Lo PseudoSauro

"Col negare il mondo economico come quello che determina la vita, cioè come un destino, se ne vuol contestare il rango, non l’esistenza" J. Evola

Lo strillo del sauro

Se ti interessano le ultime notizie sul NWO (che non esiste) fai click sul countdown appena sopra.

I commenti saranno disattivati a causa dell'impossibilita' di curarne la gestione.
Il sauro apologizza (ormai si dice cosi') per l'inconveniente.
Chi volesse contattarlo usi il mail link sulla destra (ovviamente) e si armi di certosina pazienza. :-)

22 luglio 2005

Musulmani moderati

& Occidentali "xenofobi"

Perche' mai dovrebbero essere "moderati"? Significa che nel termine "Musulmano" e' implicita una qualche forma d'intolleranza, d'incompatibilita' con la nostra cultura (estinta come chi scrive). Dunque che sarebbe il M "moderato"? Sarebbe un tizio un po' piu' tranquillo del M Doc: il prodotto dell'incrocio tra la cultura laica occidentale (di provenienza CRISTIANA) e quella religiosa islamica. Come e' possibile cio? E' possibile attraverso l'educazione infantile. Vedi il caso dell'ottimo Magdi Allam che e' giustamente orgoglioso di essere Musulmano, ma e' molto istruito, cosmopolita ed e' tollerante perche' intelligente di suo; e perche' HA STUDIATO IN SCUOLE CRISTIANE. Capito? Non nelle madrasse come la maggioranza della gente che i "difensori dei deboli" fanno venire qui in barba alla nostra volonta'. Quelli sono i Musulmani VERI, non gl'integralisti. E questi sono quelli veri un po' piu' arrabbiati per la contaminazione culturale. Non e' nemmeno un problema di sette come si vorrebbe che fosse: i Wahabiti non sono poi cosi' distanti dall'Islam tout-court in quanto provengono direttamente dall'Arabia Centrale nella quale e' nato e si e' sviluppato l'Islam e sono i custodi dei Luoghi Sacri ad esso deputati. Ovviamente e' pacifico che i "moderati" sono quattro gatti rispetto al miliardo e mezzo di M Doc. E' oltremodo evidente che la maggior parte di questi, che i "progressisti" insistono a farci sorbire, accusandoci di razzismo e xenofobia se non li vogliamo, sono quelli VERI e tra questi e gl'integralisti non v'e' una gran differenza, in quanto basta dar loro qualche motivo in piu' per essere arrabbiati con il bieco occidente che fanno cio' che possiamo osservare ogni giorno. E questo non e' un fenomeno che si puo' controllare o limitare con ferrei criteri basati sull'integrazione, ma come dimostrano i fatti, persiste ancora dopo 4 generazioni. QUATTRO: e' chiaro, o no? Fate un po' il conto di quanto cio' rappresenti in termini temporali e vedrete che questi sono gli stessi che il buon Sultano Kara Mustafa si portava dietro per conquistare l'Europa. Gli stessi che usavano impalare gl'infedeli e che li deportavano a milioni come il buon Adolfo con la differenza che questi li vendevano come schiavi: e quelli che sparivano nel gorgo dell'Islam e di cui ora non v'e' piu' traccia (trovatemene almeno 2 o 3 se ci riuscite), sono gli OCCIDENTALI COME NOI: non dei marziani. Mica li "integravano" nella loro cultura. E buon per noi che c'erano le leghe cristiane e le raccogliticce milizie crociate che si riunivano per l'occasione e li rispedivano ad Istanbul con la coda tra le gambe, se no, ora, pregheremmo anche noi 5 volte al giorno in direzione della Mecca e ed invece di scrivere al computer comunicheremmo ancora con i piccioni viaggiatori. Ora le prospettive sono cambiate; dato che con il "progresso", basta premere un pulsante e non c'e' bisogno di scimitarre, grande coraggio, men che meno grande intelligenza militare e merce' la tolleranza ed il dialogo interculturale non c'e bisogno nemmeno di imbarcarsi sulla goletta saracena dalla vela nera dato che e' possibile vivere in dar el harb senza che il "nemico" si allarmi troppo. Ergo qual'e' il problema secondo voi? Non viene a nessuno il sospetto che sia l'Islam e non l'individuo che viene dalla filosofia platonica e dall'elaborazione della Razionalita' illuminista, dato che queste sono entita' sconosciute al buon Musulmano? Ovviamente c'e' gia' chi ha scritto cose come queste e pertanto mi aspetto, nel mio piccolo, lo stesso trattamento da parte dei coglioni che credono di "controllare" il fenomeno come fecero alcuni ebrei con il nazismo, e quelli che si propongono invece di compiere la profezia di Muhammad. Tra l'incudine ed il martello si sta male, cari Italiani, o Europei. Quando vi dicono "xenofobo" o "razzista" rispondete come si conviene, e cioe': "razzista all'incontrario", "fenomeno psichiatrico affetto dalla sindrome di Stoccolma" o piu' sinteticamente: "deficiente statti zitto".

Nessun commento:

 
SauroModified on byLo PseudoSauro
Le immagini e i marchi su questo website appartengono ai rispettivi proprietari.I commenti ai rispettivi autori.