Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

13 febbraio 2006

Notizie sorprendenti

Sono varie, ma meritevoli di attenta riflessione.

1) La Francia ha ripristinato i controlli alle frontiere. Alla faccia di Schengen e senza richiedere alcuna speciale autorizzazione a Maman. Curiosamente non ne parla nessuno, ma basta farsi un giretto in TGV per verificare questo fatto strano e sentirsi richiedere i documenti alla frontiera. In Italia? Tutto OK, naturalmente.

2) Da recenti stime, parrebbe che i cittadini comunitari sarebbero piu' penalizzati degli extracomunitari nei paesi della stessa UE. O, nel migliore dei casi, essi dovrebbero percorrere lo stesso calvario dei loro colleghi provenienti da altri paesi del mondo.

3) Altro che Turchia... La UE avrebbe "in animo" di includere i paesi del Maghreb e lo stesso Egitto entro il prossimo cinquantennio. Notizia, questa, riservata confidatami da una persona piuttosto addentro alle cose della Confraternita. Insomma: qui lo dico e qui lo nego.

Quindi: la gestione Sarkozy si farebbe sentire. La corsia previlegiata di cui si avvarrebbe la Francia le permetterebbe di prendere provvedimenti sul proprio territorio senza la necessita' di rinegoziare gli accordi di Schengen. Lascio alla fantasia del lettore le riflessioni del caso. Mi limito a considerare che nella Confraternita ci sono Fratelli e fratellastri, o peggio: furbi e "non vedenti".

Se fosse vero che i cittadini comunitari sono considerati "stranieri" tout-court cio' puo' significare solo che si vuole un'immigrazione che copra l'offerta della manodopera a basso costo. Di fatto, cio' significherebbe una legittimazione del nuovo schiavismo e confermerebbe le tesi che spiegano il fenomeno attraverso le pressioni dell'industria che cercherebbe in questo modo di abbassare gli alti costi del lavoro. Anche qui mi limito a considerare che se questo diminuisce, anche gli stipendi diminuiscono: sia quelli degli stranieri che quelli degli autoctoni; cio' potrebbe dare ossigeno ad un'economia in crisi, ma necessariamente abbasserebbe il tenore di vita di tutte le rispettive popolazioni, com'e' gia' evidente per chi vuole vederlo.

Dopo aver letto molti testi che trattano della geostrategia UE di medio e lungo termine in chiave "complottistica", se venisse confermato che esiste una pianificazione di questo tipo tesa ad includere molti paesi arabi nella UE, cio' avvalorerebbe le peggiori previsioni delle peggiori Cassandre. Economicamente non saprei quanto cio' potrebbe essere produttivo, ma, culturalmente, lo storico H. Pirenne ci ricorda che i conflitti di civilta' del passato videro sempre i barbari cristianizzarsi come i cristiani islamizzarsi quando le rispettive civilta' venirono a contatto, ne' sembra che la forza espansiva di alcune civilta' si sia molto attenuata dal 600 dc. Pertanto, piu' che di europeizzazione del Medio Oriente sarebbe piu' corretto parlare di islamizzazione dell'Europa.

54 commenti:

antiEUropeo ha detto...

L'indeterminatezza del progetto di Unificazione, non essendo l'Europa nemmeno un'entità geografica, non pone praticamente nessun limite alla sua espansione.
L'ingresso della Turchia nella UE significa anche questo: preparare l'ingresso degli altri paesi islamici, facendone entrare prima uno un po' meno diverso.
E' lo scoglio più duro da passare, realizzato il quale, i popoli europei saranno definitivamente anestetizzati rispetto a qualsiasi altro "annessione".

Lo PseudoSauro ha detto...

Infatti AntiEUropeo. E poi indicono referendum sulla genetica molecolare - che, come si sa, e' materia universalmente nota - ma trascurano di chiedere in giro se la gente e' d'accordo o meno su simili quisquilie.

eudora ha detto...

Sono basita

Anonimo ha detto...

