Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

27 aprile 2006

Macche'... tutti fascisti

Tra le inevitabili polemiche, anche nel 2006 e' finita l'annosa celebrazione del 25 Aprile. Dopo le elezioni piu' aspre dal 1948, che hanno sancito una seppur controversa vittoria del centro-sinistra, si evidenzia il fatto "strano" che il Paese e' spaccato ; nulla di che, vigente il bipolarismo, ma questo tardivo stupore rivela che, sotto sotto, le "unita' nazionali" erano solo un'artificiosa invenzione della politica; fatto confermato dalla scarsissima, ancorche' trentennale, participazione al voto degli italiani. Infatti, con quasi l' 84% degli aventi diritto che per la prima volta nella storia della Repubblica si recano alle urne, si dovrebbe parlare di grande vittoria della democrazia, ma si preferisce evidenziare la radicalizzazione dello scontro politico che, di fatto, sancisce l'esistenza di almeno due modi antitetici di concepire lo Stato; differenza non tra minoranze e maggioranze, si badi, ma tra le due' meta' esatte del corpo elettorale. Sebbene la stragrande maggioranza degli italiani si professi ormai democratica e non nutra simpatie fasciste, nondimeno, va notato come la vuota retorica resistenzialista stia stretta a chi sia ancora dotato di un minimo di memoria storica; infatti, e' smaccatamente falsa l'affermazione secondo la quale il 25 Aprile 1945 la maggior parte degli italiani era antifascista; diciamo che quasi tutti non vedevano l'ora di uscire da una improvvida guerra, che aveva prostrato il Paese, voluta, o meglio subita, dal regime. Ma il "consenso", di defeliciana memoria, nel 1945 funzionava ancora: sia nel centro-sud occupato dagli alleati, sia in quella parte del nord ancora sotto alla RSI. Si guardino attentamente le foto pubblicate qui , tra le quali ve ne sono 2 scattate il 16 marzo, che evidenziano una grande partecipazione popolare ai funerali delle giovani vittime della Monterosa, uccise nel corso di un attentato da alcune bande partigiane in Piemonte. Si potra' notare una folla di migliaia di persone: anziani, e giovanissimi che salutano "romanamente" le bare. Le stime dicono trattarsi di "almeno" centomila persone nella sola Torino e nella sola zona attraverso la quale passarono i feretri dei militari. Si paragoni questo numero con il totale delle formazioni partigiane attive su tutto il territorio nazionale e si avra' una percezione piu' realistica delle reali proporzioni. Si noti la data, che corrisponde ad appena un mese prima quella della "liberazione". Si consideri che le stragi e i regolamenti di conti che, soprattutto in Emilia, fecero non meno di 200.000 vittime tra fascisti, presunti tali, cattolici, possidenti, preti, cittadini comuni ancorche' molti partigiani stessi non comunisti, dovevano ancora iniziare e non cessarono del tutto fino al 1948. Se i numeri contassero ancora qualcosa si potrebbe tranquillamente dire che una esigua minoranza del Paese si e' attribuita il merito di una vittoria militare che spetterebbe quasi per intero alle truppe alleate e che la celebrazione del 25 aprile non sia la festa di un Paese appena uscito da una dittatura, ma quella di un Paese appena, ancorche' inconsapevolmente, entrato in un'altra. Ci sono voluti 60 anni per capire che il Paese e' "spaccato"; ora ce ne vorranno altrettanti per capire chi e' stato a spaccarlo.

48 commenti:

Perla ha detto...

Bè grande Sauro, devo cantarti: "...lasciamoci così senza rancore..." o il tuo è un abbandono temporaneo? :-)))

Perla

Anonimo ha detto...

..Concordo su molto.
Specie sul numero di italiani fascisti.
Questo sia di monito per il futuro. Ma ciò non può certo porre dubbi sull'antifascismo.
Lo "stupor" è solo una forma di ipocrisia nazionale..am essere italian per me significa risucire a vivere anche con concezioni diverse sotto lo stesso cappello costituizionale.
Odio ogni idea dirigista su come si deve esser ee ci si deve comportare.
L'importante è il rispetto comune della libertà.
Quanto alla 'polemica' sul contributo di partigiani e alleati..penso sia sbagliata e nasce dai revisonismi di destra.
La Resistenza non è stata solo rossa e questo si sà, gli alleati sono stati fondamentali per forze e numero e questo si sà.
Ma il sacrifico di italiani per l'Italia, ognuno con la sua storia anche politica, ha un valore che và oltre la matematica della guerra.
E' un valore civile fodnamentale.

