Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

26 marzo 2006

Cialtroni o assassini?

Probabilmente se Christian Rocca avesse frequentato l'oratorio della sua parrocchia avrebbe quantomeno imparate le buone maniere ed il rispetto del suo prossimo, che la sua personalissima visione del liberalesimo parrebbe non contemplare, ma di "liberali di sinistra" cosi' ne abbiamo a bizzeffe: dall'Italia all'Olanda; tanto vale sopportarli con "cristiana" rassegnazione; e questo anche se siamo atei.

"Marcello Occidente-Express Pera", "Mel Taliban Gibson"... nello scritto del Rocca, reperibile qui, ci sono piu' nomi propri di persona - tutti rigorosamente "definiti" come da prassi "liberale" - che ragionamenti; chiunque usasse della logica e desiderasse "ottimizzare" il vano sproloquio del nostro, potrebbe riassumere in meno di due righe un concetto estremamente semplice, ancorche' cosi' baroccamente esposto; e cioe': "La difesa dei "rosapugnanti" della posizione olandese in materia di eutanasia e' "cialtrona" ". Ma ogni giornalista deve per contratto riempire uno spazio di carta ben preciso; e questo indipendentemente dal numero fisso di idee che la materia cerebrale di dotazione gli consente di elaborare.

In tale definizione si puo' ravvisare una chiara indulgenza nei confronti dei "compagni che sbagliano"; indulgenza che manca del tutto nel caso della pletora di oppositori che vengono via, via dipinti alla stregua di minus habentes, quando non di delinquenti tout-court. Le pubbliche invettive del Lenin appena sceso dal treno da Berlino parrebbero un esercizio di Monsignor Della Casa, al paragone.

Pero', chi si riconosce in una weltanschauung che contempla una selezione umana basata su criteri inequivocabilmente eugenetici e' solo "cialtrone". Per estensione i nazisti sarebbero stati "birichini" e, volendo spingersi un po' piu' in la, quella parte del clero che li fece fuggire oltreatlantico difficilmente potrebbe essere definita "connivente" con i crimini nazisti, dato il ridimensionamento che ne viene fatto da questi difensori della liberta' di scannare bambini ed adolescenti sull'altare della loro divina "laicita'". E tu chiamali, se vuoi: "cialtroni".

Mai fidarsi delle etichette.

21 commenti:

Nessie ha detto...

La difesa di Rocca-Camillo verso i rosapugnanti è cialtronesca a sua volta non solo perché è (come scrivi)è la riedizione "dei compagni che sbagliano", ma per il suo non voler vedere in nuce nel laicismo ad oltranza dei radicali, conseguenze come queste dell'eutanasia sui bimbi handicappati. Però mi incasso ancora una volta la mia piccola rivincita su Arm che andava entusiasta di Rocca (ai tempi del PW) mentre io frenavo perché lo ritenevo un radical chic. Avevo fiutato giusto. Ciao

Lo PseudoSauro ha detto...

Ma questi con i liberali non hanno niente a che vedere. Sono marxisti inconsapevoli; e lo si vede da come distribuiscono insulti a destra, ma non a manca. E poi sono chic quanto poteva esserlo un sancullotto: ogni scarrafone e' bello a mamma sua.

Monsoreau ha detto...

Son "chic" autoreferenziali, come Di Pietro può benissimo dire di se stesso di essere un profondo e raffinato cultore della lingua italiana ... :-)

PerlaPerla ha detto...

Credo, caro Sauro, che io non potrei essere mai confusa tra i simpatizzanti pannelliani (forse proprio per questo che i miei post critici contro Pannella rimangono nell'ombra :-D) eppure mi sento di sostenere Rocca.
Io, da liberale, non affido le mie finanze ma ancora di più il mio corpo e la mia vita allo Stato.
Pertanto ritengo che un adulto abbia il diritto di decidere se e quando interrompere la sua esistenza.

Rocca la pensa così ma non accetta che altri decidano della vita di un neonato, per quanto compromessa da una malattia.
I pannelliani fondamentalisti di una schizofrenica ideologia liberal-social-comunista affermano il contrario.

Ciao! :-)

Perla

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: forse non hai letto bene... Credo di essermi espresso fin troppo chiaramente.

Chi si esprime in questo modo tutto sara' tranne che un liberale. Quello della denigrazione usato da Rocca e' tipica prassi marxista.

Inoltre, chi preferisce insultare gli alleati e vezzeggiare gli ex "compagni" (sic) anche quando questi sostengono lo sterminio, non solo non ha ben chiaro da che parte stare, ma da l'impressione di fare una denuncia a meta'.

Io continuo a vedere poca differenza tra chi nei radicali sta a destra e chi invece a sinistra. Sparare sui cattolici e' un esercizio francamente nauseante; sara' che non costa niente.

