Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

15 luglio 2006

Nomen omen

Ovvero: la coincidenza di forma e sostanza, ovvero il destino scritto nel nome, quindi nella parola parlata, quindi nel pensiero stesso. La radice comune ad ogni civilta' sta tutta qui. L'etimologia intesa nel senso del significato al quale si cerca di risalire nella ricerca della "Veritas", anche questa, intesa come insieme delle cose percepibili attraverso i sensi, dunque, un termine inequivocabile che possa rappresentare e "tradere" la realta' attraverso la parola, parlata o scritta, che e' l'attributo piu' alto grazie al quale l'uomo si differenzia dagli animali.

Per cambiare il pensiero dell'uomo bisogna cambiare prima la sua lingua, perche' la lingua e' la summa della civilta' stessa; il modo con cui un'etnia prima e una civilta' poi si relazionano con il mondo circostante. E' noto come il poliglottismo e il levantinismo rappresentino spesso anche un limite, non solo quella risorsa in grado di mettere in comunicazione le diverse civilta'. L'uso di una lingua e' di per se stesso una dichiarazione di appartenenza, e questa non puo' essere molteplice o relativa, in quanto l'appartenenza e' una condizione materiale e spirituale al tempo stesso che sfugge ad ogni descrizione e non puo' essere rappresentata con la parola.

Nonostante ogni lingua sia anche una stratificazione dialogica di lingue preesistenti dovuta allo scontro tra le diverse rispettive civilta', questo avviene in tempi storici, che sono talmente lunghi da essere difficilmente percepibili all'individuo. Cosi' come la lingua cambia lentamente, cosi fa la civilta'. Ogni cambiamento repentino determina uno sradicamento dell'uomo dalle sue origini che puo' determinare effetti imprevedibili, primo fra tutti l'impossibilita' di riconoscere se stesso nel contesto culturale nel quale vive.

Temo che il problema dell'Europa sia proprio questo. Europa intesa nella sua accezione etimologica corretta, non quella greca classica raffazzonata sulla mitologia, ma quella che si puo' fare risalire alla lingua accadica di 5000 anni fa e che significa precisamente "Occidente" il che presuppone un punto di osservazione orientale, essendo la civilta' in oggetto collocata ove e' la Mesopotamia ora. Europa e Occidente sono esattamente la stessa cosa: etimologicamente e culturalmente.

Se la civilta' occidentale ha radici orientali sarebbe lecito inferirne che la divisione tra Occidente ed Oriente e' una divisione manichea ed approssimativa... invece no; perche' escludendo le civilta' che si sono formate nel contesto di etnie diverse e molto piu'' antiche, come quelle propriamente "asiatiche", nella cultura europea esiste un sincretismo che e' quasi del tutto assente in quella islamica che ha spazzato via ogni traccia del preesistente, conservando solo cio' che poteva essere sfruttato a fini utilitaristici e cioe' la propria espansione; raggiunta la sedentarieta' anche queste tracce delle civilta' preesistenti si sono notevolmente attenuate quando non sono scomparse del tutto. Il fatto che quest'operazione di sostituzione non sia sempre riuscita completamente non inficia l'evidenza del fatto stesso. Se nella civilta' europea mediterranea vi sono tracce della civilta' araba, non e' comunque vero il contrario, il che dovrebbe fare riflettere chi parla a sproposito di "scambio" culturale.

A distanza di 1600 anni il problema rimane esattamente lo stesso. Il pur collaudato sincretismo occidentale non riesce ad assimilare la cultura islamica, anzi, la sua naturale e duttile disposizione rischia di determinare l'effetto opposto come gia osservava piu' di 40 anni fa lo storico Henry Pirenne. La presenza massiccia di individui culturalmente inassimilabili, in costante crescita demografica sul territorio europeo, non lascia infatti dubbi sull'esito di questa colonizzazione subita senza alcun tipo di opposizione ne' culturale, ne' tantomeno fisica, anzi favorita con ogni mezzo proprio in virtu' di una fiducia che alla luce della conoscenza storica avrebbe ben labili fondamenti.

38 commenti:

Monsoreau ha detto...

... a meno che non si assista ad una rapida presa di coscienza, favorita anche da stimoli come quelli indotti dal tuo post ... ;-)

pseudosauro ha detto...

Mons: le proviamo tutte... con le bestemmie, gl'insulti... tentiamo con la saggistica e magari qualcosa racimoliamo. Certo che con questo caldo e' una fatica bestia...