Hai rispolverato il mitico Hanrì Pirenne uno dei padri dell'idea di Europa unita...:-)...

Quello che fà la Francia non mi sorprende anche perchè Schengen permette sì il libero passaggio ma se arrivò in aereo in Francia comunque mostro un documento di riconoscimento.
Poi ci sono tutte queste precauzioni sul terrorismo. Quindi.

Pseudo sul resto...è una idea a lunghissima scadenza non mi sorprende neanche.
La chiave sono i commerci.
Se un giorno si avverasse una cosa del genere il nord africa certo non sarebbe quello di oggi.
Così come la Turchia di oggi non è quella di cinquanta anni fà.
Che poi ciò sia possibile ne potremmo discutere per cinquantanni..se Dio vuole..:-)

Fino a vent'anni fà c'era ancora la guerra fredda...ne cambiano di cose...avevamo abbattuto i muri a Berlino...ed ora sono Israele e USA ad alzari i muri...

Zagazig

Nessie ha detto...

La Francia non ha alcun bisogno di chiedere il permesso a Mamam l'Europe, parce que pour la France "L'Europe c'est moi!". Un po' come Re Sole per lo Stato. Così come al momento, non ha bisogno di giustificarsi per le trattative sottobanco con Hamas (che non fa sapere in giro, ma che il Mossad conosce) per essersi aggregata alla Russia nel voler accordare a questa feccia terrorista, una corsia diplomatica. Ma quello che mi stupisce è il silenzio compiacente dei mass-media italiani sul suo boicottaggio dei prodotti danesi. Pazienza che sia lei a fare la "prostituta d'Europa", ma che i mass-media le tengano il bordone mentre batte, è troppo.

Lo PseudoSauro ha detto...

Eudora: ho chiesto piu' di una volta perche' non ci credevo nemmeno io.

Nessie: sara' l'anima (ccia) di Mitterand che incute ancora il terreur... ma va detto "per completezza d'informazione" che le Coq controlla piu' che non escano le proprie pollastre dal serraglio. Chi vuoi che ci entri in Francia? Sono gia' al completo da quel di'... loro le esportano, ormai, le "risorse"...

Anonimo ha detto...

Per Zag
C'e' una differenza tra i muri che tu citi.
Il muro di berlino e la cortina di ferro erano state create per impedire che la gente uscisse.
Gli Usa e Israele per impedire che entrino.
A quello che mi risulta la sinistra non chiese mai di abbattere il muro di Berlino e non fu nemmeno tanto contenta del crollo.
Mi sa' che stai girando la frittata.

Paoletto

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: piu' che Pirenne pote' Le Goff... comprendo gl'ideali: qualunque ideale, ma non sono obbligato a condividerli. Soprattutto se non funzionano. Ogni ideale del genere, compreso quello in cui credi tu, schiva un problemino da niente: l'uomo e' legato ad un territorio ben preciso; ed e' questo che determina la sua "cultura". Capisco ogni desiderio d'elevazione, ma c'e' una parte animale in noi dalla quale non e' possibile prescindere. E' un discorsetto lungo, magari se ne parla in privato.

Quanto alla Francia, un amico giornalista, corrispondente da Parigi mi ha riferita questa "novita'"; non credo sia un visionario, e mi risulta che viaggi molto. Nel mio piccolo, non posso fare altro che confermare.

Quanto al paragone tra "muri", l'unica cosa che hanno in comune sono i mattoni, temo. :-)

Perla ha detto...

L'allargamento ai Paesi del mediterraneo e' una leggenda che circola da un pezzo, non quanto quella dell'ingresso di Israele, pero'...
Viaggiando avanti e indietro tra Italia e scandinavia, ti diro', carissimo Sauro, che Schengen l'ho visto solo dove esiste da sempre senza che si chiamasse Schengen cioe' alle "frontiere" tra i paesi nordici.

A presto :-)

Perla

Lo PseudoSauro ha detto...