Zagazig

Nessie ha detto...

Zag, sono figlia e nipote di antifascisti militanti (ma non comunisti). Perciò io ti dico una cosa: se sono vere queste cose che scrivi sui "valori civili fondamentali" e bla, bla, bla, ebbene, DIMOSTRATELO! Lo spettacolo ripreso in tv di due giorni fa a Milano, ha fatto il giro del mondo ed è stato indecoroso e disgustoso!!!

Anonimo ha detto...

..e che ti devo dire io...mica brucio bandiere o fischio la Moratti..che devo fare controllare chi scende in strada?

Zagazig

Nessie ha detto...

Puoi fare - potete fare - molto, moltissimo tu e i cosiddetti "in buona fede". Nelle vostre sezioni o federazioni di partito, cominciate a restituire le tessere (se le avete ancora) ogni volta che fanno puttanate di questo genere. Negategli il voto! Ricorda che quelli che ieri insultavano la Moratti, chiamandola "troia" e altri begli epiteti, non erano affatto dei no global o dei casseurs, ma insegnanti, impiegati e gente legata agli ambienti sindacali: COMPLIMENTI! Sai cosa mi ha ricordato quella scena del poveretto paralizzato in carrozzella che avanzava in mezzo a quella feccia urlante? Il lancio del paralitico Leon Klingerhoffer giù dalla nave Achille Lauro da parte dei naziislamisti terroristi. Maramaldi vigliacchi! Meno male che ci sono gli americani che in mezzo ai nostri disgustosi e corrotti politici Andreotti, Moro, Cossiga e Craxi, hanno trovato Abu Abbas (il responsabile dell'Achille Lauro) in Iraq e l'hanno fatto subito fuori! Questa sì che è giustizia. Non le clementine Forleo.

Anonimo ha detto...

Si va bè ma tu vai con la fantasia...io non ho tessere..ne sono iscritto a nulla...poi tu sei convinta di sapere chi fossero el eprsone che urlavano e insultavano...a che partito fossero iscritti ma questo non stà nè il cielo nè in terra.
Poi il paragone con Klingerhoffer...lasciamo stare...che non stà nè in cielo nè in terra...la moratti è stata bersagliata, il suo portavoce ha detto che se lo aspettavano, tutti a sinistra avevano detto non fischiate, alcuni hanno fischiato e insultato, tutti a sinistra hanno condannato.
E allora?
Tutto stò polverone non stà nè il cielo nè in terra..come quello dei due palestinesi che bruciano la bandiera coi quattro compari di un centro sociale.
Ma pe rpiacere.
Va bè che siamo in telecrazia ma non esageriamo...specie con stè figure retoriche e pietose dell'uomo in carrozzella...che non era oggetto dele attenzioni di quelli che contestavano tra l'altro.
Più che Achille Lauro questa tua descrizione mi fa pensare a Fantozzi e alla Corazzata Potemkin.

Zagazig

Anonimo ha detto...

ho scritto re volte..nè in cielo nè in terra..:-)

.Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: anche tu non mi "frequenti" molto in verita'... ho avuto un po' da fare.

Zag: non dubitavo della tua personale buonafede e delle tue ottime intenzioni, ma i "fenomeni" in oggetto non sono il frutto del caso. Quanto al topic: il 6 aprile 1947, il quotidiano dell'ANPI "La Penna" titolava: "Tutti comunisti gli assassini" ed auspicava che venissero messi fuori dall'associazione la quasi totalita' dei dirigenti gap emiliani a causa di eccidi indiscriminati avvenuti nel tristemente noto "Triangolo della morte". Togliatti provvide a modo suo, ma molta di quella gente ha ricoperto importanti cariche locali e presenziato indisturbata a tutti i festeggiamenti svoltisi da 50 anni in qua. Temo che tra Resistenza e Rivoluzione le idee non siano molto chiare nemmeno adesso. Se il consenso era cosi' esteso, e non si e' provveduto a sterminare tutta la popolazione italiana, si provi a spiegare perche' le zone piu' "nere" del Paese ora sono le piu' "rosse". Diciamo invece che e' piu' facile passare da fascista a comunista che da fascista a liberale. Resta il fatto che gli antifascisti erano 4 gatti: come volevasi dimostrare.

