Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

23 ottobre 2006

Hackers su Marte

Ogni tanto si ricomincia con la questione degli "hacker" cattivi che fanno strage di web anche nella neo instaurata Repubblica Popolare Italiana. Come ho scritto altre volte, assolutamente sicuro che nessuno ci avrebbe capito una cippa, gli H non sono delle entita' mostruose come si legge in Italia, ma programmatori altamente qualificati; quelli che hanno costruito mattone per mattone l'internet sono per l'appunto H, del MIT e della "distributed network" che preesisteva alla stessa rete delle reti, e dei quali chi scrive puo' vantare qualche conoscenza. I sabotatori della rete, generalmente assai meno qualificati, si chiamano in gergo "crackers". Gli addetti alla sicurezza sono spesso H, ma in Italia, quelli bravi saranno si' e no meno di un centinaio; contro i milioni di americani, indiani, cinesi... dovunque sono piu' bravi di quanto non lo siano in Italia, ma qui tutti si sentono programmatori, fotografi o musicisti per il solo fatto che possiedono un PC, l'utilizzo del quale e' ormai semplice fino per il solito scimpanze'. Dunque, tutti si sentono autorizzati ad esprimere giudizi di carattere tecnico senza avere la minima idea di cosa stia dietro ad un mouse e, piu' raramente, una tastiera.

I disturbi arrecati da questi petulanti ragazzotti, che in USA chiamano "lamers" e "script-kiddies", sono di solito di due tipi: il DOS (denial of service), che consiste nell'intasare un servizio di rete attraverso il bombardamento di richieste che questo non e' in grado di soddisfare, e il Defacement, che consiste nella sostituzione della Home Page del web scelto a bersaglio. Altri, e piu' complessi metodo d'attacco si basano sulla profonda conoscenza dei protocolli di rete, del software che gestisce i servizi e delle sue vulnerabilita'; cosa della quale gli esperti in security sono, o meglio "dovrebbero" essere, costantemente informati, proprio al fine di prevenire problemi come questi. La relativa semplicita' attraverso la quale anche un pastore tedesco puo' ormai gestire un blog o un web piu' complesso in proprio, non compensa delle carenze tecniche di chi gestisce il servizio; in particolare, la pressoche' totale ignoranza delle piu' elementari regole di sicurezza, che vige in Italia, e' proprio cio' che permette anche a ragazzini inesperti di violare il servizio bersaglio. Non si tratta altro che di questo, non di una SPECTRE altamente specializzata, ma di disturbatori appena informaticamente alfabetizzati che si divertono con chi ne sa meno di loro.

La recente vicenda del web dei Riformatori Liberali , buttato giu' dai soliti rompicoglioni islamici, si inquadra nella casistica di cui sopra. Che poi cio' sia avvenuto anche in Olanda ed altri siti che sicuramente sono gestiti ad admin piu' efficienti dei nostri, non cambia di molto le cose. Se pure gli attackers fossero realmente dei mostri nella conoscenza del protocollo TCP, cio' puo' significare solo una cosa, in un mondo globalizzato: bisogna diventare piu' bravi di loro; il che non mi pare cosa tanto difficile, da quanto ho letto, seppure sommariamente sull'attacco. Ma qui l'internet non c'entra nulla; come ogni liberista dovrebbe sapere bene, sono le regole della competizione, che nel declino dello Stato di Diritto, impongono a chiunque d'ingegnarsi per sopravvivere; e qui si tratta ormai di sopravvivenza tout-court, non di un gioco virtuale.

30 commenti:

Otimaster ha detto...

Io sono convinto che si tratti della presa per il culo di qualche ragazzotto che si è voluto divertire alle spalle dei salmoni e loro ovviamente ne hanno subito aprofittato per farsi un po' di pubblicità.
Pe difendere in nostri siti basta qualche semplice accorgimento altrimenti a quest'ora chissà che fine avrebbero fatto i nostri blog, evidentemente siamo più bravi noi dei webmaster dei riformatori.
Ciao

Lo PseudoSauro ha detto...

