organizzazione delle Nazioni Unite, esiste la UE (Unione delle Nazione europee), anche se dalla rimozione del termine si puo' indovinare dove questi autocrati vogliano andare a parare. Se e' illegittimo il concetto di nazione,ebbene, anche la UE non e' legittima, ma cio' che in altri tempi sarebbe apparso chiaro, sembra ora difficile da dimostrare. E bada che mi sono attenuto solo a questioni di ordine formale, in quanto se i cittadini europei preferissero una dittatura cio' sarebbe perfettamente legittimo in termini giuridici, ma anche le dittature non sono tutte uguali: ci sono quelle legittime e quelle illegittime.

Aldo ha detto...

Mi piace tenere il discorso su un piano generico, di principio, e spero che siano evidenti le ragioni anche se non le esprimo esplicitamente.

La territorialità è un tratto intrinseco nell'umano. L'umano è strutturato per esprimerla in piccole unità, abitate da gruppi complessivamente omogenei. La creazione di superorganismi sociali si è sempre dimostrata, sul lungo periodo, fallimentare e fonte di gigantesche sofferenze. Le cosiddette "forme di governo" non sono che un sistema escogitato dall'umano, che è pensante, per far fronte ai problemi indotti dal gigantismo sociale.

Per questo ritengo che puntare ai gigastati sia, per noi sottoposti (la democrazia è nei fatti un'illusione), un autogol pazzesco. Come è un autogol pazzesco il continuare a incentivare e a sostenere immigrazione e riproduzione in un contesto nel quale il conflitto territoriale appare sempre più probabile a causa, tra l'altro e prima di tutto, del numero. Eccessivo, ovviamente.

Lo PseudoSauro ha detto...

Aldo: anch'io amo stare sul generico in quanto le analisi le fa chi ha una precisa competenza nei vari settori e, aggiungerei, ce n'e' talmente tante che c'e' solo l'imbarazzo della scelta. Ogni tanto segnalo qualche fonte e chi se la vuole leggere se la legge. La differenza tra i fautori di ogni universalismo e quelli della territorialita' sta infatti proprio nella letteratura a supporto delle rispettive tesi. Noi abbiamo pezze d'appoggio scientifiche a nostro conforto, mentre la controparte, solamente filosofia. Una via di mezzo sarebbe comunque auspicabile, ma sarebbe gia' pretenmdere troppo: la condanna morale blocca preventivamente ogni critica alla politica immigratoria. Ormai vediamo come alla condanna morale segua anche quella giuridica. Dunque siamo di fronte ad una dittatura dell'utopia e c'importa poco se questa sia puramente marxista o un ibrido tra questa e quella liberale. Del resto la teoria della "societa' aperta" e' ormai condivisa ampiamente.

A fronte delle idiozie sulla pace universale, Nessie mi ha consigliata la visione del film Mars Attacks. Perfetto. :-) La questione politica non e' secondaria in quanto la destra e' storicamente pro identita', mentre la sinistra, universalista esattamente come le religioni monoteiste. Il suo e' un approccio fideistico che si basa solo su di una speranza: una speranza che non si lascia influenzare dai fatti che tutti ormai conosciamo. Quando una fede viene imposta non c'e' piu' ne' liberta', ne' democrazia che, come dici giustamente tu, e' un feticcio ormai vuoto di contenuti.

Lo PseudoSauro ha detto...

P.S.
a proposito di "societa' aperta", nemmeno Popper riteneva che questa dovesse comprendere gl'intolleranti, ma ormai siamo al nodo del problema, ovvero, il numero e la qualita' e' solo un problema accessorio.

Anonimo ha detto...

Penso che il comportamento tenuto dalle autorità belghe, in occasione della manifestazione contro la islamizzazione di cui trattasi, confermi una volta in più quanto ho già espresso, a proposito di quali siano i fattori della vulnerabilità di noi occidentali nei confronti dell'offensiva culturale (quando va bene, e non ci scappano gli atti terroristici veri e propri) sferrata da questa gente contro di noi, nel penultimo post sul mio blog al solito indirizzo www.tommasopellegrino.blogspot.com
( il famoso"Storia e storie", che ora si trova anche inserito nel blogroll dei "Conservatori della tradizione").
Consiglio a tutti di andarci a dare un'occhiata, cogliendo anche l'occasione per precisare che ci troverete anche l'annuncio dell'uscita in libreria della mia ultima...diciamo così...fatica letteraria. Auguroni e continuate sulla solita strada!