Perla: pare che non sia esattamente una "leggenda". Chi me l'ha spacciata ha parlato di "obiettivo". Teoricamente mi starebbe bene anche la Papuasia, ma temo vi siano problemi che fra cent'anni saranno ancora tali e quali: sbagliero'... Qui, ad ogni anno che passa e' sempre peggio, figurati un po' come la prenderebbero i tranquilli norvegesi... vogliamo proprio incrementare ulteriormente i suicidi in Scandinavia?
:-)

Angelus ha detto...

scusa, vado OT, perché avresti cancellato mio commento di qualche post sotto? fa male la verità? giusto per curiosità...

Lo PseudoSauro ha detto...

Angelus: io non ho cancellato alcun commento. Gli unici commenti che cancello sono i miei quando contengono errori. Uso sempre rispondere a tutti. Ripostalo.

Anonimo ha detto...

Uscire ed entrare di Paoletto è bellissima...:-)...ma come c'èra differenza tra uscire dalla Germania dell'Est ed entrare nella Germania Ovest?
Ma chi gira la frittata?
:-)

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: ti posso assicurare che il muro di Berlino era fatto per tenerci dentro la gente. Che poi l'ultimo decennio fosse un po' piu' facile passare, e' un conto, ma il fatto rimane. Si chiamano "prigioni" a casa mia :-) Invece un muro che serve a tenere fuori gli esplosivi si chiama "di protezione" come quello dei valichi d'Israele - che come avrai visto e' piu' una recinzione che un muro vero e proprio-. Ti comunico che gli USA stanno cominciando a costruire un'autentica muraglia cinese (giuro) al confine con il Messico, al fine di porre un freno all'immigrazione clandestina. Al solito, si tratta di muri per non fare entrare la gente, e non per impedirne l'uscita. Se tutta questa gente ci vuole andare ci sara' certo qualcosa di bello da vedere...

Anonimo ha detto...

L'hamburger con cipolle...:-)..

Zag

Nessie ha detto...

Finiremo per adattarci anche noi all'uso di barriere e dighe sul Mediterraneo per non farne sbarcare più: a Lampedusa, a Pantelleria, nel Salento. E Finiremo anche per fare quel che fa già Zapatero: sparare! E' solo che queste risposte estreme può darle solo la sinistra. Se le fa la destra passa per fascista. Cinicamente si potrebbe ragionare: purché si facciano. Ma non è così semplice.

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: ci sono anche gli hot dog...

Nessie: continua pure a sperare se vuoi. Si tratta di un esodo spaventoso e l'Italia e' il posto piu' vicino e piu' comodo per andare altrove. Chi si ferma qui lo fa per mancanza d'alternative, non per libera scelta. E poi, per ora, chi viene qui ha perlomeno 5.000 dollari, quindi si tratta di quelli che stanno meglio; quando la traversata diverra piu' economica arriveranno tutti gli altri; non abbiamo ne' i mezzi ne' la volonta' politica per fermarli. Prima si vedra' il disastro e poi si cerchera' di porvi rimedio, ma visto che sia a destra che a sinistra ci si comporta come niente fosse sara' il resto d'Europa a prendere i provvedimenti del caso e noi ci terremo il "ponte".

Anonimo ha detto...

Per Zag.
A te risulta che il PCI si fosse mobilitato per chiedere l'abbatimento del muro di Berlino?
Ti risulta abbia detto qualcosa per i motti di Budapest e di Praga?
E per quelli tedeschi del '50?
La gente voleva uscire ma c'era sempre quel muro li', che Berlinguer e compagni non osavano ne criticare ne toccare.
Quindi quel "avevamo abbattuto" non appatiene certo alla sinistra.
La frittata e' servita :-)

Paoletto

Anonimo ha detto...

Ben cotta Paoletto...ma non immaginavo che i vecchi vizi prendessero piede anche dall'altra parte del muro...:-)...