Master: vedo che ci siamo capiti. Anche senza essere troppo maliziosi, di questi tempi non e' molto conveniente farsi pubblicita' in questo modo, ma e' anche vero che questa e' merce che si vende bene ultimamente. :-)

Nessie ha detto...

Hacker su Marte. E quelli su Venere non li hanno ancora lanciati e identificati? Come li chiameranno, nel caso, hacker venerei? :-)
Scherzi a parte sono stato sul sito dei riformatori e mi è comparso un warning che mi avvertiva che l'apertura del file poteva danneggiare il pc.

Lo PseudoSauro ha detto...

Quelli su Venere non sono pericolosi e si fanno prevalentemente i c**** propri. :-)

Non mi avrai cambiato sesso da una mezz'ora all'altra (spero).

Adesso vado a vedere; tu usi Alice, vero?

Nessie ha detto...

Sì.Devi entrare da TV. Io ho cliccato il titolo sulla HP ed è comparso il disclaimer.

Lo PseudoSauro ha detto...

Io non ho visto niente, ma e' perche' ho una connessione diversa dalla tua. Non c'e' traccia di trackers (che bel bisticcio).

Perla ha detto...

Sempre a malignare, eh? -)))

Un bacio anche al mio Master.

Perla

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: avrei potuto scrivere che c'e' chi usa di questi mezzi per farsi pubblicita', ma non l'ho fatto. Mi sono limitato a evidenziare quanto in Italia siamo indietro e come la liberta' di comunicazione debba essere gestita con maggiore competenza. Va da se, che ove non rimettessimo in discussione le nostre liberta' il loro spazio si restringerebbe in modo irreversibile. Va considerato che c'e' chi compila liste di proscrizione e si prepara al "dopo", mentre noi stiamo a discutere di diritti da concedere a gente che pretende di girare nelle nostre citta' in uno scafandro e che non fa nemmeno piu' mistero del fatto che la lapidazione sia una risorsa da importare insieme ad altre novita'. Sarebbe meglio convenire sul fatto che in una guerra le liberta' vanno sospese, non estese. E questa e' la materia del contendere tra libertari e conservatori. Nessuna malignita', da parte mia, solo realismo.

Nessie ha detto...

"Non ci sono le condizioni per lapidare le donne italiane" (purtroppo) - parola di imam di Segrate, un ignorantone come una capra che vive da 35 anni in Italia e che parla un italiano con i panni risciacquati nell'Arno. Uhmmm!.. Che lucide perle di saggezza. Dovevamo esportare la democrazia,ma ci ritroviamo a fare i conti con chi ci vuole esportare il suo pre-Medio Evo. Ovvio che sono dalla parte dei conservatori.
Non voglio che la "mia" libertà divenga per costoro, il diritto-licenza alla nostra estinzione.

Monica ha detto...

Mah, Sauro...
In effetti "l'attacco" è arrivato nei giorni in cuii Rif.Lib. hanno presentato il loro Manifesto con relativa richiesta di raccolta firme.
Ciò però potrebbe essere considerato in due aspetti: uno spazio maggiore sulla stampa o la ripercussione di oppositori contro l'iniziativa. In entrambe i casi comunque concordo sul fatto che oggi esistono diversi anticorpi in grado di proteggere un sito, e quello dei Rif. non mi sembra una scartoffia qualunque.

Ma la mia malizia va oltre, e guarda nei settori radicali della sinistra italiana...ma sono solo pensieri in libertà.
Finchè ciò sarà reso possibile

Ciao

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: fosse pure un paracarro, chi avesse visto Vespa ieri sera, si porrebbe il problema di come arginare fenomeni simili, non quello di favorirli come fossero integrabili. Siccome espulsioni e cose del genere non sono propriamente pratiche libertarie; siccome in ogni guerra le liberta' si sospendono e non si estendono, e' facile identificare cio' che attualmente divide i conservatori dai libertari. In tempo di pace se ne riparlera'.