Nessie: questo qui me l'hai tirato fuori dalla penna. Fascisti o antifascisti, sono passati 60 anni e le animosita' dovrebbero essersi dissolte come e' avvenuto dovunque. Se il dichiararsi antifascisti e' pari a dichiararsi "migliori" e' tutto bell'e' che spiegato senza bisogno di creare complesse edificazioni logiche. Ognuno aveva il suo ideale e non era ne' plagiato, ne' idiota dalla nascita. Preso atto di questo ci si rassegni a considerare i numeri per quelli che sono, dato che stiamo in un "regime" che da piuttosto importanza a questo dettaglio.

Monsoreau ha detto...

Anche Zagazig continua a sminuire, pur riconoscendolo fondamentale, il ruolo degli Alleati AngloAmericani.
Il fatto è che senza gli Alleati non ci sarebbero stati i partigiani.
Senza gli Alleati non ci sarebbe stato 25 aprile.
Questo non riescono a capirlo.
E non è un "revisionismo di Destra", ma è la realtà dei fatti, perchè, semmai, le manipolazioni, i travisamenti sono avvenuti da parte di chi ha volutoesaltare un ruolo marginalissimo delle bande partigiane, sorte quando la guerra era già persa, pquando gli Alleati erano già in Italia e quasi a Roma, quando il Re aveva già defenestrato il Duce ed era scappato a Brindisi.

Lo PseudoSauro ha detto...

Mons: sarebbe un po' difficile essere antiliberalcapitalisti e contemporaneamente dichiararsi grati agli americani; non si concilierebbe con l'ideologia; infatti su questo punto fascisti e comunisti la pensano esattamente allo stesso modo, ma Zag e' un po' "controrivoluzionario" perche' ragiona spesso con la sua testa: spesso non significa sempre...

Nessie ha detto...

Zag, quei quattro compari dei centri sociali sono opportunamente sorretti dall'inFausto futuro presidente della Camera che ne ha pure candidato uno eletto nelle sue liste, con ben 33 capi di imputazione. Sauro, le tue faraggini non le decifro più: perciò con te getto la spugna.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: saro' meno involuto:

Un antifascista vale quanto un fascista o un comunista. Non e' ne' migliore, ne peggiore.

Altra cosa e' l'ideologia che va arginata, ma nessuno nasce migliore.

Nessie ha detto...

Gran scoperta dell'acqua calda! ;-) Questo vallo a dire a quei compagnucci che scandiscono slogan come "uccidere un fascista non è reato". E che oggi hanno sostituito questa demenzialità con "10, 100, 1000 Nassiriya". Cambiano i tempi, ma la demenza (senile) è sempre quella.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: possibile che lo prendi sempre come un fatto personale? Pero' anche tu, quando dici "sono figlia di antifascisti" non sottintendi solo di aver ricevuto un'educazione di un certo tipo. Il problema sta nel fatto che tutti usiamo di questo metodo senza rendercene conto; hai un bel voglia a dire che siamo diversi. Se i miei erano fascisti o antifascisti non deve importare a nessuno, o dovrei esporre un pedegree? Quanto agli zucconi che pensano di essere piu' democratici dei nazisti e poi vorrebbero uccidere uno solo perche' lo reputano ontologicamente diverso, direi: che ci provino, se gli riesce. La xenofobia vale solo se l'oggetto e' quantomeno abbronzato, se uno l'ha bianca come il latte non vale gia' piu' e lo si puo' anche ammazzare... alla faccia dell'uguaglianza del Barbone... ma non lo vedi che sono deficienti? Che gli puoi dire a uno che ragiona cosi'? Se l'ammazzi gli fai un favore.

