Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

27 agosto 2006

LampedUSA

Tramite un comune conoscente ho chiesto un parere ad un esperto di contrasto all'immigrazione clandestina, che lavora presso un branch FBI in USA, a proposito della situazione italiana, e l'ho trovato insolitamente preparato in materia; ne' penso si sia documentato per l'occasione.

Le soluzioni prospettate sono assolutamente teoriche, in quanto hanno a presupposto la piena sovranita' del territorio ed un potere decisionale che un esecutivo italiano ha "forse" avuto solo durante il ventennio. Naturalmente gli accordi di Schengen possono essere violati solo dalla Francia, quindi non se ne parla nemmeno. Che c'entra questo con Lampedusa? Niente, ma l'immigrazione clandestina verso l'isola sicilo-africana rappresenta solo una percentuale che va dall' 8 al 15% del totale, e non e' realistico isolarla dal contesto complessivo. L'incontro-scontro con la cultura del problem-solving gia' mi palesa l'abisso culturale che divide noi esangui latini dalla civilta' anglosassone.

Secondo l'esperto - che preferisce non essere identificato - il problema va affrontato prima in sede politica, ma a questa conclusione ci ero arrivato anch'io. In ogni caso l'abisso si allarga ulteriormente quando ci si sente dire che l'approccio politico e' piu' efficace, ma anche molto meno costoso di qualunque altro.

Questo comprenderebbe la revisione degli accordi di Schengen, il ripristino di rigorosi controlli, soprattutto negli scali aeroportuali (il che non costerebbe nulla in quanto di questi tempi vanno comunque incrementati NDR) la decisione di una quota ragionevole che dovrebbe essere commisurata alle effettive necessita' dell'economia ed alla capienza del territorio. A questo proposito il paragone con gli USA non lascia scampo: se li' si tratta di circa 1 milione all'anno da decidersi su base quinquennale, qui saremmo abbondantemente sotto ai 10 mila, quando non sotto zero, tenuti in debito conto esigenze abitative, crescita economica e un territorio che non puo' essere spianato a forza di ruspe...

Poi si tratterebbe di rendere chiara la politica scelta e rendere efficienti le sedi consolari negli stati esteri perche' raccolgano ed esaminino le richieste d'immigrazione. Un'utopia. Naturalmente, qualunque straniero non in regola colto sul territorio nazionale verrebbe immediatamente rimpatriato a spese dello stato di provenienza... Un sogno. Qualunque tentativo di sbarco sui litorali nazionali sarebbe da considerarsi un atto aggressivo indipendentemente dal fatto che si trattasse di individui armati o disarmati. Un incubo.

Il caso di Lampedusa dev'essere gia' stato studiato dal signore in questione, in quanto leggo che ne ha una conoscenza precisa fin nei minimi dettagli geopolitici. La distanza dell'isola tra Tunisia, Malta e Sicilia e' pressoche' identica (~ 80 ml), il che rende il territorio alla stregua di una colonia che, dunque, andrebbe militarmente presidiata e protetta. Ove non vi fosse una tale volonta' politica e gli stati sovrani da cui proviene la minaccia (sic!) non fossero sensibili alle pressioni del governo italiano, non resterebbe altro che rinunciare alla sua sovranita', poiche' oltre che indifendibile sarebbe estremamente costosa. Trasecolo, ma il tono dello scritto mi pare freddo e burocratico: non vi trovo alcun intento umoristico.

Quindi, secondo la visione di un "vero" addetto ai lavori, noi staremmo subendo una vera e propria invasione (ma va?), rischieremmo una guerra con gli stati da cui questa proviene (toh...), le spese accessorie rischierebbero di divenire insostenibili, al punto che potremmo essere costretti a rinunciare alla sovranita' di un'isola che, in verita', e' piu' Africa che Italia per sua stessa conformazione... E adesso a Prodi chi glielo dice? Ma anche a Berlusconi...

33 commenti:

Monsoreau ha detto...