Pseudo in Israele i muri interrompono la vita dei palestinesi perchè non sono come quelli americani lungo il proprio confine...sono oltre.
Lo sai che significa tentare di muoversi per territori.
Se escludi la recente apertura del Gaza circus.

Quanto agli USA...di recente si sono arrabbiati col governo mexicano perchè quest'ultimo si era permesso di pubblicare in patria un opuscolo che almeno evitasse, tramite debite indicazioni, di perdersi nel deserto tra i due Paesi.
Deserto dove ogni anno muoiono mexicani che si perdono alla ricerca di una speranza.
Avevo letto tante critiche a destra per le reti di Zapatero che devono assorbire "l'attacco" anche di centinaia di persone tutte assieme.
Quindi pensavo che certi valori dalla vostra parte avessero un senso indipendentemente dal periodo storico e dal colore dei governi.

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: diciamo che la vita per i palestinesi e' piu' complicata perche' molti devono andare a lavorare in Israele e devono passare controlli minuziosi. In Israele vivono 1.500.000 arabi-palestinesi che non si sognerebbero minimamente di fare intifade militari o culturali; secondo te perche'? Sarebbero dei collaborazionisti? Il fatto e' che se fosse possibile un referendum nei territori la gente se ne andrebbe in maggioranza tra gl'infedeli, e di corsa; ma lo scudo di cui si servono i "resistenti" - vedi Sabra e Chatila - rischierebbe di scomparire e con esso la loro invulnerabilita'. E' da mo che i palestinesi potrebbero avere uno stato proprio, ma loro vogliono tutto. Ed e' per cio' che probabilmente non avranno niente. Grazie ad Al Fatah, Hamas, Hitzballah e tutto il resto delle pacifiche e laiche milizie. Dacche' esiste il muro sono quasi scomparsi gli attentatori suicidi. Gli ebrei sono piu' tranquilli, ma anche tra i palestinesi c'e' chi tira il fiato. A meno che non pensi che i "martiri" siano davvero "unti da Allah"...

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: della questione "opuscoli" non so niente. Chiedero' in Texas. Pero' il governo mexicano potrebbe fare di meglio per trattenere i propri concittadini piuttosto che l'Alpitour...

Anonimo ha detto...

Buon appetito Zag.
La storia a volte e' difficile da digerire, magari con una coca-cola si digerisce meglio :-).

Paoletto

Rubytuesday ha detto...

Mi conforta che uno storico mi abbia compresa (seppur nella mia confusa esposizione), o meglio, abbia letto in quello che avevo scritto (l'ho cancellato) una qualche verità: è un post che ho cambiato diciotto volte almeno aggiungendo sempre più roba, perché tutte le volte che lo rileggevo c'erano cose e cose che si sovrapponevano e intersecavano, praticamente ogni cosa che mirabilmente e molto più lucidamente hai scritto tu in questi post.
Il processo di decristianizzazione sul quale mi arrovellavo e che può essere facilitato dalla violenta pressione islamica favorirebbe da una parte il mercato, la cultura della merce che si avantaggerà dei suoi schiavi a basso costo e, dall'altra, il sorgere di quell'"uomo nuovo" tutto preso da tecnologie e dal mostrare le pudenda in ogni dove (non so se mi spiego).
A quei rompipalle dei cristiani non interessano né l'uomo-merce, né il nichilismo, né la sessualità così riduttiva dell'uomo.
L'idea di chi (e sappiamo chi) in sintesi gradisce solo satollarsi la pancia e saziare la verga non contempla certo una qualche riflessione morale, quindi una morale confessionale ancora meno: vada per l'ultima, pazienza, ma voler in ogni modo sradicare, destrutturare la prima mi pare ancora più apocalittico.
Bacibaci.

Ruby

Nessie ha detto...

Notizie soprendenti 2 - La vendetta. Ma avete sentito che è già arrivata la fatwa e la sharia per Feltri e Farina su Libero a proposito delle vignette? Con la compiacenza della solita magistratura di parte. Se chiudono LIbero, il Foglio e la trasmissione di Ferrara Otto e mezzo, prepariamoci pure in fretta le valige.

