Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

17 febbraio 2006

Guerra & barbarie

Guantanamo e' una prigione anomala sita al di fuori dei confini USA, il cui scopo e' aggirare il Diritto Internazionale e rendere impossibile ogni azione fisica o ricatto tesi ad ottenere la liberazione dei prigionieri.

La condizione di guerra asimmetrica dichiarata dall'islamismo mondiale rende necessario questo escamotage per fronteggiare una strategia che sfugge alla regolamentazione delle principali Convenzioni in materia di conflitti
armati. Cio' avviene poiche' la guerriglia ideologica e' per sua stessa natura transnazionale e non e' dunque riconducibile al principio di Responsabilita' insito nel concetto di Sovranita' Nazionale.

Dunque i prigionieri catturati in armi e senza divisa dovrebbero, sempre secondo le Convenzioni dell'Aia e di Ginevra, essere considerati spie o traditori e quindi fucilati sul posto. Ma l'inesistenza di una formale dichiarazione di guerra rende la materia piu' complessa, sebbene piu' d'una Risoluzione delle Nazioni Unite abbia conferito legittimita' all'intervento armato della Coalizione e dunque, implicitamente, riconosciuto la validita' dei regolamenti internazionali in materia di guerra che, com'e' noto, non vengono firmati da divinita' o entita' soprannaturali, ma dai legittimi rappresentanti degli Stati Nazionali.

La guerriglia stessa e' nata per aggirare queste limitazioni burocratiche ed usare il Diritto come arma contro il proprio nemico. Infatti fino a che vigeva in occidente il culto della legalita' questa modalita' di azione veniva sanzionata dal "comune sentire" popolare, considerata vigliacca e riprovevole a causa dell'impossibilita' di distinguere tra militari e civili. A tutti gli effetti la guerriglia ha fatto scadere il conflitto armato in una barbarie preistorica aggravata dall'inusitata potenza delle attuali armi in campo. Questa e' l'opinione condivisa da pressoche' tutti gli strateghi militari.

Di qui l'escalation della violenza per adattarsi ad una prassi tanto barbara quanto militarmente efficace. E cio' senza tenere conto che lo stesso militare individualmente sottoposto a pressioni psicologiche inattese tende
naturalmente ad emulare il comportamento del nemico per ritorsione o per necessita'.

Ebbene: tutti i prigionieri di Guantanamo sono guerriglieri secondo la descrizione sopra ed il fatto stesso che siano ristretti, ma in vita testimonia della clemenza del loro nemico che altrimenti avrebbe potuto
passarli per le armi sul posto senza contravvenire alle pur rigide regole che prevalentemente _tutti_ gli stati occidentali si ostinano ad osservare in ragione della propria comune matrice culturale. Vediamo un po' chi
indovina qual'e'...

11 commenti:

Nessie ha detto...

Sono la prima? Beh... suppongo che la mia opinione un po' tu la conosca. Questi "good fellows" a casa loro marcirebbero in prigioni 10 volte peggiori. Oppure sarebbero scarcerati per essere inviati dai loro imam a farsi esplodere davanti a qualche ufficio collocamento per far saltare per aria la popolazione civile in fila per un posto di lavoro. Statevene bbbuono! A Guantanamo, vah! Guantanemera la-la-la guantanamera!

Lo PseudoSauro ha detto...

Pensa un po' che "risparmio" se fossero state rispettate le regole... ma non va bene nemmeno cosi': i "resistenti" sono ingiustamente detenuti. C'e' in gioco una potenza economicamente e politicamente enorme per far vincere la guerra a questi selvaggi, ma ancora parlano di "battaglie di diritti" mentre c'e' ancora chi sega le teste a mano e senza anestesia. Guillotin questo sconosciuto.

Lontana ha detto...

Non ti dico cosa si dice in questi giorni del nuovo scandalo di Guantanamo!! Ci stanno facendo una capa tanta!
Sono d'accordo con te e, anzi, hai ricordato cose a cui non avevo pensato..
Ma per fortuna gli americani non si lasciano impressionare più di tanto.
Guantanameraaaaaaaaaa! Juanita Guantanameraaaaaaaa!!!

Nessie ha detto...

A proposito di "superiorità maschile", Sauro, hai letto la qualità elevata dei post che mi hanno testé spedito le donzelle sul mio blog? Una migliore dell'altra e mi nasce un sospetto: se i c******i oggi (in epoca di espianti e trapianti) si siano spostati da un sesso all'altro. Con l'eccezione tua, che non a caso ti chiami Sauro. Devo dire però che nella lotta contro il fondamentalismo islamico le donne sono più brave e coraggiose di buona parte degli uomini. Forse perché scatta l'istinto di sopravvivenza della specie come per le leonesse, le quali per difendere la prole non perdonano e aggrediscono.

Lo PseudoSauro ha detto...