Anonimo ha detto...

Appena tornato dal mare Sauro...ho fotografato anche qualche paracatudista magari ti mando le foto.

Quanto al post qui a Salerno si mangia kebab (turco), sceuarma (algerino) o pita (greco), ma è sempre carne messa sul girarrosto.
Per il caso che tu abbia ragione Sauro io ho già il vestito arabo completo anche di corano in lingua madre e rosario islamico che ho preso in Egitto.
La fiansè musulmana in Albania.
Insomma sono preparato...
Come abbiamo imparato in Campania nei secoli..."basta ca' ci sta o' sole, basta ca' ci sta o'mare..."
:-DDDD

p.s. è noto che nella mia regione gli extracomunitari provenienti dal nord africa vengono ribattezzati con nomi locali tipo Ciro, Gennaro, Salvatore.
Solo io mi ostino (perchè mi diverte) a chiamrli Mohammed, Islàm, Yussuf etc.etc.

Zagazig

Perla ha detto...

Sauro caro,

questo post mi ha fatto sentire una mediocre scribacchina.

Poi mi ha fatto venire in mente che le contaminazioni sono state da sempre parte importante dell'evoluzione della specie umana.

Pacifiche o aggressive che siano state, ci hanno formati per come siamo oggi.
quello che siamo oggi, dai primi scambi o invasioni delle caverne altrui.

Certo bisognerebbe trovare un equilibrio all'americana per non sentirsi troppo minacciati, ma ma non mi pare che quel modello sia ben visto da queste parti.

:-))

Perla

alata ha detto...

Ci riflettevo qualche giorno fa. Qualche commentatore accusava d'intolleranza chi sosteneva la totale diversità culturale del mondo islamico da quello occidentale, Si diceva che il mondo arabo è come se stesse vivendo il nostro medioevo essendo nato secoli più tardi dal cristianesimo. E' sbagliato affermare questo in quanto alla nascita dell'Islamismo, il mondo arabo già era progredito; La Mecca era un grande centro commerciale e multiculturale. Quindi è l'Islamismo che ha determinato un congelamento e un rallentamento del progresso. E risulta impermeabile a qualsiasi altra civiltà. Da questo dato di fatto nasce il bisogno di definire forte la propria identità da parte dell'occidente. Ma la cosa sembra non interessare o preoccupare molti...

Nessie ha detto...

Alata, non preoccupa i molti perché per molti occidentali non ci è stata dichiarata nessuna guerra. E se si è scatenata la guerra al terrorismo dopo l'11/9, l'Occidente si addossa le colpe che non ha colpevolizzando solo sé stesso, il suo ex-colonialismo, il suo benessere...Più deficiente di così, si muore. Ora c'è un conflitto mediorientale che potrebbe anche estendersi a tutti noi. Ma la colpa ovviamente, è di chi si difende: Israele. Che dire?

alata ha detto...

Che dire? All'occidente non è stata dichiarata nessuna guerra apertamente. Si sta solo facendo una sotterranea invasione e occupazione. Ma il bello è che avviene con la nostra approvazione, perchè noi siamo per l'integrazione e per gli uguali diritti per tutti. E così, senza dichiarare nessuna guerra ci vengono a dire come dobbiamo comportarci, e tra poco (tra poco in Italia) anche cosa si può servire e cosa no nei nostri ristoranti.

Anonimo ha detto...

Il punto è che c'è chi ha problemi d'identità in Occidente ma non è l'assenza di musulmani che la può risolvere...non ha senso.
L'identità forte o c'è e si impone o non c'è e viene fagocitata.
Al Nord Italia c'è un pò di problemi d'identità se si sono dovuti inventare la Padania e l'ampolla.
Zagazig

Lontana ha detto...

Mi sembra proprio che Zag si debba piuttosto chiamare Zelig..:-)
Lui se ne frega dell'identità e cambia vestito a seconda...
Non sarà un bieco calcolo opportunista?:-D

Anonimo ha detto...

No è che al Sud l'identità l'abbiamo e fagocitiamo quella di chi viene da fuori.
:-)

Zagazig

Nessie ha detto...

Ma dov'è finito il Sauro? E' sprofondato nelle foreste del mesozoico?
Alata, sì è vero. L'invasione degli alieni (quando non addirittura, nemici giurati) della ns. civiltà, e la conseguente erosione dei nostri valori, avviene con la nostra stessa complicità.
Tu chiamalo se vuoi "multiculturalismo" e "comunitarismo". E il bello è che ci dividiamo pure tra di noi per discutere di quest'ovvietà.