Anonimo ha detto...

Feltri è reo.
Altro che magistratura di parte.

Zagazig

Nessie ha detto...

Reo di che? Di aver pubblicato le vignette? Ma per favore! Allora sono rei buona parte dei giornali italiani. Noi non siamo iconoclasti come gli islamici. A voi vi va bene solo il pecoreccio Vauro con le sue vignette antipapa e anti Bush.

Lo PseudoSauro ha detto...

A proposito di vignette blasfeme, che ne dite di queste?

http://www.shockvillage.com/cgi-bin/tgfhydrdeswqenhgty/index.cgi?action=viewnews&id=209

Siamo tutti "rei" dunque. Zag: avverti il Manifesto che si chiude...

lisistrata ha detto...

ciao a tutti, tranne a Zag Zig che non perde il vizio di fare apposta a provocare, conosce benissimo la storia del muro, lui è uno di quelli che ha contribuito a costruirlo e come il prof. Gallino invece ha fatto, ha scritto falsità sul suo libro: dicendo che era stato eretto dagli Americani per tenersi la sponda occidentale dell'Europa e che i Russi con Gorbachiov l'hanno abbattuto.
Capito la lezione? Per quanto riguarda i muri ce ne sono ben altri, come quello che divide una parte di popolazione in marocco dai reietti lasciati a morire nel deserto, ma visto che è fatto dall'isla, guai a parlarne, per israele stessa cosa, se lo avessero fatto i palestinesi allora era un muro santo, ma il contrario no è per forza deprecabile.
Vorrei vedere lui e quelli come lui camminare per strada e beccarsi sempre i sassolini dei fanciulli, che alle spalle hanno i cecchini che sparano ma i fotoreporter di parte alla Zag a Zig si guardano bene dal far vedere.
Andare a tirare sassi in Palestina è un lavoro, si può dire che vengono cresciuti insegnandogli a fare il gluchista, solo che anziché tirarli in una pozza d'acqua li tirano alle persone e provate voi a prendervi una sassaiola con quel po' po' di sassi se non finite lapidati, poi voglio vedere come reagite.

Per le vignette stessa cosa, che dire della rappresentazione che fa il marocchino in Belgio su "nostra signora delle fiandre" in cui c'è rappresentata la madonna a cintola nuda, seno in vista, con in braccio Gesù bambino e nell'altra mano una ciotola di sangue. Infatti noi siamo andati tutti a bruciare le ambasciate marocchine, quelle algerine e le islamiche in genere, oltre che fare boicottaggio e bruciare le bandiere dell'islam vero?

La realtà è che chi odia le proprie radici trova dei punti di concordanza in quest'odio e sia che appartenga a un estremismo di destra che di sinistra, si affratella con l'islam, che domani lo macellerà per primo, proprio come è sempre avvenuto con ogni regime totalitario del genere teocratico.
Vedi Iran e vedi persino URSS oltre che la grande Germania di Hitler.

Ciaoooo

Anonimo ha detto...

Ehi io avevo preso la fatwa per la sentenza per diffamazione a mezzo stampa...:-)...figuriamoci.
Non mi assalite subito...riconoscevo la tutela del defunto Chiaromonte. Era scritto magistrati di parte o sbaglio?

Zagazig

Anonimo ha detto...