Nessie ha detto...

Ma quale fatto personale? Ma se ti ho fatto pure l'occhiolino ;-)?! Che sense of humour! Se vai sul forum di Magdi Allam c'è una certa "cecchinatrice" per te che dice che la Moratti a Milano ha inscenato tutta una commedia e che magari il paralitico era pure finto come quello dei film. Pensa un po' a che punto siamo ridotti...

Lontana ha detto...

Sauro ciao! Sono tornata nella mia seconda terra...
Sono d'accordo con quello che hai detto. Aggiungo che io non ho genitori antifascisti ma: mia madre di fede monarchica e simpatizzante e riconoscente a Mussolini, anche se mai partecipò alla politica. Mio padre molto critico del prima del fascismo, apprezzò molte cose che furono fatte contro la corruzione e il marasma che esisteva prima di Mussolini. Disse sempre che Mussolini fece l'errore di mandarli in esilio e così continuò a coltivare serpi in seno. Anche lui non fu mai fascista, ma volontario in guerra.Entrambi furono spettatori a Torino a cose orribili fatte dai partigiani.Il clima era quello del terrore e mi raccontarono parecchi episodi che non possono essere festeggiati da nessun 25 aprile.
Presto tornerò a scrivere sul blog
Un bacio, :-)

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: sono un po' cecato anch'io e l'occhiolino non l'ho visto. Vado a vedere, ma sul corsera non sono piu' molto popolare, ormai (povero Magdi).

Lontana: che peccato. Sei gia tornata tra gli alci? Se guardi ci sono proprio alcune foto originali scattate a Torino all'epoca; compresa quella dell'esecuzione di Solaro. Bentornata, anche se a distanza di sicurezza.

Perla ha detto...

A presto Sauro ... spero :-)

Perla

Anonimo ha detto...

Nessie in quello che dici c'è un dato politico in parte vero.
Bertinotti non ha alcuna intenzione di tagliare i ponti col mondo dei non global...questo sarebbe ciò che vorrebbero tanto l'Ulivo che la CdL.
Ma Rifondazione intende mediare e non escludere dal dibattito sociale chi non si riconsce nei partiti tradizionali.
Quanto a Caruso. La sua scelta di candidarsi dai no global è stata considerata una rottura col proprio movimento non l'invio di un proprio rappresentante al Parlamento.
Sui procedimento a suo carico ti incammini sui di un percorso accidentato:
1) proviamo a parlare dei procedimenti uno per uno;
2) nella CdL c'è tanta gente già condannata...vogliamo confrontare i capi d'imputazione?...vogliamo parlare di Previti e Dell'Utri?
Due pesi e due misure?

Zagazig

Nessie ha detto...

Zag, in questi giorni Berlusconi è stato prosciolto dal caso SME. Caruso è entrato in parlamento per farsi amnistiare i suoi molteplici "espropri proletari" (un termine che solo a sentirlo mi fa venire i brividi). Piccolo aggiornamento: oggi ha messo gravemente in imbarazzo la sua coalizione dicendo che andrà ad occupare da solo le basi militari americane e che giustifica l'assdassinio dei tre carabinieri a Nassiriya. Credimi, vorrei che certa sinistra fosse fatta da gente per bene come te ( e come alcuni dei miei familiari liguri). Purtroppo è piena di teppistume. E voi siete solo la loro "foglia di fico" che si persdi in inutili distinguo. Comunque non dispero: non è mai troppo tardi per aprire gli occhi.

Anonimo ha detto...

Beh rispondermi con Berlusconi alla domanda su Previti e Dell'Utri....:-)....
In quanti li dobbiamo aprire stì occhi...

Non ci devono essere tentennamenti nè ambiguità da parte del centrosinistra: le truppe italiane vanno ritirate immediatamente dall'Iraq e il paese va restituito agli iracheni, su questo non transigo". Così Francesco Caruso, eletto nelle liste di Rifondazione Comunista. Il leader dei disobbedienti si dice "pronto a qualunque iniziativa convenzionale e non, se questo provvedimento non sarà tra i primi adottati dal nuovo governo. Compresa l'occupazione di basi militari".