Tommaso Pellegrino - Torino

Aldo ha detto...

Curiosità. Qualche anno fa Bertinotti stesso, allora già parlamentare ma non ancora Presidente della Camera, ebbe a sostenere che in Italia persistono le forme della democrazia ma se n'è ormai da tempo persa la sostanza. Con la coerenza tipica di tutti gli arrivisti, di qualsiasi colore, si è poi alacremente adoprato per ottenere un'alta carica in quel sistema che sosteneva di ritenere fasullo. Che sia stato un caso di Sindrome da Volpe e Uva?

Fuori tema - Oggi mi sento particolarmente qualunquista, e per non apparire schierato affermo che sono certo che sarebbe possibile identificare casi analoghi anche per personaggi di destra e di centro, poiché i calciatori non cambiano mestiere cambiando loro semplicemente maglietta. Interessante ad esempio il caso Pera, che mi sembra di ricordare sia stato fervente laicista per tramutarsi successivamente in devoto filocattolico. O il caso Pivetti, che del trasformismo ha fatto uno stile di vita (ehm... a parlare di stile nel caso dell'Irene ci vuole un certo stomaco). Ma esistono sicuramente esempi più significativi. Sii il mio maestro! :)

Lo PseudoSauro ha detto...

Tommaso: ultimamente frequento di malavoglia il web, ma appena possibile faccio un salto da te.

Piu' che di offensiva culturale io preferisco dire di pratica dello sciacallo, essendo tutto cio' possibile solo per colpa dei governi occidentali che dividerei in due categorie: quelli ideologizzati (libertarismo, socialismo etc.) e quelli sprovveduti. Dal punto di vista degli effetti la gravita' e' comunque la stessa e si chiama, con un termine obsoleto, "tradimento". Ma la ruota gira e a volte si riciclano anche le giurisdizioni rottamate. Tempo al tempo.

Lo PseudoSauro ha detto...

Aldo: Bertinotti puo' piacere o meno, ma non e' uno stupido; ha solo i limiti che hanno tutti i fautori delle vecchie ideologie: e' impermeabile alla realta'. Da buon rivoluzionario ha colta l'occasione.

Direi che schierarsi di questi tempi e' cosa pressoche' inutile. Io sono di destra per convinzione e non mi sento rappresentato da questa specie di destra che raccoglie i profughi della strage della Ia Repubblica. Ci sono socialisti a destra e socialisti a sinistra, cosi' come per i liberali. E' una contrapposizione tra aggressori e aggrediti, non certo tra due opposte concezioni politiche. Credo che il disorientamento nasca soprattutto da questo, se non si considera il buon vecchio opportunismo mediterraneo.

Siamo maestri tutti e due, direi, almeno sulla carta. :-)

Nessie ha detto...

Visto che ho ricevuto la menzione d'onore, mi sento in dovere di intervenire ancora nel dibattito. Se la cosiddetta destra, raccoglie opinioni come quella di Simone di Roma, siamo a posto. Tanto vale, buttarsi a sinistra.
Mi duole ricordare che eravamo emigranti anche noi, sì (come dice Simone) ma la civilissima America fece una bella legge sul rimpatrio forzoso di tutti i boss mafiosi. Anche per quelli che avevano la cittadinanza americana da anni. Sospendendo i cosiddetti diritti democratici, allo scopo di salvare la sua sicurezza e quindi libertà.
Sull'Eurabia-EURSS la penso come Sauro. La verità più lampante e palese è che sullo stato multietnico e multiculturale nessuno interpella i cittadini "autoctoni" e che si vuole azzerrare il concetto stesso di autoctonia. E' questo lo sconcio. Il sindaco-muftì di Bruxelles ha fatto manganellare i dimostranti per fare un bel regalone ai mussulmani che fanno parte del suo consiglio municipale. E che sono già circa due terzi. Se poi ci sono scimmiette che non vogliono vedere né sentire, è un altro paio di (mezze) maniche.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: credo che Simone abbia un'idea filosofica della destra, un po' internazionalista, come si puo' ritrovare in qualche scritto di J. Evola, che influenzo' moderatamente sia fascismo che nazismo, pur nella diffidenza dei due regimi. Comunque una destra conservatrice, come teorizzata da Hofmannstahl, Juenger, Heidegger, Schmitt, era, esattamente all'opposto: una destra nazionale, in quanto la Tradizione presuppone l'ereditarieta' di sangue e la sacralita' del territorio. Ovviamente cio' non esclude affinita' con altri gruppi etnici e culturali, ma nella reciprocita', ovvero, ognuno sta in casa sua.