Lisistrata non è che qui o altrove leggo qualcosa sulle recenti scoperte dei gloriosi soldati inglesi..che ti rappresentano.
Circa un mese dopo la mia nascita l'uomo è andato sulla luna...quindi non sono della generazione 'muraria'...pigro come sono figuriamoci si mi metto a costruire muri...:-)...
Io non odio le mie radici...non penso che amarle significa odiarne altre. La mia curiosità verso il mondo non sarà mai abbattuta dai terroristi. Stanne certa: ho altri orizzonti.
Quella del Marocco è una realtà di cui si è discusso. Io mi ricordo dei post su Harry e uno sul mio blog. Qust'ultimo senza nessun commento. Come quando scrivo di americani.
Chissà perchè. Sarà un metus.
Sai che la situazione in Spagna è ben diversa da quella israeliana ed americana, o da quella di Berlino.
A voler essere pignoli direi che c'è una rete..non è un muro.
Che non entra in territorio marocchino come in Palestina.
Che gli attacchi dei disperati sono enormi anche centinaia di persone assieme.
E che il Marocco non è in grado di arginare alcinchè dal suo lato.
Volevi dire che ci sono scappati due morti l'anno scorso?
Questo era lo scoop?

Lisi mi piace sempre ricordarti con "attenzione il coniglio è cotto".
:-)

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Non mi fate scappare Zagazig che e' l'unico comunista con cui mi riesce d'instaurare un dialogo decente, se no m'arrabbio.

Zag: io sono un po' discontinuo ed e' per questo che non ho visto i post sul tuo blog. Se me li segnalerai partecipero' volentieri. Per quanto riguarda la questione israelo-palestinese io sono di quelli che non la vede come una semplice rivendicazione territoriale, ma come la continuazione della supremazia islamica che risale al 622 dc. E questo indipendentemente dal fatto che alcune organizzazioni palestinesi si proponessero come "laiche". Nella cultura islamica la differenza tra sacro e profano non esiste, dunque si tratta di un'operazione pubblicitaria per coinvolgere l'opinione pubblica occidentale e tirarla dalla propria parte; cosa che e' puntualmente avvenuta attraverso lo sponsor sovietico. Il parlare di "popolo", quando questo e' in balia di organizzazioni paramilitari, e' oltremodo sbagliato. La condizione disperata della popolazione e' dovuta interamente ad una leadership che ha pensato solo ad arricchirsi e ad incanalare l'odio culturale per ebrei e cristiani in una guerra autodistruttiva. Se e' vero, com'e' vero, che la civilta' ebraica data a piu' di 5000 anni, non v'e' alcun motivo per cui gli ebrei non possano ora risiedere in casa loro e, soprattutto, e' assurdo che popolazioni che sono state importate dai vari califfati islamici in epoche relativamente recenti vantino diritti di primogenitura. La civilta' islamica e' arrivata dopo il 600 dc dalla'Arabia Centrale, pertanto si tratta di egemonia etnico-culturale bella e buona. Ogni paragone con il nazismo e', naturalmente, legittimo e i metodi sono sempre gli stessi di 1500 anni fa. Chi lo vuole vedere lo veda, chi non vuole... pazienza.

Anonimo ha detto...

Zag ma le frittate ti piacciono veramente, continui a girarne in continuazione.:-)

Paoletto

Anonimo ha detto...

Ad andare così indietro nel tempo...rivendico le origini etrusche che furono violate dai pagani greci prima e poi da quelli romani, fino ad arrivare alle dominazioni arabe, longobarde, normanne, tedesche, francesi, sveve, spagnole e piemontesi.
Ne avrò mancata di certo qualcuna...:-D...
Zagazig

Nessie ha detto...

Ragazzi, ho le prove: la mafia rossa è penetrata anche in Tocqueville. Sauro, poi ti dirò una cosuccia anche in privato. Se loro vinceranno le elezioni, mi sa che queste chiacchiere ce le scordiamo. Ciao.

Anonimo ha detto...

...sembra un romanzo avvincente...

Zag

Nessie ha detto...

E lo è...giallo! Anzi no, rosso-verde: mezzo islamico e mezzo comunista.

Perla ha detto...

Leggo, leggo...

Ciao Sauro :-))

Perla

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: le cose non stanno esattamente cosi'. Gli ebrei hanno accquistato la terra dai Turchi, pagandola a peso d'oro. E questa comprende pure l'attuale Giordania, oltre ad altri pezzi di qui e di la. Un regolare contratto di compravendita. Se i "palestinesi" dovessero prendersela con qualcuno dovrebbero farlo con il Turco. Ergo non rimane che la mia prima ipotesi: l'intifada e' l'attualizzazione del vecchio espansionismo islamico mascherato da rivendicazione territoriale.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: che mi dici muai...