..non leggo nessuna giustificazione all'attentato di Nassyria....birichina!!
:-)

Zagazig

Nessie ha detto...

Okay, ritiratevi e fate subito vedere ai terroristi islamici che siete degli zapateri pavidi come conigli e pronti a prenderlo nel sottocoda da qualche sparatore di minareti!

Anonimo ha detto...

..in effetti sono stati i ds a bombardare la serbia...
Per missili e affini potete rivolgervi con successo a D'Alema.
Noi siamo poca cosa nella coalizione.
Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie VS Zag e viceversa... lasciatemi stare la Magistratura se no vi faccio arrestare tutti e due. Vogliamo far finta che questa istituzione sia degna del massimo rispetto dopo che dal lontano 1964 una parte della "serenissima" e' scesa in politica? Abbiamo presente "cosucce" come la separazione dei poteri? Non mi risulta ci fosse Berlusconi, all'epoca: qual'era il "pericolo per la democrazia"? Senza dire della Magistratura ordinaria che mentre si fa in quattro per mettere dentro i politici lascia a spasso i pluriomicidi... Previti e Dell'Utri saranno anche pericolosissimi delinquenti, magari lo sara' pure Berlusconi... ma qualche dubbietto che qualcuno trucchi un tantino le carte, proprio no? Tutto "sereno" e "istituzionalmente" corretto? Il caso Craxi non suggerisce niente? E poi lasciamo perdere le "questioni morali" quando un partito intero ha fatto da quinta colonna al nemico per 40 anni. Un po' di decenza e si parli delle cose come stanno, non di come dovrebbero stare se le Istituzioni funzionasero. I comunisti e i post-tali sono persone cui e' dovuto il massimo rispetto se li si guarda secondo l'ottica marxista, ma se si considera questa prospettiva dal punto di vista di uno stato democrati co sono dei sovversivi... c'e' poco da sottilizzare. Io Marx l'ho letto benino... e non solo lui.

Lo PseudoSauro ha detto...

Comunque, vorrei ricordare che il topic si proporrebbe di arrivare ad un punto che qui nessuno sembra nemmeno sfiorare: una parte della resistenza, che gia' era esigua di per se', riteneva che la giustizia fosse "cosa propria" ed ha ammazzato oppositori, colleghi ed innocenti in ossequio a questo assunto. La stessa ANPI ha sollecitato piu' volte l'estromissione dei vertici comunisti dalle proprie file, non foss'altro che per difendersi. Se dopo 60 anni vogliamo tornare a considerare l'oppositore, anche fascista, indegno di un processo ed esecrabile in quanto tale, e' lecito attendersi che qualcuno prima o poi usera' dello stesso ragionamento applicandolo ai comunisti; o sogno ad occhi aperti? Non sarebbe meglio riconoscere che quei 4 gatti di vecchietti fascisti sopravvissuti, malgre' soi fino ad ora, valgono quanto i soloni nostalgici di "Triangoli della morte" ed altre piacevolezze? Se, come dice Zag, si deve rispettare il Diritto , la responsabilita' e' personale, dunque nessuno e' colpevole di qualcosa "in se e per se". E se e' vietato fare apologia di qualcosa - qualunque cosa - cio' dovrebbe valere per gli uni e per gli altri, se no e' legittimo inferirne che la nostra stessa Costituzione tutto e' tranne che democratica. E allora...

Anonimo ha detto...

..e allora bisognerebbe cambiarla se c'è la volontà del popolo...ma prima la si rispetta...così com'è...non perchè deve piacerci per forza..ma perchè è la Costituzione...il patto costitutivo...la Grund Norm...o come cavolo la vogliamo chiamare.
:-)

Zagazig

Lontana ha detto...

Previti e Dell'Utri sono uomini di affari e hanno dovuto mediare col mondo corrotto italiano come hanno fatto tutti. Ma non sono delinquenti e tantomeno mafiosi. Preferisco 10 Previti a mezzo caruso. Anche su Dell'Utri potrei mettere la mano sul fuoco.