Nessie ha detto...

* "Radical chic" perché Rocca è grande amico di quel birignao di Luca Sofri e di sua moglie Daria Bignardi detta pure la Birignarda. Purtroppo vale sempre il motto "dimmi con chi vai...". Sul vizio di sparare sulla Croce Rossa ovvero sui cattolici, quoto il Sauro. Facile come rubare in Chiesa.

Perla ha detto...

Parlando dell'Olanda riesco a farci entrare poco la Chiesa, sia quella cattolica che quella riformata.
Mi pare che neppure il 40% degli Olandesi (contro il 90% degli Italiani) sia battezzato e i paaticanti sono ancora meno.

Mi pare che si stia facendo un pò di confusione su questa cosa, e non mi riferisco a te caro Sauro.

E poi, Nessie, Sofri non è radicale anche se ha subito una sorta di fascinazione pannelliana.

Forse non ho compreso fino in fondo Rocca ma penso che il suo non sia un discorso da ex militonto semi condiscendente.

Di certo l'argomento è delicato ma proprio molto.

Ciao ai miei due saurini. :-)

Perla

Nessie ha detto...

Lo so bene Perla che Luca Sofri non è radicale. Ma il termine "radical chic" non sta solo a circoscrivere i Pannelliani, ma un' ampia area politica. Esempio: è radical chicchettona anche la Melandri e pure quella faccia pesta di Lidia Ravera. Ciao :-)

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: ma l'hai letto bene? Ogni soggetto in odore di cristianesimo ha una "definizione" mischiata al cognome... invece alla politica dei "compagni che sbagliano" si da della "cialtrona". L'attacco personale ai "nemici" e la "critica costruttiva" agli "amici", con la piccola differenza che i ruoli politici sono invertiti... ma cos'e' una presa in giro? Questa e' la genuina prassi marxista; i liberali criticano le opinioni, non le persone.

Io sono ateo, ma riesco a riconoscere l'anticlericalismo dall'anticristianesimo, senza che alcuno mi suggerisca "percorsi".

Quanto all'Olanda, se e' ridotta com'e', e' proprio perche' ha voluto fare il laboratorio culturale. Se ricordi bene quando gli esperimenti sociali sono iniziati il cristianesimo riformato era maggioranza un po' come per la Danimarca... In Norvegia le sapete meglio di me queste cose.

I cristiani vengono scannati in mezzo mondo e i "liberali" nostrani se la pigliano con loro, mentre criticano ogni iniziativa volta ad arginare la conquista islamica dell'intero occidente.
Che si collochino a sinistra, visto che li' questa politica e' ampiamente condivisa.

E poi tra un talebano cristiano ed uno musulmano la differenza sarebbe percepibile anche al tizio in stato di coma vegetativo al quale lo stato dovrebbe fare "grazia".
Questa e' roba assai peggio del nazismo, ma molto, molto peggio.

Del resto questa branca del liberalesimo viene da Hobbes, non certo da Locke; sfido io che qualcuno stia meglio con i socialisti.

Lontana ha detto...

Anche io sono un po' perplessa di fronte al Rocca che ha chiamato i tocquevilliani dei giustizialisti ecc..
Mi piace il Rocca che ha seguito le elezioni americane, ma la sua visione del centro-destra é un po'..da radical-superiore.
In questo argomento così delicato é veramente difficile esprimersi, perché mentre noi in Italia abbiamo un certo tipo di mentalità, quello che vedo qui mi mette un sacco di dubbi.
É questione di controllo. Il voler controllare tutto. Esempio: uno scivola su una banana e subito vengono vietate le banane. I bambini irrequieti a scuola? Eccoti il ritalin che ti fa star buono.
Io temo che l'eutanasia finisca per rientrare in questa ottica.Un'ottica che appartiene più ai popoli nordici che al notro modo fatalista di ragionare...
Non so cosa sia meglio, comunque sono cose molto complesse, da non lasciare nelle mani bucate dei rosapugnanti o degli olandesi.
Ciao a tutti i sauri! :-)

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: se ogni volta dovessimo accludere il dizionario non ci basterebbe la Treccani per ogni post... si danno per acquisiti i termini del discorso ed i significati "correnti" delle parole. Passi con i marxisti che hanno un vocabolario personalizzato, ma almeno tra di noi...

Lo PseudoSauro ha detto...