Comunque, se i numeri sono numeri, i cittadini emigrati in USA in cent'anni sono meno degli immigrati giunti in Italia negli ultimi dieci, quindi, ci si deve domandare: quanti ne devono arrivare ancora? Al solito, gli utopisti all'Amato, non si occupano ne' della quantita', ne' tantomeno della qualita' di chi arriva, mentre non nascondono nemmeno piu' il fatto che per loro una specificita' italiana non esiste. Ovviamente questa puo' essere la posizione di un socialista come quella di un liberale, non certo di chi sia davvero di destra.

Simone da Roma ha detto...

E' proprio quella entità giuridica definita Nazione o Stato che non permette alla UE di essere uno Stato (federeale) compiuto. Ciascun Stato pur delegando alla UE numerose materie preferisce mantenere un certo riservato dominio su altre in ossequio al... ...Nazionalismo!
Per effetto di questi riservati domini esistono tanti sistemi di ratifica della Costituzione quanti sono gli Stati membri. Il che non vuol dire che la UE sia una dittatura ma che per effetto di un malinteso Nazionalismo il principio della rappresentanza risulta affievolito ma niente affatto inesistente. detto ciò trovo divertente e spassoso che buona parte di coloro che mettono i bastoni fra le ruote al processo di unificazione effettiva europea dietro il retorico slogan "europa dei popoli" vada a dimostrare contro l'UE e si ritrovi a discutere con il Sindaco di Bruxelles. Trovo ironico che ad un difensore delle autonomie locali come Borghezio venga impedito di manifestare contro la UE dal sindaco di una città. Se Borghezio fosse coerente (ma non lo è) dovrebbe stringere la mano al primo cittadino della città belga che, detto per inciso, non ha alcun dovere di fissare altre date. Come è che si dice: "padroni in casa propria" e "tolleranza zero".
Ultimo ma non ultimo: Il motivo idiota della manifestazione. Ora volenti o nolenti il mondo per motivi che neppure ritengo di dover spiegare tende ad una progressiva integrazione il che genera notevolissimi problemi ai quali occorre porre rimedio con idee e provvedimenti razionali e non mettendo la testa sotto la sabbia come fanno Borghezio & co o peggio ancora eliminando ciò che non ci piace alla Bin laden e soci. Che piaccia o meno i mediorientali si dovranno abituare al nostro "disinvolto" stile di vita e noi alla loro religione "medieval-style".
@ Nessie: Non posso essere di sinistra per costituzione ma se gli epigoni della destra sono Borghezio, Bush, o qualche topo di curia beh, la destra potrà fare a meno di me. :)
@ Aldo: era un modo per dire che il nomadismo è implicito nell'uomo. Le migrazioni si succedono ininterrottamente dall'alba dei tempi. Ovunque.

Aldo ha detto...

Temo che di immigrazione si ricomincerà a discutere anche qui:

http://it.groups.yahoo.com/group/movimento_italiano_per_il_decremento_demografico

Dico "temo", perché credevo che la questione in quella sede fosse già stata sviscerata più che abbondantemente: in Italia non c'è spazio per altre persone, anzi, occorrerebbe cercare strade (incruente) per "fare un po' di spazio". E, vista la situazione nazionale, i freni all'immigrazione dovrebbero essere tra le soluzioni predilette. Diversamente, le nostre libertà continueranno a ridursi, come vanno progressivamente facendo da decenni a questa parte.

Aldo ha detto...