Nessie ha detto...

A proposito di Magistratura. Ci sarà un'inchiesta sulla nuova strage di Nassiriya e ci vogliamo scommettere che se troveranno i bombaroli che hanno fatto saltare per aria il veicolo uccidendo i tre, salterà fuori qualche clementina di turno (nel senso degli agrumi) a dire che si trattava di resistenti?

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: almeno tra noi lasciamo stare le pelose questioni formali. Tu tifi per una parte politica che storicamente ha sempre desiderato l'abbattimento della democrazia per instaurare una dittatura; sembra che ormai non lo ricordi piu' nessuno, ma il socialismo e' questo. Anche le socialdemocrazie tollerano episodicamente un certo terrorismo proprio perche' fa parte del corredo di famiglia. Ma aldila' del fatto che per cambiare quaunque cosa, in Italia, si deve smantellare un "conflitto d'interessi" che va avanti _almeno_ da 40 anni, qualunque posizione garantista quando il gioco e' truccato suonerebbe fasulla anche ad un sordo. Il problema sta nel fatto che alcune forzature della destra si sono rese necessarie perche' il gioco e' stato creato apposta per penalizzarla, anzi, per fare in modo che nemmeno nascesse. Allora i casi sono 2: si vuole la democrazia? Allora si sciolgano le magistrature democratiche, si purghino i CSM e tutte le corporazioni ereditate dal fascismo che sono le uniche cose che la sinistra apprezza. In alternativa si dica chiaro e tondo che la democrazia non la si vuole piu' - come ampiamente dimostrato di recente - e tutti torniamo allegramente a scannarci per strada come ai "bei tempi", ma con proporzioni assai mutate. Si guardi al complesso e non si storni l'attenzione sul dettaglio, qualcuno potrebbe pensar male...

Lo PseudoSauro ha detto...

Lontana: accetta l'obiezione di Zag perche' formalmente e' corretta. Se uno e' stato condannato in via definitiva e' colpevole. Se non lo e' stato, allora e' diffamazione. La sacralita' del Diritto vale ora come ai tempi del Duce, quindi le sentenze vanno rispettate, ma secondo lo stesso principio chi emette sentenze prima di un regolare dibattimento commette uno dei reati piu' gravi in ogni paese democratico. Basterebbe che la forma fosse osservata in entrambi i sensi che la Legge sarebbe davvero Uguale per Tutti, by the way...

Nessie ha detto...

Però Sauro non hai ancora fissato la posta della scommessa. Cosa ci scommettiamo sulla prossima clementina e sui prossimi bombaroli resistenti, prontamente lasciati andare a spasso come Daki?

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: la scommessa te la do gia' vinta, ma scommetti che stavolta la gente s'incazza?

Nessie ha detto...

Sì, s'incazza e occupa il Palazzo di Giustizia a mo' di Bastiglia, perché ne abbiamo piene le @@ di terrosisti a spasso, di bandiere americane e israeliane bruciate, di politici che fanno gli istigatori a delinquere, di slogan con apologia di strage e di massacri, di espropri proletari ecc. TUTTI rigorosamente impuniti! Ecchediamine!

Lo PseudoSauro ha detto...

Ecche' sara' mai un terrorista a spasso? Pardon: "un presunto terrorista"... l'importante e' che in galera ci finiscano: Previti, Dell'Utri e Berlusconi: presunti o colpevoli che siano. Magari a vita. O magari si ripristina la forca per l'occasione. Non puo' durare in eterno un'idiozia simile.

Nessie ha detto...

Ti piace la trovatina delle palle a chiocciola @@? A me fa morire dal ridere... Certo che ce le hanno fatte proprio a chioccioloni! Ridiamoci su, per non piangere! Oggi ho avuto la soddisfazione di vedere che la mia teoria di "Nassiriya con cabina di regìa" del mio ultimo post, è stata ripresa da Il Giornale col titolo "Contatti tra l'Italia e gli assassini di Nassiriya". Ma io l'ho scritto prima e non ho copiato i compiti. E dire che Zag mi ha dato pure della paranoica sul mio blog....