Anonimo ha detto...

E' il dramma dell'Occidente.
Abbiamo infine imparato a rispettare e a desiderare di conoscere le altre culture,
senza volerle sopraffare ma perfino proteggere e sostenere.
E' stata una grande conquista, alla quale non possiamo rinnciare ma che ora ci si ritorce contro.
antiEUropeo

pseudosauro ha detto...

Zag: beato te. Io al mare non riesco ad andarci nonostante l'abbia a due passi. Mi tocchera' di fare il bagno di notte. Manda le foto che le vedro' volentieri.

Complimenti per il sincretismo... che tte devo ddi'? A me non dispiacerebbe affatto una lenta assimiliazione di usi e costumi di altre civilta' che possano aricchire e non sostituire i nostri, ma il mondo va veloce a dispetto dei tempi biologici che sono gli stessi di centomila anni fa. In un tale contesto lo sradicamento e' assicurato: per noi come per gli ospiti, o "invasori". Al sud l'immigrazione e' mediamente inferiore di un terzo rispetto al nord, ma e' comunque molto visibile.

Ieri mi ha scritto un'amica egiziana che ogni tanto viene su e che sta, per l'appunto, in Egitto... questo mi stabenissimo, ma che l'Egitto si trasferisca in Italia, un po' meno...

pseudosauro ha detto...

Perla: sei depressa? Che "mediocre scribacchina"... si tratta di scegliere il mezzo di comunicazione; cosa che tu sai fare anche meglio di me. Ogni tanto provo a buttarla sulla saggistica per essere meno ripetitivo con le solite formulette e le invettive. Chissa' se vale ancora "scripta manent".

Se sei disponibile a confezionare e tradurre qualche testo nelle lingue di tua competenza sappimelo dire.

pseudosauro ha detto...

P.S.
dubito assai che il modello americano possa essere importato in Europa. Mancano i presupposti: la terra e il vuoto di civilta' che c'erano allora.

pseudosauro ha detto...

Alef. non sono molto d'accordo. Alla nascita del Profeta gli arabi non erano mai usciti dall'Arabia centrale neppure per prendere un caffe' e la societa' era tribale, pertanto la sua divisione era conseguenza del caso. Dopo l'islamizzazione e' nata una coscienza etnica prima che religiosa che nelle societa' preislamiche non era mai esistita. Si tratta di chiarire se vogliamo considerare l'Islam solo una religione o uno strumento per creare un'unita' che prima non esisteva. Siccome la diffusione non e' avvenuta per via mistica come per il cristianesimo io propenderei per la seconda possibilita'. In fin dei conti le culture originarie di tutti i popoli sono sempre le religioni; la cultura occidentale ha avuta un'evoluzione che nen si riscontra altrove.

pseudosauro ha detto...

Nessie: il formalismo della cultura marxista ha quasi del prodigioso. Il teorizzare un sovvertimento violento del potere e poi il richiamarsi alle istituzioni presuppone una controparte inetta ed ignorante, il che, purtroppo e' una dolorosa realta'. Se questa prassi viene legittimata, in un contesto democratico, la controparte e' comunque destinata a soccombere anche fosse stragrande maggioranza. Anche la strategia gramsciana di cui si parla spesso s'innesta bene nel meccanismo. Molti dimenticano che la prima applicazione di questa teoria la fece lo stesso Mussolini... dobbiamo andare avanti? Tutti i socialismi del '900 avevano lo stesso nemico ideologico.

Sono fuori di me. Appena rientro ti avverto.

pseudosauro ha detto...

Alata: la guerra ci e' stata dichiarata 1600 anni fa e l'ultimo tentativo d'invasione armata risale alla fine dell'800. I buoni rapporti che intercorrono con molti paesi arabi sono dovuti a reciproci interessi economici e questi non hanno avuto altre conseguenze prima, in quanto l'Europa aveva una relativa posizione di forza. L'occidentalizzazione di parte delle societa' arabe ha fatto riemergere il vecchio contenzioso religioso che noi non siamo in grado di capire perche' ci siamo "secolarizzati"; le filosofie pacifiste, dell'accoglienza nonche' la necessita' di manodopera a basso costo hanno fatto il resto. Metti anche il caso che si privilegino altre fonti di manodopera culturalmente piu' omologabili, il risultato non cambia: la nostra civilta' se ne va a ramengo e con lei la "razza": pura o impura che gia' sia. E' semplicemente un suicidio di cui qualcuno e' del tutto consapevole perche' lo persegue tutt'ora con pervicacia nonostante gli effetti siano visibili a tutti. Basta vedere il caso olandese.

pseudosauro ha detto...