Perla: come va la vita?

Anonimo ha detto...

La storia questa ineusaribile fonte....
http://en.wikipedia.org/wiki/King_David_Hotel_bombing

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: ci mancava proprio il King David... e allora tiriamo fuori anche il nostro Argo 16, con tutta probabilita' tirato giu' dagli israeliani per ritorsione dopo l'Achille Lauro... Siccome il pensiero relativo mi riesce difficile, ti diro' che non mi piace chi tira razzi sugli asili o spara in fronte ai propri bambini per far ricadere la colpa sugli avversari; e tralasciamo le stragi della propria popolazione in ossequio al "tanto peggio tanto meglio". Ce ne sarebbe per un anno almeno di queste cose. Se si vuole "piacere" agli occidentali si deve usare "almeno" un altro stile.

domenicotis ha detto...

ZagaZig:
L'attentato sanguinario all'Hotel King David compiuto dalla frangia estremista dell'Irgun non viene mai indicato come giusto nemmeno dagli stessi israeliani.
In tutti i film che ne parlano (anche Exodus che notoriamente era pro-Israele) viene considerato come una pagina nera nella storia di quel paese.
A differenza degli attentati suicida islamici, che vengono esaltati e anche insegnati a scuola. Gli assassini ci sono dappertutto, invece la civiltà che ha come ideologia l'assassinio senza ma e senza se dell'avversario la ritroviamo solo fra gli islamici, e le dittature (comuniste o fasciste che siano).
E no, il tuo paragone non regge.

Lo PseudoSauro ha detto...

Domenicotis ha detto meglio di me cio' che intendevo. Se si considerano legittimi gli assassinii di civili ci si pone al di fuori dal contesto del Diritto Internazionale; coerenza vorrebbe che poi non lo si utilizzasse per altre rivendicazioni.

Cio' chiarisce meglio di tanti discorsi quanto organizzazioni come l'ONU siano inutili, quando non dannose. Il solo fatto che non tutti gli Stati riconoscano per valida la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo significa che la sacralita' della vita e' intesa diversamente nei rispettivi ambiti culturali, pertanto viene meno l'unico criterio che dovrebbe informare tutte le Nazioni aderenti e le risoluzioni che dovrebbero esprimere l' "alto valore morale" dell'organizzazione in oggetto.

Naturalmente l'indeterminatezza della questione dipende spesso dal fatto che si vorrebbe considerare legittimo uno stato di guerra e contemporaneamente utilizzare gli strumenti giuridici validi solo in tempo di pace. Pare evidente che si tratta di una strumentalizzazione che solo un cieco potrebbe ignorare.

Anonimo ha detto...

Io ho postato quel link appena l'ho visto. Era un fatto storico di cui non ero a conoscenza. Ho una preparazione a macchia di leopardo tipica degli scapocchioni.

E l'ho buttato lì. Anche per vedere che ne sapevate voi.
E rimango sorpreso dai distinguo. Io riesco a giustificare i kamikaze palestinesi.
Sarebbe impossibile. Pur se comprendessi i meccansimi complessi del loro animo umano alla perfezione. La comprensione non si tramuterebbe mai in accettazione.
Invece vedo che questa bomba sionista (si dice così?) di primo acchitto suscita dei distnguo...mentre sento sempre dire giustamente, e concordo, che certi metodi non possono essere per nessun motivo giustificati.
Ero sicuro che gl'israeliani avessero preso le distanze da quella bomba ma la pagliuzza non mi distoglie dalla trave.

Zagazig

Anonimo ha detto...

Io riesco è: IO NON RIESCO

Zagazig

p.s. e non fatemi battutine sui lapsus

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: se non credessi alla tua buonafede non starei certo a discutere con te, ti pare?