Lo PseudoSauro ha detto...

Occhio che "palle" e "coglioni" non si possono nemmeno piu' raffigurare graficamente: verboten.
Quanto all'Iraq: decisamente ci prendono per @@ e con ragione. Evidentemente e' solo un caso peregrino: un paio di cariche cave annodate con il preciso intento di uccidere, non di fare casino come al solito e nel periodo giusto. E' un miracolo che si sia salvato qualcuno, considerato che il calore che si sviluppa nel bersaglio e' pari a quello di un altoforno. Comunque il mandare i militari a fare gli obiettori di coscienza e' di per se' da incoscienti.

Lontana ha detto...

Sì, sì, l'obiezione di Zag l'accetterei in un clima normale, non da quando é iniziata la persecuzione giudiziaria di tutti quelli che hanno avvicinato Berlusconi.
E non ho fiducia alcuna nella giustizia italiana che spende milioni a inseguire i politici di destra senza mai rendere conto di nulla. Una giustizia lenta a faziosa che roba é?
Se facessero indagini su ogni cittadino italiano vuoi scommettere che troverebbero tutti colpevoli di qualche cosa?
Meglio il futurismo, va'!

Lo PseudoSauro ha detto...

Lontana: e' ovvio che e' strumentale... ma basterebbe usare dello stesso metodo per confutare ogni argomento, punto per punto. E' che non ne abbiamo la pazienza e poi dici bene: il clima non aiuta. :-)

Anonimo ha detto...

Lontana non ti ho dato della paranoica..e il fatto che il Giornale 'ti abbia ripreso'mi sembra cosa naturale ma di dubbio merito per te per il Giornale.
:-)
Cmq leggendo bene i giornali e grazie anche alle dritte del Sauro si intende che come hanno detto anche i militari "l'ordigno era di un tipo incapace di essere contrastato".
E a dire il vero ce ne eravmo già accorti in passato che in Iraq c'è l'ewventualità di imbattersi in "ordigni o kamikaze" incapaci di essere contrastati.
Da ciò spero almeno che si smetta di dire che i nostri soldati si possano sempre difendere adeguatamente.
Tutti questi discorsi 'dietristi', questo libero sviluppo di idee senza confini, dimostrano a mio modestissimo giudizio che c'è un tentativo continuo di screditare la coalizione di sinistra facendo leva sull'esercito e sul concetto di patria.
Etichettare tutti coloro che sono contrari alla missione in Iraq come filoterroristi fino ad immaginarne da subito (vedi KOSSIGA) un collegamento diretto tra la piazza di Milano e gl'iraqeni è pura demagogia.
Vorrei vedere come reagirebbe questa destra italiana se l'Unione mandasse una folta missione di pace nei territori occupati.
Ammesso che Israele lo ammettesse.

Zgazig

Anonimo ha detto...

era per nessie..:-)...

Zag

Nessie ha detto...

Zag, è un dialogo tra sordi. E non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. La coalizione dell'Ulivo ha addirittura bombardato Belgrado per giorni e giorni senza neanche la copertura della risoluzione ONU. Ma quella era una guerra benedetta da Clinton, il papa Woityla, D'Alema, Blair. E con questo la chiudo qua, sennò ci ripetiamo.

Anonimo ha detto...

..forse scordi che Bertinotti non ci stette...e scordi chi voto io...

Zagazig

Nessie ha detto...

Zag, che @@! Goditelo il tuo subcomandante Faustos e ciapa! Anzi, Chapa!

Anonimo ha detto...

:-)

Zag

Anonimo ha detto...

Sauro quando riprendi a postare?
O stai medfitando la lotta rmata...
:-)

Zag

Siro ha detto...

>> Si consideri che le stragi e i regolamenti di conti che, soprattutto in Emilia, fecero non meno di 200.000 vittime tra fascisti, presunti tali, cattolici, possidenti, preti, cittadini comuni

Nicholas Farrell, studioso del fascismo non allineato alla vulgata rossa, fa notare che le vittime del fascismo non furono nemmeno 100mila in vent'anni di regime. I partigiani rossi ne fecero 200mila in pochi mesi... Tra l'altro, ho letto di recente che anche questa storia della Resistenza comunista è una solenne buffonata, visto che la maggioranza dei partigiani era cattolica. Lo scrive il docente di storia dell'università di Messina, se trovo informazioni te le posto...
Ciao!