Di prodi non me ne frega nulla.
A Berlusconi lo dobbiamo dire "noi", fargli capire che la sua base non ne vuol sapere di trattative con i satrapi musulmani.
Lampedusa ? E se la cedessimo agli Stati Uniti perchè ne facciano una base navale ? Non ci sarebbero più sbarchi e noi guadagneremmo un bel prezzo, oltre a risparmiare un tot ! ;-)

Anonimo ha detto...

affondiamo Lampedusa e tutto si risolve...:-)...

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Comunque la si pensi io i militari li manderei in Libia e i costi li appiopperei a chi vuole le porte aperte. A fare i signori con i soldi degli altri siamo capaci tutti e comunque sarebbe come vuotare il mare con un cucchiaino.
E poi c'e' poco da scherzare perche' in Australia hanno preferito rinunciare alla sovranita' di un isola ben piu' grande di Lampedusa. In queste cose non basta la buona volonta': ci vuole competenza.

Lo PseudoSauro ha detto...

P.S.
perche' la gente che muore annegata sarebbe ancora viva se al governo ci fosse gente seria.

Anonimo ha detto...

dubito...molti scappano dalla morte...

Zagazig

Lontana ha detto...

Si comincia da Lampedusa e poi...
Anche io penso che le quote siano la cosa più ragionevole. E quote di differenti etnìe e religioni, in modo da permettere l'integrazione nel più breve tempo possibile. Con ordine e metodo, come si fa qui in Canada, salvo che per i rifugiati politici che però devono dimostrare il loro stato particolare.
Quindi le cose dette dal tipo sono del tutto normali in un paese che ha un governo normale che amministra per i propri cittadini..

FuoriTempo ha detto...

Peccato non si tratti di un articolo pubblicato da qualche parte e che l'espertone voglia restare anonimo.Sarebbe stato interessante analizzare la cosa, approfondirla. Mi ci sarei divertito.

M.Ch ha detto...

Considerato che il rimpatrio dei clandestini è l'unico mezzo per evitare l'invasione di disedeati cui stiamo assistendo:
1) debbono essere stipulati degli accordi internazionali per cui i clandestini devono essere rispediti al paese da cui è partito il mezzo sul quale si trovano (barca, aereo, etc.) a prescindere dalla loro identificazione personale;
2) debbono essere previste sanzioni penali per i clandestini in territorio nazionale privi di documento di identificazione, con esclusione della pena e loro rimpatrio immediato nel caso di loro successiva identificazione, anche tramite il consolato del loro Paese.
3) modifica della costituzione in merito al diritto d'asilo.

Anonimo ha detto...

M.Ch hai ragione, la soluzione ci sarebbe ma ...

Anonimo ha detto...

Io gli lascerei anche la sicilia con tutti i siciliani.
( ps. per dissipare dubbi non sono del nord sono un terrone!)

Salvatore Sferlazzo ha detto...

Premetto che non sono razzista.
Prima di commentare, dare giudizi, azzardare consigli, perchè non ci si trasferisce a Lampadusa e vivere quella situazione.
Gli stessi esperti perchè aprono bocca e buttono fiato ? PERCHè NON SI HA RISPETTO dei Lampedusani.
Il Governo non decide nulla, ve lo posso assicurare, Lampedusa è dei Lampedusani e non SI TOCCA, il Governo farebbe bene a prendere dei provvedimenti seri sugli immigrati.
Salvatore Sferlazzo

Lo PseudoSauro ha detto...

Il sauro non ne capisce nulla di queste cose, ma la vedrebbe cosi':

Se da uno o piu' stati sovrani partono quotidianamente imbarcazioni per l'Italia che si aspetta a portarlo in consiglio di sicurezza ONU? per il diritto internazionale si tratta di un atto aggressivo come il signore intervistato per procura ha affermato qui sopra. Mica si deve sparare addosso a gente inerme, ma un par di missili su Tripoli non farebbero piangere molta gente, compresi i nostri pacifisti - e neo-guerrafondai - che Gheddafi non lo possono vedere nemmeno loro.

Se non si fa nulla l'ipotesi prospettata dall'esperto andra' presa in seria considerazione, in quanto alla lunga le spese saranno tali che ci costringeranno a trovare rapide soluzioni alternative.