Signore saure, buongiorno. Tanto gli USA non cederanno su questo punto; e se lo faranno sara' a ragion veduta e non per vigliaccheria come in Europa.

Quanto alla femminilizzazione del maschio e l'androgizzazione della femmina c'e' chi ne ha scritto in modo fluviale. E' l' "uomo nuovo"; tanto nuovo che bisogna spiegargli come riprodursi e come distinguere il sesso opposto; cosa che richiede una certa pazienza ed espone al rischio di denunce penali... fin dalla fine dell'ultima glaciazione l'uomo ha avuto un ruolo e la donna un altro in quanto avevano un fine: la sopravvivenza della specie. Ormai l'individuo si sente del tutto autonomo e onnipotente; crede di poter cambiare alcune regole e che questo sia piu' "moderno" e "democratico". Ma alla natura questi due concetti sono del tutto sconosciuti, dunque ragiona esattamente come prima. L'invidia del pene, o quella della vagina sono "malattie", non "risorse".

Nessie ha detto...

Te lo spiego in privato eh? Vedo che non hai capito o non vuoi capire. IO non parlo di questioni biologiche, ma di cervelli e sensibilità sul tema "fondamentalismo islamico". Il perché di questo allarmismo più forte e più sentito nel mondo femminile è presto detto: c'è la salvaguardia dei cuccioli (per chi conosce un po' di rozza etologia lorenziana). Ovvero dei figli e del loro futuro. Guarda che di fuoco amico si può morire impallinati anche andando a caccia di quaglie.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: non e' una critica e' una constatazione. I cervelli maschili e femminili lavorano diversamente in quanto maschio e femmina sono biologicamente diversi: 47 contro 48 cromosomi. E' un dato di fatto, non un'opinione. La specializzazione dei ruoli maschili e femminili si e' protratta per centinaia di migliaia di anni, non bastano 20 anni per cambiare la natura; ce ne vogliono milioni: te' capi'? I maschietti e le femminucce incerti del proprio ruolo sono tali per un'educazione mirata ed esercitata prevalentemente da femmine nella piu' totale assenza dei maschi. E per ogni essere umano e' indispensabile il modello femminile come quello maschile; quando uno dei due manca scattano quasi sempre i problemi identitari. Per l'uomo come per la donna. La donna mascolina e' tale e quale l'uomo femminilizzato, non e' meglio. E poi la millenaria specializzazione dei ruoli fa si' che ogni sesso sappia affrontare i problemi di sua competenza senza la necessita' di esservi educato. Insomma: e' lodevole che le femmine cerchino di colmare le carenze dei maschi, ma se questi sono imbelli e' anche per colpa loro; l'uomo e' maschio e femmina, non c'e una separazione dell'umanita' come la nostra cultura c'insegna traslando la lotta di classe tra i sessi.

Nessie ha detto...

Vabbé quella dei cromosomi 47 contro 48 te la potevi risparmiare. Per me dipende da chi si incontra. Ci sono uomini da sottozero e donne pure. Mongoli maschi e sottosviluppate femmine. Uomini intelligenti e uomini pirla (parola sotto processo). Donne intelligenti e donne deficienti. Minus habens per ambosessi, gay e transgender. Ma vedo che sei troppo innamorato delle tue teorie.

Lo PseudoSauro ha detto...

Nessie: hai voglia di polemizzare oggi. Tu fai confusione tra individuo e uomo; le possibilita' dell'individuo sono virtualmente illimitate, ma quelle dell'uomo soggiacciono a regole ben precise. Quando l'educazione dell'individuo entra in conflitto con la natura dell'uomo accadono i disastri di cui sopra. Che uno sia bello o brutto, intelligente o stupido non cambia la regola, mentre quando si scambiano i ruoli si ottengono quasi sempre individui inadeguati e insoddisfatti; le eccezioni rimangono tali e dunque confermano la regola. E poi per noi sauri non e' un problema...

Anonimo ha detto...

Sauro Guantanamo è una vergogna..è inutile e perverso tenere le persone in gabbie come animali..piegate sulle ginocchia, legate e bendate..senza parlare del resto degli aspetti giuridici.
E' un posto indifendibile...

Zagazig

Anonimo ha detto...

Ci mancava la magnanimità degli Usa perchè non hanno fucilato anche i bambini di 12 anni "pericolosi terroristi e spie-guerriglieri" che stanno tenendo imprigionati senza un processo da 4 anni.
Sono colpevoli di qualcosa?
Loro e gli altri 600 PERCHE' NON LI PROCESSANO?
E quelli che hanno liberato dopo 2 anni (senza processo) perchè si erano sbagliati a prenderli, significa che hanno volontariamente liberato dei pericolosi terroristi, o che magari non è vero che tutti quelli imprigionati lo sono?

Sauro, portati delle ventose la prossima volta, che l'arrampicata sugli specchi ti riesce meglio.

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.