Zag: e secondo te da cosa deriverebbero i nostri problemi d'identita'? Per me dalla concezione illuministica che ha partorito le ideologie universaliste, ma anche parte della stessa religione cristiana. Tutto andava relativamente bene fino a che lo scambio di popoli avveniva nello stesso contesto culturale, ma adesso la bomba esplode perche' con la tecnologia e l'estensione di diritti che prima erano peculiarita' occidentale, si puo' andare dovunque come nulla fosse.

Non e' che non ci possano essere musulmani... e' il numero che fa la differenza. Se io voglio vedere i musulmani me ne vado in oriente o in africa. Se interi quartieri diventano dei ghetti e' solo questione di tempo, considerata la prolificita' che l'osservanza religiosa impone.

La Padania e' un'invenzione fino ad un certo punto. Ci sono fondamenti storici, anche se sono tanto antichi che sembrano piu' un pretesto. Indubbiamente si tratta di un tentativo di salvataggio di alcune specificita' etno-culturali tipiche di una zona circoscritta, ma e' innegabile che queste ci siano. Del resto si vuole salvare la bio-diversita' nel regno animale e vegetale, non ci vedrei nulla di strano che qualcuno lo facesse con l'uomo. E' ovvio osservare che la cosa richiami molto l'ideologia nazista, in quanto l'ultima ideologia basata su di un socialismo su base etnica e nazionale era appunto questa, ma aldila' del fatto che i tedeschi hanno sempre avuta una fortissima identita' popolare (ormai distrutta) il loro nazionalismo esasperato e' sempre stato una reazione ad invasioni esoprusi d'ogni genere. Quindi fu una reazione nel vero senso della parola, cosi' come e' una reazione quella dei padani. Togli la causa che la reazione scompare... lo diceva Marx, mi pare. :-)

pseudosauro ha detto...

Lontana: non credo. Zag e' veramente convinto. E' l'ideologia che e' opportunista: un giorno e' a favore della pace e quell'altro della guerra. Il socialismo rivoluzionario se ne fotte degli schemi borghesi e della coerenza; tende solo alla realizzazione del suo fine con ogni mezzo. E' una religione laica, come dice bene la Magli.

Se tu leggessi i discorsi di Mussolini quando ancora non era fascista capiresti cosa significa. Ce ne' uno nel quale esortava l'Internazionale Socialista dicendo "Mai piu' guerre"... a me pare un deja vu.

pseudosauro ha detto...

AntiEUropeo: e' vero, ma non ci sono solo verginelle in buona fede. Non e' nemmeno pensabile che non ci sia un dirigente che non sia uno che non abbia un progetto preciso... almeno statisticamente.

Anonimo ha detto...

...ma io non metto in dubbio i problemi della Padania e le sue cause.
Ho un pò di compassione più che altro..

:-)

Zag
p.s. Sauro stasera cerco di mandarti le foto...

Nessie ha detto...

Sauro, ti ho inviato un allegato estremamente interessante via email: leggilo.

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: se la padania chiudesse mai i rubinetti la pregherebbero in ginocchio di riaprirli, altro che "compassione". Siamo realisti, e furbi: con che lo reprimeresti un eventuale movimento autonomista rivoluzionario? Sia D'Alema che Berlusconi hanno fatte concessioni per necessita', ma se l'asse del nord dovesse rafforzarsi la colpa sarebbe tutta di quest'esecutivo.

Grazie per l'omaggio. :-)

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: mi trema un poco il core...

Nessie ha detto...

Non me lo dire: però non mi hai ancora detto la tua nel merito.
D'accordo sul fatto che se i "somari lombardi" chiudessero i rubinetti, finirebbe il fenomeno della gallina dalle uova d'oro (ovvero Lombardia e Triveneto).

Anonimo ha detto...

UUUeee ma che vi siete offesi?
Mo non ve ne uscite come il capo operaio di "Miracolo a Milano" che diceva a Edoardo De Filippo - "..ma che credete a Napoli che ce lo avete solo voi il cuore?".
:-)
Ognuno hai suoi problemi se avete voglie compassionevoli nei miei confronti vi offro su di un piatto di argento munnezza e camorra..su un pò di compassione anche per me.