La Questione del King David l'ha chiarita bene Domenicotis. Si tratto' di un'atto terroristico commesso dall'Irgun israeliana. Pero' in Israele non ne vanno orgogliosi e considerano l'ebreo terrorista al pari dell'arabo terrorista. Ti risulta che sia lo stesso nei Territori? Senza contare che alle stragi delle TT e di Madrid c'era gente che festeggiava... se un domani accadesse qui, pensi che si addolorerebbero? Ti illudi. E in questa malaugurata ipotesi troveresti loro delle giustificazioni, o penseresti che non si tratta della stessa cosa? Purtroppo su questa mentalita' ci marciano e noi dobbiamo cercare di convincervi che si tratta di interesse comune e che noi stessi siamo esposti a rischi indipendentemente dalla nostra volonta'. Troveranno comunque un pretesto per aggredirci, perche' sono stati allevati a odiare, al contrario di noi. E tu conosci certo il potere dell'educazione.

Anonimo ha detto...

...i distinguo mi porterebbero a giustificare...perciò non voglio farli sull'argomento terrore.
Diverso sarebbe parlare di prospettive del Medio Oriente.
Io continuo a pensare che la chiave è nel commercio.
E nel benessere.
Di fatto alcune delle pochissime cose che uniscono occidente e medioriente oggi sono, oltre le manifestazioni sportive(olimpiadi, mondiali di calcio, etc.), i prodotti commerciali e di comunicazione.
Dentifricio, coca cola, yogurt, e trasmissioni come chi vuol essere milionario, che società come endemol vendono in tutto il mondo.
Creando un codice comune.
Che ciò sia giusto o sbagliato non so.
Ma di fatto il commercio più che le guerre sono la prospettiva.
E detto da un bertinottiano mi sembra sia abbastanza.
:-)

Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: guarda che in fin dei conti si tratta di comunismo. Di "equa distribuzione", quindi non temere di sembrare un capitalista. Al contrario, l'analisi economica e' basilare sia per i capitalisti che i comunisti, che non riescono a vedere altro che questa. Ma quelli che zompano sulle bandiere in fiamme con gli occhi fuori dalle orbite non lo fanno perche' "sfruttati", ma perche' educati ad odiare; gli architetti egiziani con passaporto tedesco, figli di famigle benestanti, non si vanno a schiantare sui grattacieli per rivendicare l'equita' economica, ma perche' fanatici religiosi. Ignoranti o istruiti agiscono allo stesso identico modo. Il libero scambio puo' favorire una transizione, che sara' comunque molto graduale, in quanto "libero", non in quanto "commercio". Pero' ogni scambio deve essere "economico"... che ci guadagnamo noi attualmente? Perche' non possiamo scegliere di importare civilta', quantomeno, meno problematiche per far fronte a problemi che, per altro, potremmo risolvere in ambito UE senza fare ricorso a stati esterni? Come vedi il discorso si allarga e se si considera lo scambio si deve parlare anche di reciprocita'...

Anonimo ha detto...

Ti dovrei fare un appunto..perhè i Mohammed Atta dell'11 settembre erano quasi tutti laureati.
Penso che nelal storia anche recente vengano prima gli scambi commerciali e poi le reciprocotà civili.
Zagazig

Lo PseudoSauro ha detto...

Zag: e che ho detto io? Che non e'questione di censo ne' di istruzione, ma di identita'.

Anonimo ha detto...

Thank you!
[url=http://hwztkukp.com/ehcx/tule.html]My homepage[/url] | [url=http://ioebubaj.com/isgu/qpaf.html]Cool site[/url]

Anonimo ha detto...

Nice site!
My homepage | Please visit

Anonimo ha detto...

Great work!
http://hwztkukp.com/ehcx/tule.html | http://blijkkzf.com/hkur/hrzz.html

Anonimo ha detto...

Hellu I feelt like creating this forum so Hello all

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.