Lontana: te lo dico io cos'e' questo. E' un tentativo di egemonizzazione della destra che si ritiene a torto senza cultura e senza valori. Naturalmente si tratta della solita visione marxista e della identica prassi dell'occupazione degli spazi - o casematte gramsciane. Ma che liberali sono questi qui? sono supponenti come, se non peggio dei loro concorrenti. Una volta finita l'analisi economica stanno piu' di la che di qua, ma anche la visione economicistica della societa' e' cosa comune sia ad un certo liberalesimo che al socialismo. Torno a dire: ma ce l'hanno presente Tocqueville? Il liberalesimo di quel tipo si e' concretizzato proprio grazie al cristianesimo riformato e l'individuo e' l'elaborazione laica del cristiano dotato di autocoscienza che per altro noi ex cattolici non sappiamo manco cosa sia... ma che vadano a cagare. Questi vogliono rieducare la gente proprio come i comunisti.

Sto giusto leggendo qualche libro di un dissidente sovietico, poi parleremo anche di questo.

Nessie ha detto...

* Ma non mi rivolgevo a te, ma a Perla a proposito di Luca Sofri che credeva volessi attribuire ai radicali pannelliani.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: l'ho capito, ma volevo sollecitare chi ritiene di essere un liberale a dichiarare meglio cio' che intende oltre al liberismo. Perche' su questo, si sa che siamo d'accordo, ma su tutto il resto non mi pare. La breccia di Porta Pia e' storia vecchia e di Voltaire ce n'e' un bisogno limitato. Non mi pare che molti cosiddetti liberali brucino dalla voglia di morire per concedere ai cattolici di spiegare quale societa' vogliono; mentre alle religioni di pace...

Anonimo ha detto...

Certo che da quando sono passati all'Unione i radicali prendono solo fischi da destra...chissà com'è...:-)...

Sull'eutanasia tutti nè parlano pochi ne sanno...per foruna aggiungerei. Sarebbe meglio parlare del tema dell'eugenetica cui ha fatto riferimento Giovannazzi con lo stile che lo contraddistingue.
Però io partirei da lontano..perchè il tema è delicato ed inizierei a chiedermi chi ha il diritto di non far nascere i malformati come accade nel nostro Paese senza che nessuno si scandalizzi.

Ciao Pseudo

:-)

Zag

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: non e' tanto per il cambiamento di campo - e poi il protagonista dice di essere schierato a destra - ma per il fatto che il liberalesimo propugnato dai radicali sta all'opposto di qualunque concezione statalista. E non sono mica bruscolini.

Alla base dell'eugenetica c'e' il desiderio di creare un uomo nuovo, sano e felice... deja vu? Nulla a che ridire se i novelli spartani volessero impostare in tal modo la propria societa', ma che non pretendano che cio' sia compatibile con la sacralita' della vita umana - che sta alla base della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo - o peggio di "educare" i popoli retrivi; anche qui: deja vu?

Anonimo ha detto...

..affatto ma il bisogno di affrontare il discorso in modo serio e senza ipocrisie..e non superficiale come è molto in voga.
Prima della scoperta delel moderne tecniche diagnostiche sul feto nascevano tutti i bambini...poi la società 'moderna' ha inziato a 'tagliare'.
Prima di ergersi a difensori della sacralità della vita di fronte alle sofferenze degli altri...(facile quando si stà bene giudicare)...ci si dovrebbe lameno chiedere se e fino a che punto noi favoriamo e tuteliamo la nascita della vita.
Poi si può arrivare al discorso dell'eutanasia.
Ma questi sono temi sui quali i comitati bioetici si interrogano da anni con molto maggiore impegno e complessità.
Noi invece sntiamo una notizia proveniente dall'Olanda e in pochi secondi brandiamo la spada e zac...speghiamo al mondo come si deve campare.

Zagazig

Nessie ha detto...

Zag , forse volevi dire Giovanardi e hai detto Giovanazzi. Magari pensando all'economista Francesco Giavazzi. Eh eh, si vede che sei tornato a leggere il Corserva da quando è dei vostri :-)

Anonimo ha detto...

Giovannazzi è più bello..:-)...

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Il punto e' che queste sono cose che attengono alla sfera del privato, mentre si vorrebbe farle diventare pubbliche. E la moralita' di un cattolico vale quanto quella di un ateo, sempre ammesso che viga ancora lo Stato di Diritto, del che nutro parecchi dubbi visto che si vuole una societa' multiculturale nella quale ognuno negozia le regole da rispettare.

Francamente trovo idiota che si chieda alla gente un parere sulla genetica molecolare, soprattutto quando nemmeno tra gli scienziati c'e' uniformita' di vedute. E tutto questo mentre per il trasferimento di sovranita' alla UE a nessuno e' stato chiesto niente.

Quello che e' certo e' che il trasferire allo Stato il diritto di vita o di morte non mi pare un'idea ne' nuova, ne' tantomeno "democratica".

Anonimo ha detto...

...vuoi dire che l'ipotesi olandese prevede un intervento sganciato dala patria potestà?

p.s. in effetti un comitato etico ospedaliero non chiede ala gente che pensa priam di decidre su di un caso Pseudo
Zag

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.