Ma come scrivo un giorno si' ed un altro no: qui di posto non ce n'e', lo si vuole capire o no che l'Italia e' storicamente un paese d'emigrazione e non d'immigrazione?
I nuovi lavori familiari - vedi "badanti" -sono stati studiati apposta per favorire l'invasione. Basta che uno straniero - nemmeno un cittadino - faccia richiesta nominale di un collaboratore familiare che dopo un mese o due glielo mandano su... e mica col barcone: con l'aereo. Qui siamo quasi 60 milioni di persone, di cui almeno 20 sono occupate part-time e lavorano da uno agli 8 mesi all'anno... lo si vuole capire che qualcuno ci marcia sulla poverta' universale?

Anonimo ha detto...

un embargo a Gheddafi?---.ma lo hanno appena riablitato..:-..Silvio gli promise la mega autostrada...mannaggia.

Sauro io ti prendo sul serio e solo che se si vuole essere cinici lo si deve essere fino in fondo.
Allora partendo dall'idea di fottersene dei Lampedusani (ipotetica assoluta anzi impossibile)e mettere a Lampedusa una base militare, sarebbe più logico affondare l'isola.
Diversamente si continuerebbe a spendere soldi e si continuerebeb ad essere un approdo..anche se militare.
Il nsotro problema è che siamo geograficamente vicini a un problema che è globale e che secondo me non si risolve con accordi genrici con gente che poi ti gira la faccia...o che magari è carnefice di chi scappa...perchè molti cmq fuggono dalal guerra o da condizioni di vita miserevoli mica vengono da Palm Spring.

Zagazig

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: non riduciamo questioni come queste alle liti di pollaio... e poi lo sai che se Silvio fa una cazzata non faccio come voi con Romano... quello che e' certo e' che avrebbe fatto meno danni di quelli che avete combinato voi e parecchia gente non sarebbe stata sparata di qua dal mediterraneo a causa di dichiarazioni imprudenti. Senza dire che i quattro gatti che stanno a Lampedusa sono alquanto incazzati; saranno pochi, ma quella e' casa loro. E poi c'e' il piccolo dettaglio che con l'esercito che abbiamo possiamo si e no fare la guerra alla Repubblica di S.Marino, e forse nemmeno a lei. La "pace eccetera" vale per noi, ma non per il resto del mondo che e' armato fino ai denti.

Io non sono cinico, sono "partigiano"; tifo per i "nostri" indipendentemente dal colore, perche' so che non possiamo risolvere i problemi del mondo; basterebbe che cominciassimo a risolvere i nostri e se gli altri facessero altrettanto la societa' perfetta sarebbe bell'e' che fatta. Invece, a questo modo ci roviniamo e il resto del mondo funziona come prima, anzi, i problemi li esportano qui, come il tizio che sta vicino a casa mia che si e' preso la TBC... malattia che era scomparsa da oltre vent'anni. La gente di qui non e' molto abituata a subire in silenzio, e' solo questione di tempo e qualche casino succedera', anche se tutti i partiti fanno i "moderati", compresa la lega.

Rinaldo Sidoli ha detto...

Rinunciare a Lampedusa significa rinunciare all'Italia. Chi parla di affondare l'isola o cederla è solo un inetto che gioca con le parole dimenticando il valore dell'Italia unita sputando sul tricolore. I problemi dell'immigrazione non si rissolvono sparando sugli immigrati come vorrebbe Calderoli o cedendo il territorio italiano.

libero ha detto...

LAMPEDUSA ITALIA
affondiamo l'anonimo... sarebbe un ottimo pasto per gli squali, a chi suggerisce di rinunciare a Lampedusa consiglio una attenta visita specialistica con un eventuale ricovero presso dei centri importanti di pschiatria, sempre se ci sarà rimedio di guarigione. Ma tentare non nuoce.

Lo PseudoSauro ha detto...

Rinaldo - Libero: difendo il mio antagonista, perche' ha fatta una boutade per farmi notare il cinismo della "proposta". Comunque il problema rimane tale e quale, perche' cio' che si puo' difendere oggi potrebbe non essere piu' difendibile domani. Va da se che Lampedusa e' uno dei piu' bei posti del mondo e gl'italiani devono essere tutelati in casa loro anche in un frangente disgraziato come questo.