Sauro ma chi la fa la rivoluzione in Padania?..tu Pseudo per inziare sei fuori dal cantonpadano...-1..Nessie non lo so.
Come mi avete ben spiegato il Nord pensa a 'fare gli sghei'...le rivoluzioni costano e di sghei se ne perdono tanti.
Che chiudano tutti i rubinetti così la camorra ci lascia un pò in pace e si trasferisce...:-)

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: quando verra' pubblicato mettero' un link e poi chiederemo anche a Zag se si riconosce in quel documento. Per me non sta ne' in cielo, ne' in terra.

Zag: sono "meticcio" come testimonia l'anagrafe, dunque non potrei essere certo definito di "razza pura". Siccome il movimento autonomista e' nato soprattutto per motivi fiscali non si puo' fare finta di non vedere che la parte piu' propriamente identitaria e' stata costruita ad arte per "fare popolo". Se ti capitasse di fare un giro in qualche festa leghista vedresti quante analogie ci sono con il vecchio PCI. A loro modo sono bolscevichi come i sovietici e i nazisti, ma si accontenterebbero di poco; una volta concessa loro una robusta autonomia rientrerebbero tutti gli atteggiamenti folcloristici. Se a chi contribuisce per un 60% ritorna poco meno di un 6% c'e' qualcosa che non funziona. Non dimenticare che la maggior parte delle rivoluzioni sono nate per motivi fiscali.

Nessie ha detto...

Neanche per me sta né in cielo né in terra. Quanto al parere di Zag, I don't give a damn of it. Celebre battuta cinematografica di Clark Gable che vuol dire "francamente me ne infischio".
Sì Zagor-terùn, sono del Canton Padano e sto benone dove sono. Si dice "schei" in lingua veneta e non "sghei". Dané in milanese e ghei (e non gay) nel bresciano e nella bergamasca.

Anonimo ha detto...

Sauro ci sono stato ad una festa della Lega Nord...mi sono fatto un sacco di risate...ho mangiato pizzoccheri e salsicce...applaudito il senatore che allora si scagliava contro i terroni...ma con le feste del PCI (ne ho viste più dell'Amicizia siamo in Campania) non ho notato analogie.
Alla fine abbiamo anche cantato con l'ochestrina tutta giacche lamè...:-)...
Il gioco è durato fino al giorno dopo quando abbiamo chiesto le pagine gialle in un bar...li era d'obbligo parlare e quando sentirono il nostro accento si fermò il mondo per un attimo.
Però le due ragazze valtellinesi che ci ospitavano non se ne fregavano tanto dell'accento.
:_DDDDD

Zagazig

Anto non fare così...

Antonio Saccoccio ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Antonio Saccoccio ha detto...

Pseudo, scusa l'OT.
Dopodomani sono al Mart di Rovereto con qualche altro neofuturista. Se puoi e vuoi, mi farebbe davvero piacere averti tra di noi. Per info leggi sul blog Neofuturisti oppure scrivivi email. Parto domani, fai presto! ciao!

Wellington ha detto...

OT: Sauro mi sono imbattuto in questo articolo su totalitarismo e political correctness.

http://www.brusselsjournal.com/node/1199

Ho pensato di segnalartelo.

Nessie ha detto...

ciao Sauro,
approfittando della mia assenza c'è un bug che insulta pesantemente il nostro Arm nel mio blog. E' lo stesso che insulta Lorenza e Deborah.
Se riesci, ti spiacerebbe monitorare il suo IP? Un abbraccione.

Wellington ha detto...

Quei tizi sul blog di Nessi sono passati anche da me dicendo le stesse identiche cose. Si vede che loro si divertono così poveri cristi.

ArmatexOn ha detto...

gia povercci ma sono tanti e sono tutti cosi

ArmatexOn ha detto...

gia povercci ma sono tanti e sono tutti cosi

Anonimo ha detto...

Cool blog, interesting information... Keep it UP Shower bra Withdrawal effexor side effects how long Free pics of paris hilton Free hardcore pis How to refill dell 720 ink cartridge Rubber braclet cancer ethical issues in internet advertising Gymboree toys lime green ferrari Hard tonneau covers automotive resources - car buying Norton antivirus 2005 serial number marietta ga phone book Small business employee health insurance rates alfa romeo sale Czech lottery Iternational moble phone

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.