@Simone

Simone, anche l'omicidio (con le sue diffuse varianti uxoricidio e infanticidio), lo stupro, la pedofilia, e chissà quanti altri comportamenti... ehm... disdicevoli "si succedono ininterrottamente dall'alba dei tempi".

Non è poi da così tanto tempo che si è superato il concetto per il quale se il padre dà la vita può anche riprendersela. Per certa cultura non troppo antica il padrone aveva diritto di vita e di morte sul servo che poteva acquistare regolarmente come fosse un trattore.

Che dire poi dei ministri di Dio che potevano arrogarsi il diritto di uccidere chi professava di non concordare con la loro dottrina? Quella stessa dottrina è cambiata attraverso i secoli, se nella Bibbia si raccomanda di uccidere per lapidazione la moglie adultera oltre, se fosse possibile, a cose financo peggiori ( vedi, se vuoi, http://www.utopia.it ). Sfortunatamente, altre culture non hanno ancora provveduto ad "aggiornare" la propria dottrina.

Andando a scavare nel passato, si scoprono quantità enormi di comportamenti un tempo comuni e "normali" e oggigiorno considerati criminali. Le esigenze dei tempi dettano la morale, anche se l'adattamento è di solito più lento del necessario, con i drammi che ne conseguono. Oggi è necessario fare quanto serve affinché in Italia la popolazione si riduca. O, almeno, io la penso così.

Nessie ha detto...

Aldo, anch'io. Onestamente si dovrebbe domandare agli Italiani tre cose:

1) Volete la società multietnica e multiculturalista?
2) Volete una società multiconfessionale a prevalenza mussulmana?
3) Volete fare costruire moschee nel vostro paesaggio?

Nel caso si impongano queste cose obtorto collo e senza il nostro parere, vuole dire che è tutto chiaro: esiste una dittatura social-comunista di tipo terzomondista. E i "destri" sono confusi e incapaci di contrapporsene.
Su Borghezio, mi spiace ma non mi turo più il naso.

Simone da Roma ha detto...

@ Aldo: tralasciando le tue confuse idee sulla Bibbia, che vuol dire: "Oggi è necessario fare quanto serve affinché in Italia la popolazione si riduca."?????????
Ci suicidiamo in massa?
Praticare aborti come fosse uno sport?
Aspettare che qualche pazzoide ci bombardi? Ce ne sono in giro parecchi...
Oppure una sana eugenetica?
Oppure, come credo che sia, so' "gli altri" che se ne devono andare?
Deportazione? Genocidio? Campo di sterminio?
Chiamiamo le cose con il nome che hanno.
@ Nessie: te lo dico come lo dicessi a mia sorella: "ma che cacchio dici????"
E ancora "che cosa è una dittatura social-comunista di tipo terzo mondista????"
Fino a prova contraria esistono in Italia 3-4 partiti che propongono omogeneità etnica (SIC) e "umani rimpatri" (SIC) ma insieme alle elezioni fanno numeri da prefisso telefonico. Stop. Quale dittatura? Giusto o no che sia se FN, Fiamma, FNS e Lega avessero ottenuto il 50,1% dei voti non avresti, presumo, da lamentarti. Quindi prenditela con la democrazia che del resto esportiamo (SIC).
Annotazione personalissima: vivo in una delle città più multietniche di Europa con la moschea più grande d'Europa e non mi è mai capitato nulla, Anzi l'esistenza della moschea è rassicurante in quanto pubblica e visitabile da tutti quindi facilmente controllabile. Sarei molto più preoccupato se delle persone qualunque sia la loro fede si vedessero dentro un garage, vicino casa, con un pastore improvvisato.
ciao

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie & Aldo: sono assolutamente d'accordo. Personalmente sono rispettosissimo di ogni cultura e religione, ma mi oppongo a qualunque progetto di colonizzazione esterno: ognuno si dia la sua legge in casa sua, ma qui ne abbiamo altre e non sentiamo il bisogno di perfezionarle. La questione dei musulmani e' mal posta: i nostri referenti sono i nostri politici: sono loro che ci devono spiegare cosa accidenti stanno facendo. Per cio' che ci riguarda i cittadini italiani di religione islamica sono quattro gatti, pertanto il problema non si pone. Certo e' che se i nostri politici hanno deciso di cambiare la composizione del popolo italiano, senza consultare gli autoctoni, sono traditori e basta, indipendentemente dalla loro collocazione politica. Noi abbiamo dei referenti eletti, ma in UE ne abbiamo altri che non abbiamo nemmeno eletti e gia' chiarisce bene di quale forma di governo si possa trattare. Non c'e' nemmeno bisogno di guardare troppo nel dettaglio. Comunque il dissenso crescera', lentamente o velocemente, e i traditori non la passeranno liscia. Il tempo delle impunita' e' finito da un pezzo.