Anonimo ha detto...

Anonimo a chi?!!!...:-)...
tze tze..
Uè ma non si puor dir nulla...Libero e Rinaldo voi siete due pupi ed io sono il Guerrin Meschino...visfido a duello.

Sauro che significa boutade?

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Perche', pensi realmente di affondare Lampedusa? Allora e' una boutade. :-) Ma il signore americano non scherza perche' guarda il fenomeno nel suo insieme ed e' abituato a guardare in prospettiva.

Anonimo ha detto...

Avevo un amica che era una grande boutade una volta...:-)...

Zagazig

Antonio Saccoccio ha detto...

Va cambiato proprio l'indirizzo generale.
Il miscuglio e l'apppiattimento culturale è un impoverimento, non un arricchimento.
Iniziamo a cambiare queste idee, poi vedrete come chiudiamo le frontiere...

Anonimo ha detto...

coi muri no?

Zag

Bisquì ha detto...

Zag,
non è un'idea balzana, dopotutto.

L'Egitto ne ha costruito uno bellissimo al confine con la striscia di Gaza per impedire ai "poveri" palestinesi di andare deqquà.

Anzi, quando i "poverini" hanno fatto saltare un pezzo di muro, si sono beccati una bella razione di piombo, come a Melilla e Ceuta.

Sono due governi cattivi?

Anonimo ha detto...

a me piacerebbero anche i merli dei castelli...le guardie che fanno il turno con le fiaccole..il ponte levatoio, il canale coi coccodrilli..tutte ste cose qua.
Egitto (pessimo governo cmq) e Spagna (ormai governo labour) affrontano specifiche emergenze locali: i palestinesi da un lato in un clima di forte turbolenza politico-militare e i marocchini dall'altro.
Noi abbiamo "tutta l'Africa"...
Cmq quando dico cose tipo muro, cannonate, difesa....ricevo sempre consensi a destra.
:-)

Ciao Bisquì...

Zag

Bisquì ha detto...

Ciao Zag,
ci credo che ci sono cretini che ti applaudono ma le persone serie affrontano il problema diversamente.

Allora, la spagna spara, la grecia spara, l'Italia che fà?

Non dico di sparare ma una politica più seria di quella che abbiamo si può fare.

Se fosse fatta una selezione seria ed inflessibile si spargerebbe la voce e vedrai che ci sarà meno folla ai nostri confini.

Chi ci assicura che tutti quelli che vengono sono poveracci e non criminali inseguiti dalla legge?

Tu, prodino, bertinotti conoscete tutti i clandestini uno per uno? Hanno un certificato che attesta l'autenticità del loro stato sociale?

Perchè non facciamo comne gli stati seri? Ci vogliono dei requisiti e se non li hai non entri. I nostri consolati potrebbero lavorare meglio e di più così come le nostre camere di commercio estero. Invece di succhiare soldi allo stato, facessero il lavoro per il quale sono mantenuti a spese nostre.

Mi sembra che la Farnesina si dovrebbe occupare anche di queste cose oltre a prendere le parti di Hezbolla

Anonimo ha detto...

Ci sono vari modi di essere seri...quello è il punto..c'è la Francia che in ogni centro di 'raccolta' tiene fisso un presidio dell'osservatorio dei Diritti Umani e c'è la Gran Bretagna che i clandestini prima di prendere una decisione li tiene in galera ad libitum.
La nostra situazione è del tutto eccezionale però quello che mi sembre mancare in generale è una proposta seria con indicazioni non solo palliative.
Mi sembra che nè a destra nè a sinsitra ci sia qualcuno che abbia lanciato idee nuove e ponderate sul problema. Come dire nulla di nuovo sotto al sole.
Poi lo so che c'è di tutto sui barconi ma in efetti prima di arrivare al barcone già ne subiscono tante sti disgraziati.
Ci sono anche famiglie con figli.
Insomma bene non se la devono passare. E se hanno regolare passaporto non possono essere considerati vittime di un Paese che li lascia uscire tranquillamente, se non hanno passaporto inzia la difficoltosa ricostruzione dell'identità.
Insomma è un casino ma questo già si sapeva.


zAGAZIG

Anonimo ha detto...