Monica: come hai letto non ho accennato minimamente al sospetto di truffa che qualcuno ha adombrato nei commenti. Semplicemente perche' per fare cio' sono necessarie prove certe. Ma anche quando si denunciano attacchi e' necessario specificare di che natura siano e da dove provengano con dovizia di dettagli; non si puo' "fare a fidarsi". Inoltre, informazioni simili sono di pubblica utilita' quindi vanno condivise. Se non lo si fa puo' essere ignoranza, ma anche malafede. Comunque la piattaforma usata dai Riformatori Liberali e' tra le piu' vulnerabili al mondo, quindi, e' lecito pensare che si tratti di incuria. In secondo luogo, ove fosse vero (e ne dubito) che l'attacco e' partito dalla Turchia il problema sarebbe bello che risolto perche' i turchi sono molto duri e punirebbero senz'altro i responsabili. Altra cosa sarebbe se l'attacker avesse fatto molti hops girando il mondo e fosse difficile scovarne la vera provenienza. Se l'attacco e' vero, io sono dell'idea che sia partito dall'Europa stessa, che e' l'unico posto veramente sicuro per simili soggetti.

Perla ha detto...

...Io celiavo...-))

Il tuo post non ha bisogno di essere commentato da una che non capisce nulla di informatica, ancora meno della famosa scimmia.

Un altro saluto.

Perla

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: mi sforzo di sintetizzare perche' mi rendo conto che il linguaggio puo' essere incomprensibile.

Io penso che il problema occorso ai Riformatori Liberali sia dovuto alla scelta di una piattaforma vulnerabile, ovvero, che l'interattivita' si basa su di un motore che e' noto per i suoi buchi e buchetti. Ne esistono altri piu' sicuri che non avrebbero permesso che cio' accadesse.

Qualcun altro ritiene che si sia trattato di un operazione volta ad attirare l'attenzione su di un'iniziativa politica in particolare. E' un metodo un po' sporchino, ma lo fanno in tanti, dappertutto.

Nell'un caso, come nell'altro, in alcuni web deputati alla raccolta d'informazioni sulla sicurezza e sulle vulnerabilita' dei servizi, non c'e' traccia di questo evento (o se c'e' mi e' sfuggita), ergo mancano gli elementi per giudicare la pericolosita' dell'attacco, il che e' un male, perche' questi devono essere sempre disponibili sia per gli amministratori che per i programmatori che si occupano di realizzare le patches.

Considerato che da qualche tempo, per gli stessi temi trattati, qualcuno usa scannare la gente, forse sarebbe il caso di non comportarsi come Alice nel Paese delle Meraviglie, anche perche' se dati sensibili dovessero essere stati acquisiti dagli attackers, le persone cui appartengono potrebbero rischiare la vita.

Direi che il termine "dilettantismo", quando non "irresponsabilita'" potrebbe essere adatto a descrivere entrambe le ipotesi. Con il che ne do solo un giudizio tecnico per cio' che e' di mia competenza.

siro ha detto...

Dici bene: non dovrebbe essere difficile essere più bravi di loro. Probabilmente lo siamo già. Ma le convinzioni suicide dei fricchettoni politically correct ci impediscono di volare...

Lontana ha detto...

Ieri sera ho tentato di mettere un commento, ma la finestra restava bianca...saranno gli hackers? :-)))
Volevo dire che qualche anno fa, mi sono divertita a cercare siti degli hackers.
Era divertente, anche se ci capivo poco..Qui gli hackers sono un mito e alcuni di loro hanno trovato lavoro presso le piu' grandi imprese tipo microsoft eccetera.
Il Sauro ha ragione come sempre: :-))
quelli che hanno fatto il danno erano molto probabilmente dei ragazzini, non degli hackers come si deve...

Monica ha detto...

Il Sauro è una scoperta continua.
Pure informatico sei ?!

Bacioni

Lo PseudoSauro ha detto...

Siro: se la scuola non forma la gente, ci si sbatte di persona, come ho fatto anch'io. Ma da noi e' solo un fatto di pezzi di carta e i risultati sono di questo tipo...