Lo PseudoSauro ha detto...

Simone: perche' la popolazione si riduca basta lasciare fare alla natura. Quando i morti superano i nati il decremento viene da solo. basta non vederlo come un fatto strano. Dobbiamo crescere all'infinito? E come mangiamo poi?

Lo PseudoSauro ha detto...

Simone: allora, se ho capito bene, sarebbe il nazionalismo il problema? Non saremmo abbastanza europeisti? Se Nazione e Stato sono nozioni estranee ad un uomo di destra, continuo a domandarmi di quale destra possa trattarsi. La UE e' una creatura socialista, come ampiamente documentato nell'ultimo libro di V. Bukovskij e, a detta sua, e' del tutto irriformabile. Io tendo a fidarmi degli esperti in materia. Il resto sono fatti evidenti: il signore in foto e' un tale definito "rightwing scum" dal sindaco di Brussels e, per una volta si tratta davvero di un uomo di destra, non del solito fascista immaginario. Hai mai visto la polizia di Brussels "accompagnare" in egual modo un "cittadino" musulmano?.

Quanto a Borghezio: e' piu' odiato a destra di quanto non lo sia a sinistra, ma ha capita una cosa: la nazione italiana non esiste piu'. Certo che se tu sei convinto che il problema sia il nazionalismo, sara' difficile a spiegarsi. Il ripiegamento sulle identita' sub-nazionali e' un fenomeno che avviene dovunque in Europa e consegue alla perdita delle identita' nazionali. Non c'e' nulla da biasimare, ma parecchio da capire: la federazione va fatta _prima_ nelle ex nazioni e possibilmente _poi_ in ambito europeo, anche se sono convinto che, mancando una lingua comune, sia impossibile.

Ultimamente tutti dicono di essere di destra e c'e' fino chi vuole darle "un'anima libertaria", manco un'anima non l'avesse gia'... siamo giunti al paradosso per cui i seguaci di ideologie materialiste accusano la destra di non essere dotata di spirito... pertanto spiegami quale e' la tua idea in proposito, perche' da solo non c'arrivo. :-)

Nessie ha detto...

Ultima replica a Simone de Roma: ma che stai addì tu? Se ti piacciono tanto le moschee goditele, e se non capisci cosa vuole dire dittatura social-comunista di stampo terzomondista, è sufficiente che ascolti i discorsi di Amato e di Ferrero.

Simone da Roma ha detto...

Sauro, non so che dirti, se è di destra "la Padania" ma non lo è l'Europa, se la predica ce la fa un liberista filoamericano, amichetto di quel Eltsin che con la scusa del liberismo ha squassato l'ex-URSS consegnando le ricchezze russe nelle mani di pochi oligarchi, se l'Italia non esiste più...
Io preferisco la "socialista" Europa alla "liberista" America. Se poi per degli Europei difendere la propria identità vuol dire scimmiottare i texani, mbé non parlo più.

Lo PseudoSauro ha detto...

Simone: se dici di Berezovskij sono perfettamente d'accordo con te, cosi' come per la "cura da cavallo di libero mercato" che ha ammazzate per fame centinaia di migliaia di persone nel silenzio generale. Infatti Putin sta antipatico perche', da nazionalista, intralcia il libero mercato. Ma il nazionalismo non ha nulla a che vedere con lo scontro idologico tra liberismo e socialismo. A me non frega poi molto dei modelli economici, ma sull'identita' non transigo: socialismo o liberalismo mi vanno bene entrambi, purche' su base nazionale.

言承旭Jerry ha detto...

That's actually really cool!!AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.