Siro ha detto...

Ecco qui. Dal blog di Barbara:

Massimo Longo Adorno, docente di storia presso l’Università di Messina.

La maggioranza delle formazioni partigiane combattenti nell’Italia centro-settentrionale apparteneva all’area monarchica (formazioni autonome); questi gruppi costituivano la maggioranza assoluta delle formazioni presenti in Piemonte (Beppe Fenoglio era un partigiano appartenente a queste formazioni), la regione a più alta densità di “formazioni resistenti”. Il ruolo svolto da organizzazioni come la “brigata Franchi” guidata da Edgardo Sogno, era assolutamente vitale dal punto di vista strategico, poiché era attraverso i partigiani monarchici della “Franchi”, che le armi paracadutate dall'USAF statunitense e dalla RAF britannica, venivano poi smistate a tutte le altre formazioni resistenziali, comunisti inclusi. A questo proposito si possono consultare i due volumi scritti da Edgardo Sogno:
1) “Guerra senza bandiera”, Il mulino, 1995
2) “La Franchi, storia di un’organizzazione partigiana”, Il mulino, 1996, nonché il volume curato dall'istituto per la storia del movimento di liberazione in Italia, dal titolo “Le formazioni autonome nella guerra di liberazione”, Franco Angeli, 1995. Una testimonianza fondamentale della propria esperienza di combattente partigiano con le formazioni monarchiche è quella fornita da Augusto Segre in “Memorie di vita ebraica”, Bonacci, Roma, 1979.
Dopo i monarchici venivano per consistenza numerica e addestramento militare le formazioni di “Giustizia e Libertà” legate al partito d'azione, e dopo di esse le “brigate Garibaldi” che avevano il partito comunista come punto di riferimento. I Comunisti di conseguenza non hanno MAI svolto nessun ruolo esclusivo nell'ambito della lotta di liberazione. Dopo il referendum monarchia-repubblica del giugno 1946, i monarchici sparirono dalla scena politica italiana come fattore politico significante e significativo (fenomeni di folklore reducistico e nostalgico sono altra cosa dalla politica vera), la stessa cosa può dirsi per il partito d'azione, così per il PCI rimasto solo sulla scena politica fu molto facile occupare il “vuoto politico” che si era creato in virtù della nuova situazione, creando un diritto di “esclusiva” sul 25 aprile e sulla lotta di liberazione dal nazifascismo, vista come “cosa propria”, avulsa dal contesto politico- militare dell'epoca. Ad ogni modo senza La V armata statunitense e l'VIII armata britannica non ci sarebbe stata nessuna lotta di liberazione nel nostro paese, né essa si sarebbe conclusa in maniera positiva. A questo proposito deve essere rimarcato che mentre la presenza della “Brigata ebraica” nei combattimenti sul fronte italiano si limita allo sfondamento della linea gotica avvenuto nell'aprile 1945 in Romagna, la presenza di Ebrei dello Yishuv con l'uniforme britannica, inseriti nell'ambito di specifiche “compagnie ebraiche” all'interno della VIII armata è una costante che va dal Luglio 1943 (sbarco in Sicilia), sino all'Aprile 1945. Il generale Israel Tal (futuro ideatore del carro armato israeliano merkavà) fu il primo soldato in uniforme britannica a entrare nel mio paese natale Patti come sottufficiale di trasporto di una compagnia ebraica dell’VIII armata guidata dal generale Montgomery (cfr. Israel Tal “Talik speaking”, Tel Aviv, Am oved, 1995. Le compagnie ebraiche dell’VIII armata furono anche le prime unità ad entrare in Firenze, assicurando i primi rifornimenti idrici alla popolazione civile.

il Castello ha detto...

Grazie Siro. Ti ho risposto sul tuo blog. Diciamo che il mito su cui e' fondata la repubblica e' stato parecchio manipolato, per non dire di peggio.

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.