Lontana: gli hackers non c'entrano, o almeno sono quelli "buoni" di google che stanno facendo le pulizie d'autunno :-) E poi, quelli cattivi, mica mettono un web con su scritto "Uhuh, siamo qui!". Quelli seri si dedicano a trovare il modo di svaligiare le banche, il che e' sempre piu' difficile, ma non impossibile, poi ce ne sono di molti altri tipi. Spesso sono proprio gli autori degli stessi sistema operativi.

Monica: c'aggi'a fa pe' campa'... so fare piuttosto bene 3 cose mentre le altre 100 le faccio malissimo (questa e' una delle 100)

Ineffabile ha detto...

Pseudo, ascolta,
visto che te la cavi con tutta questa roba, potresti scrivere un post per spiegare come si fa ad eliminare gli spam nei commenti?
A parte l'antispam del blog che fa quello che può, io ogni sera, quando mi metto al computer, devo passare almeno una mezz'ora, a eliminare decine e a volte centinaia e centinaia di commenti spam dai post un po' più vecchi e poi chiudo i9 commenti in quei post per evitarne altri di quel genere.
Devo togliere anche i referer indesiderati con il solito spam di siti porno etc.
Quando lo scrivi mi fai un fischio per favore?
Ciao ;)

Lo PseudoSauro ha detto...

Ineffabile: temo che non ci si possa fare nulla. Dipende dalla piattaforma che usi e dal tipo di antispam supportato. C'e' qualche trucco che ti posso dare in privato, ma anche questo non funzionerebbe su tutte le piattaforme.

Anonimo ha detto...

Ora che lo so, se avrò problemi con la benemerita categoria, saprò a chi rompere le scatole per far scorta di tips & tricks ...
Ciao
wrh

Nessie ha detto...

Povero Sauro, tutti lo vogliono, tutti lo cercano Figaro qua, Figaro là... Quasi quasi conviene "imboscare le competenze" :-)
Ti ho scritto sul portale di virgilio. Ho outlook kaputt!Bacio.

Monica ha detto...

In riferimento alla discussione sul mio penultimo post e alla citazione da te fatta su Carl Schmitt, il Sauro in qualità di Ministro dell'Istruzione può consigliarmi anche un altro testo sul tema destra/sinistra ?

Ciao

Lo PseudoSauro ha detto...

non sopravvalutate il sauoro, povera bestia... non e' che sia tanto bravo, e' solo che non ha setole sulla glossa :-)

Monica ha detto...

Comunicazione di servizio.

Sei andato recentemente da Guzzanti ?
Prova a leggere il suo post del 24.10.06 "Lettera a tutti voi".

Presto però...
Ciao Sauro!

Monica ha detto...

vado fuori tema ma ti segnalo questa perchè fresca fresca.

La Cassazione ha stabilito che un clandestino colpito da provvedimento di espulsione ha diritto a restare in Italia se ha un figlio minore da accudire.
"Va tutelato l'interesse specifico del minore - dice la Corte - anche in deroga alle norme sull'immigrazione".

Come ti raddoppio in 4 anni il numero degli immigrati anzichè in 10.

Monica ha detto...

Sempre io, scusa l'intrusione nella tua tana...

Ma forse sai qualcosa in merito al link de Il Castello sul sito di Guzzanti ?
Siamo già così intimi ?

Lo PseudoSauro ha detto...

Monica: c'e' semplicemente da buttarsi dalla finestra...

Sono stato io a segnalare a Guzzanti il multiblog. Mi fa piacere che ne abbia preso atto al contrario di cio che hanno fatto i partiti istituzionali. Pensa che eravamo segnalati fino su l Republican National Commettee... ma in Italia nienta. :-(

Anonimo ha detto...

Ecco perchè Bush in un eccesso di delirio pseudomistico ha parlato dello spazio : ha paura degli hackers terroristi marziani !

marshall ha detto...

Sono appena entrato in Riformatori Liberali, senza problemi.
Forse era stato abbattuto ai primi di ottobre?

Lo PseudoSauro ha detto...

Anonimo: infatti, Bush e' un mio lettore pagante :-)

Marshall: e' durata poco. Di questi tempi il sistema dovrebbe tornare su quasi in tempo reale, se ben amministrato, ovviamente.

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.