Carissimi, ...
Chi vive nell'isola di Lampedusa subisce oltre ai fatti di cronaca anche queste stronzate che scrivete in questo bellissimo blog.
Credo che l'ipotesi di cedere le Pelagie (Lampedusa, Linosa e Lampione) agli Americani potrebbe farci solo piacere visto che oramai lo stato italiano è allo sbando più completo e l'opinione pubblica si preoccupa solo dei soldi spesi per questi fatti. Il paradosso è che sebbene gli immigrati vengono soccorsi in mare molto a largo, (centinaia di chilometri dai confini italiani che ricordo in un isola sono solo 24 km)le notizie riportano in continuazione solo sbarchi sulle coste. Forse è da rivedere il sitema giornalistico italiano e e questi cialtroni della carta stampata e telòevisiva.
Di sicuro c'è una cosa ci siamo rotti i coglioni!!!!

Anonimo ha detto...

e ci credo

Zagazig

Antonio Saccoccio ha detto...

ANONIMO WROTE:
Di sicuro c'è una cosa ci siamo rotti i coglioni!!!!

APPLAUSO SCROSCIANTE

pinko pallino ha detto...

Ciao StronzoSauro,
Io sono di Lampedusa.
Sono d'accordo con te:Lampedusa a l'Africa e tu estinto per incapacità palese di elaborare PENSIERI COERENTI.
Sono orgoglioso di Appartenere all'Africa,TERRA CHE NON HA CONOSCIUTO DOMINAZIONI,per questo PURA.
Infatti i popoli NON PURI come la nostra Italia generano MOSTRI come te!
Che non hanno studiato la storia perchè indaffarati a farsi le seghe.
Avresti potuto imparare che in questo Paese si è molto sofferto per raggiungere l'UNITA' d'ITALIA,razza d'imbecille!!
Cosa fa invece l'Italia?
D la possibilità a questo PseudoScemoSauro di scrivere male del suo Paese e di non avere neanche il coraggio di VERGOGNARSENE.
Dunque mi vergognerò io di dover condividere con te lo stesso Paese.
Non posso accettare che un "animale" estinto,non si sa bene da cosa, era tanto grande quanto scemo da aver perso la sua battaglia con la vita anche con la tartarura (testuggine che vive nelle Pelagie) ma tu ne hai fatto un nickname con tanto di avatar :-)).
Meglio restare l'Isola di NESSUNO.
Non voglio vergognarmi più delle idee di altri italiani che,per risolvere il problema dell'Immigrazione,rinunciano a parte dei suoi confini.
Come dire:"quella non è più Italia,non importa da dove entrano i clandestini!!!"
Allora quelli che entrano ad est sono extracomunitari migliori di quelli che entrano a sud?
Di certo quelli che entrano ad EST SONO MEGLIO ORGANIZZATI PER ENTRARE AD UNA MEDIA DI 500 al giorno!!
Ma forse tu non vuoi rinunciare alla parte d'Italia che sta ad est NORD EST vero?
Lampedusa doveva restare AFRICA perchè non merita di condividere l'Italia con te.

marshall ha detto...

A questo punto in cui stanno le cose, sono d'accordo con la soluzione iniziale prospettata da Monsoreau. Ne gioirebbero e se ne avvantaggerebbero anche i lampedusani.

Anonimo ha detto...

Marchall come il famoso piano Americano del dopo guerra.
FALLITO,come quasi tutti i progetti USA fuori dai loro confini,VEDI JUGOSLAVIA,PAESI ARABI,ECC.
Loro,Gli Americani, non sono in grado di fermare l'afflusso di immigrati dal messico,ad un ritmo di 350 al giorno, tanto da fare affidamento alla "Guardia Nazionale" che ha organizzato un vero e proprio TIRO A SEGNO su uomini disperati che la federazione non riesce a fermare.
La loro sono GENIALI.
Non possono neanche pensare ad una soluzione per i loro problemi e ne hanno per risolvere quelli degli altri.

言承旭Jerry ha detto...

cool!i love it!AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.